Clicca un tasto dona un pasto

Capitan Ventosa e Luca Abete si riuniscono per parlare di "Non ci ferma nessuno", tour motivazionale che Abete porta in giro dal 2014 nelle Università italiane. La solidarietà aiuta a diventare migliori e grazie ai tanti click dei ragazzi sono stati raggiunti 30 mila pasti completi da donare al Banco alimentare.

Capitan Ventosa e Luca Abete si riuniscono per parlare di "Non ci ferma nessuno", tour motivazionale che Abete porta in giro dal 2014 nelle Università italiane. La solidarietà aiuta a diventare migliori e grazie ai tanti click dei ragazzi sono stati raggiunti 30 mila pasti completi da donare al Banco alimentare.

29/10/2022

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Punzo, il finto ortopedico che prescrive cure

Punzo, il finto ortopedico che prescrive cure

Luca Abete si occupa dell'assurdo caso del dottor Punzo, un autoproclamatosi medico ortopedico (ma anche fisiatra e fisioterapista) che esegue visite e prescrive terapie farmacologiche senza averne i requisiti. L'uomo, infatti, non è iscritto in nessun albo ed è riuscito a ingannare sia il negozio di articoli otopedici presso il quale svolgeva le visite, sia un giornalista al quale ha rilasciato un'intervista sulla riabilitazione dell'ex calciatore del Napoli Milik

Lo strano caso del ponte progettato a metà

Lo strano caso del ponte progettato a metà

Capitan Ventosa si trova a San Benedetto Po (provincia di Mantova) per parlarci della curiosa situazione che riguarda due ponti limitrofi. Il primo, quello vecchio, è stato costruito negli anni Sessanta, ma chiuso ai mezzi pesanti perché giudicato poco sicuro; il secondo, quello nuovo, si ferma a metà strada, perché i 30 milioni stanziati dalla Regione coprivano la costruzione di metà struttura. Un problema che provoca non pochi disagi

Isernia e la burocrazia italiana: oltre sei mesi per cambiare nome

Isernia e la burocrazia italiana: oltre sei mesi per cambiare ...

Capitan Ventosa si trova a Isernia perché una madre esasperata dalle lungaggini burocratiche italiane ha chiesto il suo aiuto. Il figlio, infatti, nato in Polonia e ormai residente in Italia, ha voluto cambiare nome adattandolo all'italiano, ma mentre in Polonia la pratica è già stata evasa, lo stesso non è avvenuto in Italia. Dopo sei mesi di raccomandate e richieste, l'intervento di Striscia risolve il problema

Top 10 Video

tutti i video
use DateTime;