Il regista sempre più furbetto

Continuano le riprese de "I passi della vita" del regista Jean Leon, colui che da Bitonto spera di stravolgere la storia del cinema. Lui sì che è all'avanguardia, perché per partecipare al suo film non serve recitare: basta pagare! Ma chi è costui? "Io nasco come animatore di villaggi, come attore. Poi mi sono affermato come regista, qualche anno fa. Ora sono in BALIA di girare questo film", spiega. Intanto, oltre a chiedere soldi ai suoi attori per poter partecipare, Jean Leon non chiede i dovuti permessi per girare e non ha stipulato le assicurazioni per le maestranze. Con un curriculum di questo genere, poteva il cineasta non riuscire ad avviare una produzione con l'Apulia Film Commission? L'ironia è d'obbligo, perché la verità ha dell'incredibile. Come ci mostra la nostra Rajae.

Continuano le riprese de "I passi della vita" del regista Jean Leon, colui che da Bitonto spera di stravolgere la storia del cinema. Lui sì che è all'avanguardia, perché per partecipare al suo film non serve recitare: basta pagare! Ma chi è costui? "Io nasco come animatore di villaggi, come attore. Poi mi sono affermato come regista, qualche anno fa. Ora sono in BALIA di girare questo film", spiega. Intanto, oltre a chiedere soldi ai suoi attori per poter partecipare, Jean Leon non chiede i dovuti permessi per girare e non ha stipulato le assicurazioni per le maestranze. Con un curriculum di questo genere, poteva il cineasta non riuscire ad avviare una produzione con l'Apulia Film Commission? L'ironia è d'obbligo, perché la verità ha dell'incredibile. Come ci mostra la nostra Rajae.

28/02/2019

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Rajae incontra Vannacci: «Del mio libro cambierei solo la punteggiatura»

Rajae incontra Vannacci: «Del mio libro cambierei solo la punteggiatura»

Rajae Bezzaz è a Lucca dove Aldo Grandi, direttore della Gazzetta di Lucca, già sospeso per tre mesi dall'Ordine dei Giornalisti dopo aver augurato "un male incurabile" a Laura Boldrini, presenta tra le contestazioni il libro "Il mondo al contrario" del generale Vannacci. «Non ce l'ho con gli immigrati e con i neri - assicura lui - e non cambierei nulla di quello che ho scritto. Forse la punteggiatura».

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata

Top 10 Video

tutti i video
use DateTime;