News

Agenzia delle Entrate: milioni di euro per una sede inutilizzata

Dopo i servizi di Striscia, un’interrogazione parlamentare in cui si chiede di procedere alla disdetta del contratto tra l'Agenzia delle entrate e la proprietà dell'immobile

Il caso dell’Agenzia delle Entrate che paga un canone annuo di affitto di 3.965.000 euro per un immobile (in viale Ciamarra a Roma) inutilizzato ormai da oltre un anno (13 mesi), è stato oggetto dell’interrogazione parlamentare presentata il 20 dicembre da Federico D’Incà (M5S). Striscia si è occupata del caso in 17 servizi andati in onda dal 17 novembre 2016 a oggi. In particolare, l’interrogazione cita l’ultimo servizio, quello del 30 novembre 2017, dedicato alle conseguenze del trasloco nella nuova sede dell'ufficio provinciale, in via Costi, che sarebbe davvero «poco conveniente per le casse dello Stato»: un affitto annuo di 1.508.750 euro per la nuova sede e, contemporaneamente, il mantenimento dei vecchi locali, al momento inutilizzati, per i quali l'Agenzia continuerebbe a pagare un affitto di 3.965.000 euro. Sempre in riferimento a quest’ultimo servizio, si fa notare che l’Agenzia delle Entrate avrebbe risposto che «essendoci un contratto sono costretti a pagare questi soldi fino al 2022». Alla luce di tutto questo, D’Incà chiede di «intervenire con urgenza, adottando le iniziative di competenza anche di carattere normativo, affinché si proceda alla disdetta del contratto in essere tra l'Agenzia delle entrate e la proprietà dell'immobile, verificando che il contratto medesimo non contenga clausole vessatorie e appurando eventuali responsabilità e negligenze da parte dei dirigenti preposti nella gestione del contratto».