Phishing, i messaggi a cui stare attenti

Finti buoni carburante, problemi alle Postepay o improbabili blocchi di carte di credito: sono sempre più sofisticate le scuse utilizzate per rubarci dati personali e credenziali d'accesso attraverso messaggi fraudolenti. Ce li rivela Marco Camisani Calzolari

Finti buoni carburante, problemi alle Postepay o improbabili blocchi di carte di credito: sono sempre più sofisticate le scuse utilizzate per rubarci dati personali e credenziali d'accesso attraverso messaggi fraudolenti. Ce li rivela Marco Camisani Calzolari

01/04/2022

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Criminali con una morale e dispositivi che fungono da dottori? Ecco le nuove frontiere del digitale

Criminali con una morale e dispositivi che fungono da dottori? ...

Marco Camisani Calzolari indaga su una gang di criminali informatici che, dopo aver hackerato un ospedale canadese che cura i bambini, ha chiesto scusa, perché chi l'ha fatto ha violato le loro regole etiche. Poi si sposta sui sistemi di video sorveglianza con riconoscimento facciale e sulle magliette che possono confonderli. Infine, tratta di dispositivi che misurano le funzioni del nostro corpo in modo sempre meno invasivo. Ma, attenzione, non sostituiscono i medici!

App utili per Natale, da SantaClaus calling allo stato d'animo di Babbo Natale

App utili per Natale, da SantaClaus calling allo stato d'animo ...

Marco Camisani Calzolari mostra quelle che sono le applicazioni più utili in preparazione al Natale: dalle app per mandare un simpatico pensiero personalizzato ai nostri cari a quella che permette di doppiare Babbo Natale trasmettendo il messaggio con la nostra voce. Non manca per i nostalgici l'app per scrivere un testo "a mano", e quella per chiedere a Babbo Natale come sta in questo periodo di feste stressanti.

La storia dei Meme, sconosciuti diventati virali che conquistano il mondo

La storia dei Meme, sconosciuti diventati virali che conquistano ...

Marco Camisani Calzolari si interessa ai Meme, immagini virali che inondano il web e gli smartphone del mondo. Ma perché si chiamano così? Tutto parte dalla parola greca "mimema" ovvero ciò che viene imitato, ma non solo. Le immagini con scritte diverse sarebbero dei riferimenti sociali e culturali. Due memi in particolare sono virali. La storia di uno dei due, è interessante, quella di Andràs Arato, un comune ingegnere ungherese che ha spopolato sui social.

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata

Top 10 Video

tutti i video
Milano reagisce: la borseggiatrice spinge, minaccia e blocca la metro

Milano reagisce: la borseggiatrice spinge, minaccia e blocca ...

Anche grazie al lavoro di Valerio Staffelli e delle ragazze-deterrente molti milanesi cominciano a difendersi dalle aggressioni delle "zanza". Che però, forti anche della protezione garantita dalla legge Cartabia, che ha reso più difficili le sanzioni nei loro confronti, si mostrano subito molto aggressive. Non mancano botte alle telecamere e spintoni, ma quando una di loro blocca il treno della metropolitana, l'esasperazione dei passeggeri è al massimo.

use DateTime;