Stefania Petyx
Stefania Petyx

Stefania Petyx

La prima inviata donna di Striscia la notizia nasce a Palermo nel 1969.
Nel 2004 va in onda il suo primo servizio per il tg satirico, armata di impermeabile giallo e bassotto al seguito.
Smascherare ingiustizie, raggiri e cattiva amministrazione in Sicilia è la sua missione.

Non fatevi ingannare dal look da cartone animato, perché per Striscia la moderna signora in giallo ha collezionato una serie di scoop di cui ancora oggi si parla.

Le inchieste per Striscia certo non le sono valse la simpatia di amministratori comunali truffaldini o di malintenzionati, ma – escluse le bombe carta – alla Petyx piace collezionare premi e scarpe.

Nonostante tutto sogna di poter essere, un giorno, una casalinga. Magari non disperata.

Top 10 di Stefania Petyx

Gli Ultimi servizi

vedi tutti
La movida a Palermo tra musica, droga e alcol per le strade

La movida a Palermo tra musica, droga e alcol per le strade

Stefania Petyx ha raccolto le testimonianze dei residenti del quartiere la Vucciria di Palermo, esausti ed esasperati dalla movida notturna. Nonostante le diverse lamentele, il Comune per ora sembra non voler prendere provvedimenti, ma la nostra inviata, grazie a una complice, ci mostra le immagini di quello che avviene per le strade, tra banchetti abusivi che vendono alcolici e pusher che sono veri e proprio minimarket della droga che avvicinano i giovani nottamboli cercando di vendere ...

Catania-Palermo, l'autostrada impossibile: cantieri infiniti e gincane tra corsie e carreggiate

Catania-Palermo, l'autostrada impossibile: cantieri infiniti ...

Stefania Petyx si occupa di una piaga autostradale nota come la Catania-Palermo, un percorso di 200 km che ora è diventato il tratto per un'avventura di 5 ore. Infatti, dopo 40 anni, sono iniziati per l'autostrada (ormai anziana), i lavori per riqualificarla e renderla più funzionale. Peccato che siano iniziati improvvisamente e tutti insieme, così da far diventare la tratta ormai impercorribile, un videogame dalle mille deviazioni con problematiche come allagamenti e lunghe code

Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Stefania Petyx si trova a Palermo per parlarci di un problema "pubblico". Nel capoluogo siciliano, infatti, i vespasiani sono perlopiù chiusi o lasciati al più completo degrado. Una questione che riguarda non solo i palermitani, ma soprattutto i tanti turisti che ormai affollano la città. La nostra inviata è andata a sondare il terreno con le guide e i baristi costretti a sopperire alla mancanza del Comune ed è riuscita a strappare una promessa al sindaco Lagalla