News

Alvaro Vitali promuove investimenti in bitcoin: la smentita dell'attore

Alvaro Vitali rivela come guadagnare milioni tramite i bitcoin, ma sarà vero? Negli scorsi giorni è comparso sul web un articolo che ha suscitato molto scalpore dal titolo "Rapporto sociale: l'ultimo investimento di Alvaro Vitali ha lasciato gli esperti a bocca aperta e spaventato le banche".

Stando a quanto riportato in questo servizio, l'attore, ospite a Quelli che il Calcio, avrebbe dichiarato di utilizzare da mesi una piattaforma di trasferimento di bitcoin consigliando ai telespettatori di fare lo stesso.

Facendo qualche verifica, Striscia ha potuto appurare che si tratta ancora una volta di una bufala, pubblicata per trarre in inganno gli utenti. Contattato telefonicamente, lo stesso Alvaro Vitali ha smentito categoricamente la cosa: “Quest’anno non sono mai stato a Quelli Che il Calcio e non ho mai fatto quel tipo di investimenti”.



Sembra si tratti, quindi, dell'ennesimo caso di raggiro online che prevede l'utilizzo, rigorosamente a loro insaputa, di foto di personaggi famosi per promuovere illecitamente programmi di trasferimento di denaro. Questi furbetti inseriscono banner pubblicitari in molte testate giornalistiche adescando gli utenti con titoli accattivanti e clickbait (che invogliano a cliccarci). Il rischio in questi casi è che vengano trafugati dati e somme di denaro.

Leggendo l'articolo, abbiamo trovato numerose analogie con la vicenda che ha visto protagonista il cantante Jovanotti, cui il nostro inviato Valerio Staffelli aveva consegnato il Tapiro d’oro. Sulle news che riportano i modi incredibili in cui questi personaggi si sarebbero arricchiti è evidente come si ripetano sempre gli stessi passaggi e addirittura le stesse identiche frasi. Per esempio si parla di questo tipo di investimenti come di un sistema che "può far diventare milionario chiunque nel giro di 3-4 mesi".

Anche l’immagine di altri personaggi è stata usata a loro insaputa e illecitamente. Tra questi Diletta Leotta, Buffon ed Enrico Brignano, sono stati vittima di questo tipo di raggiri e spesso siamo stati noi di Striscia la Notizia ad avvisarli dell'accaduto.