ULTIMI VIDEO

News

Dopo le inchieste di Striscia la notizia arrestati cinque truffatori

Rifilavano banconote false in cambio di soldi veri: Moreno Morello li inseguiva dal 2014, ora i Carabinieri li hanno beccati.

I Carabinieri hanno arrestato cinque truffatori specializzati in truffe con la tecnica dello “strappo” (rip deal), e ne stanno cercando un sesto. L’indagine è cominciata nel settembre 2016 al Porto antico di Genova con la denuncia presentata da due pensionati francesi, vittime di un colpo: volevano vendere la propria barca e sono stati convinti da un truffatore, che ha finto di essere interessato all’acquisto, a presentarsi a un appuntamento portando una valigetta con 230 mila euro in contanti. Quindi l’ha strappata dalle loro mani ed è fuggito. Per convincere i venditori a portare dei soldi in contanti, la banda di truffatori diceva di dover cambiare banconote di grosso taglio con contanti di piccolo taglio adducendo problemi di tipo fiscale con le banche. I venditori ci cascavano e puntualmente si vedevano rubare o rapinare la valigetta piena di soldi. I truffatori, per dimostrare che erano in buona fede, mostravano le valige piene di soldi in cui però erano autentiche solo le prime banconote.
Ai sei arrestati sono stati contestati quattro reati fra truffe e rapine.
L'indagine, denominata "surprise", è stata coordinata dal pubblico ministero Francesco Scorza Azzarà che ha emesso sei ordini di custodia cautelare eseguiti ieri dai carabinieri del nucleo operativo di Genova: tre a Milano (base della gang), due in carcere a Imperia e Milano dove sono detenuti per altri reati. Il sesto truffatore è invece latitante e inseguito da un mandato di arresto europeo.
Striscia la Notizia si occupa da anni di questa banda di truffatori. L’inchiesta di Moreno Morello è del 9 dicembre 2014 (vai al video), ed è tornato ad occuparsene recentemente, il 22 novembre 2017 (vai al video). In tutti i casi questi imbroglioni seriali, che cercavano di rifilare banconote false ai malcapitati, si sono dati alla fuga davanti alle telecamere del Tg satirico di Antonio Ricci.