U-Mask e le informazioni equivoche ai clienti

Dopo i servizi di Striscia, i cui test hanno dimostrato che la U-Mask filtrerebbe addirittura meno di una comune chirurgica da 50 centesimi, diversi utenti si sono lamentati per via delle informazioni equivoche diffuse dalla startup sul suo sito e via mail, che portavano i clienti a pensare di avere una protezione paragonabile a quella di una mascherina FFP2 o FFP3. Ma le ambiguità non finiscono qui, come ci spiega Moreno Morello

Dopo i servizi di Striscia, i cui test hanno dimostrato che la U-Mask filtrerebbe addirittura meno di una comune chirurgica da 50 centesimi, diversi utenti si sono lamentati per via delle informazioni equivoche diffuse dalla startup sul suo sito e via mail, che portavano i clienti a pensare di avere una protezione paragonabile a quella di una mascherina FFP2 o FFP3. Ma le ambiguità non finiscono qui, come ci spiega Moreno Morello

27/01/2021

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Il buono (sconto), il bruto e il cattivo: la truffa delle tessere

Il buono (sconto), il bruto e il cattivo: la truffa delle tessere

Moreno Morello torna a occuparsi di un sistema che punta a ingannare i clienti che credono di accettare una tessera sconto gratuita e che poi, dopo essere stati convinti a firmare frettolosamente una ricevuta, si scoprono vincolati per anni a spese di migliaia di euro. La tecnica - in tre fasi - è stata ribattezzata dall'inviato: il buono (sconto), il bruto (il sedicente avvocato che contatta le vittime) e il cattivo, il responsabile che minaccia azioni legali in caso di mancato pagamento.

Tre mesi fermo per un errore sul libretto di circolazione

Tre mesi fermo per un errore sul libretto di circolazione

Moreno Morello racconta la storia di un automobilista di Firenze che grazie al suo gommista ha scoperto che il tipo di pneumatici da montare sulla sua vettura non era previsto sui documenti ufficiali. Ora il costruttore è intervenuto presso il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: i libretti di alcuni modelli prodotti tra settembre 2022 e marzo 2023 andranno corretti. Non sarà un grande problema per quasi tutti i proprietari, ma la famiglia di Firenze ha dovuto rinunciare ...

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata
Sprechi Rai, l'assurdo caso di

Sprechi Rai, l'assurdo caso di "Pubblica utilità"

L'inchiesta di Striscia sugli sperperi della tv di Stato prosegue con un nuovo caso, quello della costosissima Content Room della Rai a Saxa Rubra. La struttura creata nel 2018 per il canale Pubblica Utilità e attrezzata con monitor, luci e schermi per le dirette tv però viene usata solo come un banalissimo ufficio. Un'operazione che pare costata oltre 3 milioni di euro, nella quale rientrano anche gli studi Meteo, inutilizzati e dimenticati

Top 10 Video

tutti i video
use DateTime;