News

Canzone neomelodica per il boss: Stefania Petyx a Palermo per un selfie contro la mafia

Canzone neomelodica per il boss: Stefania Petyx a Palermo per un selfie contro la mafia

Canzone neomelodica per il boss: Stefania Petyx a Palermo per un selfie contro la mafia

Questa sera, all’interno della prima puntata della 32a edizione di Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35), Stefania Petyx si occupa della polemica scoppiata attorno a “Zio Franco”, la canzone dedicata da una cantante neomelodica al boss Franco Inzerillo, dell’omonima famiglia mafiosa.
 

Il testo contiene evidenti inneggi alla mafia e al boss stesso, motivo per il quale è già stata avanzata una richiesta di censura da parte di un consigliere di circoscrizione del capoluogo siciliano.
 

Stefania Petyx ha fatto un giro nei rioni di Palermo, chiedendo ad alcuni cittadini di posare per un selfie con dei cartelli con scritto «I boss non si rimpiangono» e «La mafia fa schifo». Inizialmente, l’inviata si è scontrata con atteggiamenti di omertà e diffidenza, ma molti sono stati i cittadini che hanno voluto lanciare il loro messaggio contro la criminalità. 

 

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Catania-Palermo, l'autostrada impossibile: cantieri infiniti e gincane tra corsie e carreggiate

Catania-Palermo, l'autostrada impossibile: cantieri infiniti ...

Stefania Petyx si occupa di una piaga autostradale nota come la Catania-Palermo, un percorso di 200 km che ora è diventato il tratto per un'avventura di 5 ore. Infatti, dopo 40 anni, sono iniziati per l'autostrada (ormai anziana), i lavori per riqualificarla e renderla più funzionale. Peccato che siano iniziati improvvisamente e tutti insieme, così da far diventare la tratta ormai impercorribile, un videogame dalle mille deviazioni con problematiche come allagamenti e lunghe code

Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Stefania Petyx si trova a Palermo per parlarci di un problema "pubblico". Nel capoluogo siciliano, infatti, i vespasiani sono perlopiù chiusi o lasciati al più completo degrado. Una questione che riguarda non solo i palermitani, ma soprattutto i tanti turisti che ormai affollano la città. La nostra inviata è andata a sondare il terreno con le guide e i baristi costretti a sopperire alla mancanza del Comune ed è riuscita a strappare una promessa al sindaco Lagalla