Cassanese Bis: la strada è chiusa ma le luci sono accese

Capitan Ventosa è a Segrate, alle porte di Milano, dove indaga sullo strano caso di una Provinciale che non è stata ancora inaugurata ma è perfettamente illuminata 24 ore al giorno. Qui ci hanno girato pure un film con Pierfrancesco Favino: forse alla fine delle riprese si sono dimenticati di spegnere le luci?

Capitan Ventosa è a Segrate, alle porte di Milano, dove indaga sullo strano caso di una Provinciale che non è stata ancora inaugurata ma è perfettamente illuminata 24 ore al giorno. Qui ci hanno girato pure un film con Pierfrancesco Favino: forse alla fine delle riprese si sono dimenticati di spegnere le luci?

24/02/2023

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
La casa sulla voragine, paura a Vallisnera dopo la frana

La casa sulla voragine, paura a Vallisnera dopo la frana

Capitan Ventosa ci porta a Vallisnera, dove una voragine creata dalla frana di novembre 2023 affianca pericolosamente una casa in cui vivono sette famiglie. Le testimonianze raccolte nella frazione di Ventasso (Reggio Emilia) dicono che non sarebbe stato fatto nessuno studio geologico. Ma qui le persone vanno a dormire con il terrore che una scossa o una forte pioggia faccia franare la loro abitazione. Ci sono crepe nuove sulla strada e dentro la proprietà. L'inviato va dal sindaco…

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata
I dubbi di Pinuccio su Sanremo finiscono in Parlamento

I dubbi di Pinuccio su Sanremo finiscono in Parlamento

L'inviato di "Rai Scoglio 24" torna a occuparsi delle polemiche post Sanremo, sul contratto (c'è o non c'è? Chi l'ha visto?) tra Chiara Ferragni e la Rai, sull'utilizzo delle immagini del backstage del Festivale e sulla possibile pubblicità occulta a Instagram da parte di Amadeus. Il senatore Maurizio Gasparri alle telecamere di Striscia dice di aver presentato un'interrogazione al Ministro delle Imprese e del Made in Italy per avere chiarimenti. Che succederà?

Top 10 Video

tutti i video
Concorso per la Polizia di Stato, beffati gli idonei del 2020

Concorso per la Polizia di Stato, beffati gli idonei del 2020

Ottocento aspiranti poliziotti superarono la prima prova scritta di un concorso a gennaio 2020 e poi vennero dimenticati. Non c'è stato scorrimento di quella graduatoria ma di quelle più recenti uscite da altre due selezioni, con candidati che hanno preso voti inferiori alla più severa soglia del 2020. Alcuni di coloro che ancora aspettano fra un po' raggiungeranno il limite di età e si sentono beffati. Chiara Squaglia ha chiesto spiegazioni alla Polizia e al ministero dell'Interno

use DateTime;