Il nuovo film dei Sansoni: “Generazione senza tetto”

Arriva il trailer che affronta una questione di cui molto si parla in questo periodo: se i costi degli alloggi per gli studenti nelle grandi città sono così alti, cosa faranno le famiglie che hanno meno disponibilità economiche? I ragazzi saranno costretti a piantare le tende nelle aiuole? È vero che il nostro non è un Paese per fuori sede?

Arriva il trailer che affronta una questione di cui molto si parla in questo periodo: se i costi degli alloggi per gli studenti nelle grandi città sono così alti, cosa faranno le famiglie che hanno meno disponibilità economiche? I ragazzi saranno costretti a piantare le tende nelle aiuole? È vero che il nostro non è un Paese per fuori sede?

12/05/2023

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Capodanno da incubo con la domanda più temuta: che fai l'ultimo dell'anno?

Capodanno da incubo con la domanda più temuta: che fai l'ultimo ...

I Sansoni si trasformano in detective per indagare su alcuni casi di strane e improvvise scomparse nei giorni prima di Capodanno. Pare che le persone che non si fanno più né vedere né sentire siano in aumento, e che la colpa sia dei gruppi WhatsApp sui programmi per San Silvestro. Rapimenti e sparizioni che scattano quando si pronuncia la fatidica frase: "Che facciamo a Capodanno?" Cosa sta succedendo? Chi sarà il colpevole?

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata
Giannini premiato per l'intransigenza, quella contro le repliche?

Giannini premiato per l'intransigenza, quella contro le repliche?

Massimo Giannini, direttore de La Stampa, ha ricevuto a Milano il premio Montale Fuori di Casa «per l'atteggiamento intransigente assunto durante la pandemia, difendendo i vaccini, i Green Pass e i lockdown; per la linea rigorosa seguita sulla guerra in Ucraina e per la raccolta firme (arrivate a 300 mila) a sostegno dell'appello per Fahimeh Karimi, l'allenatrice di pallavolo iraniana detenuta e condannata a morte dal regime di Teheran» (raccolta a cui ha contribuito anche Striscia la ...

Lilli come Uma e Catherine (Zeta-Jones): ma lei è giornalista

Lilli come Uma e Catherine (Zeta-Jones): ma lei è giornalista

Striscia torna sul caso dello sfoggio di orecchini di una marca di gioielli (Vhernier) da parte di Lilli Gruber durante Otto e mezzo su La7: la stessa marca è indossata nel film di Gabriele Muccino Quello che so sull'amore da Uma Thurman e Catherine Zeta Jones, che però sono attrici, non giornaliste. Si scopre poi che Gruber ha posato per l'inserto del Corriere della Sera "Io donna" nel 2019 sfoggiando - come da didascalia - orecchini Vhernier. Ci chiediamo: questo è consentito ...

Top 10 Video

tutti i video
Alla stazione centrale di Milano vietato l’ingresso a Striscia

Alla stazione centrale di Milano vietato l’ingresso a Striscia

Una collaboratrice di Valerio Staffelli, impegnata nella realizzazione di un servizio sui borseggi alla Stazione Centrale di Milano e munita di regolare biglietto, è stata bloccata ai varchi d'ingresso ai binari dal personale di sicurezza delle Ferrovie. Di fatto è stato così impedito al tg satirico di proseguire l'inchiesta sui furti nei treni. Nel frattempo le borseggiatrici passavano tranquillamente e senza titolo di viaggio dai tornelli di uscita lì accanto

Papa Francesco guarda l’ora e si aggiudica I nuovi mostri

Papa Francesco guarda l’ora e si aggiudica I nuovi mostri

Re Carlo è tra i protagonisti di questa puntata della rubrica di Striscia sulle mostruosità televisive. Il terzo posto è invece di Francesco Paolantoni nei panni di uno chef un po'pasticcione. Il secondo gradino se lo aggiudica il pretendente Fabio di Uomini e donne che pretende di avere ragione e viene sgridato da Maria De Filippi. Il primo posto è infine del Papa che assiste con entusiasmo e trasporto all'esibizione di Luciano Ligabue

Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Staffelli torna a occuparsi del problema dei furti sui treni e tra i binari di Milano Centrale. Una ragazza punta un anziano in procinto di salire sul treno con la scusa di aiutarlo. Una borseggiatrice camaleontica, già beccata più volte, rivolge all'inviato frasi volgari davanti ad alcuni bambini. Un'altra per sfuggire a Staffelli si infila addirittura negli uffici della Polfer, che le notifica il Daspo. Lei però torna di nuovo in azione superando i tornelli con gran disinvoltura...

La crisi idrica in Sicilia e il naufragio dei dissalatori

La crisi idrica in Sicilia e il naufragio dei dissalatori

Vietato innaffiare le piante e lavare le auto a Palermo: la Regione ha chiesto lo stato di emergenza per siccità. Che fare? Tra le soluzioni proposte c'è quella dei dissalatori. Peccato che sull'isola ne esistessero già tre, due dei quali fuori uso - come ci spiega Stefania Petyx - e che mezzo secolo fa Gela vantasse l'impianto più grande d'Europa: non funziona nemmeno quello ma ogni anno costa 10 milioni di euro ai siciliani

use DateTime;