Buoni fruttiferi postali, Poste disattende le decisioni dell’arbitro

Moreno Morello torna a parlarci della serie Q/P di Buoni fruttiferi postali trentennali per i quali erano stati utilizzati, in alcuni casi, dei moduli vecchi relativi a un'altra serie in cui mancavano gli interessi relativi agli ultimi trent'anni. Risultato: a seconda dei moduli rilasciati, cambiavano gli interessi, con i risparmiatori che si ritrovavano così con percentuali diverse. Il nostro inviato ci aggiorna sull'evoluzione della vicenda e sull'atteggiamento di Poste Italiane

Moreno Morello torna a parlarci della serie Q/P di Buoni fruttiferi postali trentennali per i quali erano stati utilizzati, in alcuni casi, dei moduli vecchi relativi a un'altra serie in cui mancavano gli interessi relativi agli ultimi trent'anni. Risultato: a seconda dei moduli rilasciati, cambiavano gli interessi, con i risparmiatori che si ritrovavano così con percentuali diverse. Il nostro inviato ci aggiorna sull'evoluzione della vicenda e sull'atteggiamento di Poste Italiane

11/06/2021

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Il buono (sconto), il bruto e il cattivo: la truffa delle tessere

Il buono (sconto), il bruto e il cattivo: la truffa delle tessere

Moreno Morello torna a occuparsi di un sistema che punta a ingannare i clienti che credono di accettare una tessera sconto gratuita e che poi, dopo essere stati convinti a firmare frettolosamente una ricevuta, si scoprono vincolati per anni a spese di migliaia di euro. La tecnica - in tre fasi - è stata ribattezzata dall'inviato: il buono (sconto), il bruto (il sedicente avvocato che contatta le vittime) e il cattivo, il responsabile che minaccia azioni legali in caso di mancato pagamento.

Tre mesi fermo per un errore sul libretto di circolazione

Tre mesi fermo per un errore sul libretto di circolazione

Moreno Morello racconta la storia di un automobilista di Firenze che grazie al suo gommista ha scoperto che il tipo di pneumatici da montare sulla sua vettura non era previsto sui documenti ufficiali. Ora il costruttore è intervenuto presso il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: i libretti di alcuni modelli prodotti tra settembre 2022 e marzo 2023 andranno corretti. Non sarà un grande problema per quasi tutti i proprietari, ma la famiglia di Firenze ha dovuto rinunciare ...

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata

Top 10 Video

tutti i video
use DateTime;