Capitan Ventosa
Capitan Ventosa

Capitan Ventosa

“Mi stimo, mi incoraggio!”

Milanese, fa del cabaret la sua ragione e missione di vita. Il teatro è il testimone della sua formazione professionale e i suoi tormentoni in tv (ricordate il nervoso Dai Dai?) diventano popolari.

Nel suo ricco armadio di personaggi che lo hanno reso uno dei volti più amati di Zelig potrete trovare l’Agente Segreto James Tont con il jingle “Ta-na-na-na-nà”, il “FU FU” e il suo mondo “a chiocciola”, e il concorrente Gian Maria Fontana, che “le sa…tutteee!”.

Forse non ci crederete – non è finzione – ma è anche laureato in Economia e Commercio alla Bocconi di Milano… “mica Tont!”

Per Striscia la notizia dal 2014 veste gli attillati panni di Capitan Ventosa e, con il suo tormentone positivo “mi stimo, mi incoraggio!”, risolve le “magaaagne” in tutta la Penisola.

Top 10 di Capitan Ventosa

Mascherine negli stadi, ma non per tutti

Mascherine negli stadi, ma non per tutti

Capitan Ventosa ha notato una strana moda tra i dirigenti delle società di calcio di Serie A: praticamente nessuno di loro indossa la mascherina allo stadio, nonostante sia obbligatoria per tutti. Ma c'è di più, perché anche il neo presidente del Genoa, nonché primario dell'Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Generale del San Raffaele e medico di Berlusconi, sembra essere stato contagiato dalla nuova tendenza insieme all'infettivologo Matteo Bassetti

Gli Ultimi servizi

vedi tutti
Ali Express e le consegne fantasma

Ali Express e le consegne fantasma

Luca Abete ci parla di shopping online e in particolare della piattaforma Ali Express. Molti clienti infatti hanno avuto dei problemi con i loro ordini, che non sono mai arrivati, ma risultano regolarmente consegnati rendendo così impossibile la richiesta di rimborso. Il problema pare sia nelle indicazioni che l'azienda dà ai suoi fattorini. Il nostro inviato chiede quindi aiuto a Capitan Ventosa per chiedere spiegazioni ad Alibaba, azienda che gestisce Ali Express e che ha sede a Milano

Lo strano caso del ponte progettato a metà

Lo strano caso del ponte progettato a metà

Capitan Ventosa si trova a San Benedetto Po (provincia di Mantova) per parlarci della curiosa situazione che riguarda due ponti limitrofi. Il primo, quello vecchio, è stato costruito negli anni Sessanta, ma chiuso ai mezzi pesanti perché giudicato poco sicuro; il secondo, quello nuovo, si ferma a metà strada, perché i 30 milioni stanziati dalla Regione coprivano la costruzione di metà struttura. Un problema che provoca non pochi disagi

Isernia e la burocrazia italiana: oltre sei mesi per cambiare nome

Isernia e la burocrazia italiana: oltre sei mesi per cambiare ...

Capitan Ventosa si trova a Isernia perché una madre esasperata dalle lungaggini burocratiche italiane ha chiesto il suo aiuto. Il figlio, infatti, nato in Polonia e ormai residente in Italia, ha voluto cambiare nome adattandolo all'italiano, ma mentre in Polonia la pratica è già stata evasa, lo stesso non è avvenuto in Italia. Dopo sei mesi di raccomandate e richieste, l'intervento di Striscia risolve il problema