Lucci incalza i politici italiani: siamo sudditi degli Usa?

L'inviato insegue esponenti di tutti i partiti con una semplice - in apparenza - domanda sulla situazione internazionale e la guerra in Ucraina: riusciremo a stare con la schiena dritta di fronte agli Stati Uniti? Lo urla anche al presidente del Consiglio Giorgia Meloni, ma la risposta non arriva.

L'inviato insegue esponenti di tutti i partiti con una semplice - in apparenza - domanda sulla situazione internazionale e la guerra in Ucraina: riusciremo a stare con la schiena dritta di fronte agli Stati Uniti? Lo urla anche al presidente del Consiglio Giorgia Meloni, ma la risposta non arriva.

21/03/2023

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Giuseppe Conte si fa rifare il musetto davanti a tutti

Giuseppe Conte si fa rifare il musetto davanti a tutti

«Scusi Del Debbio, c'è qui la truccatrice davanti. Abbia pazienza, abbia pazienza non ci siamo raccordati, era tutto aperto qui, ero distratto.(...) scusi un attimo, un secondo che mi tolgono un po' di lucido, prego, al volo. Mi perdoni, ma ero distratto da questa gentile presenza», è quanto ha detto Giuseppe Conte a Paolo Del Debbio in un fuorionda durante la sua ospitata a Dritto e rovescio. Tutto questo mentre l'estetista era impegnata a incipriare il viso dell'ex Premier

Ossessionati dai like? Lucci a caccia di confessioni

Ossessionati dai like? Lucci a caccia di confessioni

Qualcuno in Cina ha usato 4600 cellullari per avere più visualizzazioni: questa è l'ossessione della nostra era ed Enrico Lucci vuole capire quanti personaggi noti abbiano lo stesso chiodo fisso. L'inviato cerca di mettere zizzania tra Malika Ayane ed Emma e scopre da Alba Parietti che il suo cane è più social di lei. Poi intercetta Martin Castrogiovanni, Angela Finocchiaro, Michele Bravi, Osho, Christian De Sica, Andrew Howe, Moustapha Fall e altri

La moglie di Gramellini ci vede bene per stare con lui?

La moglie di Gramellini ci vede bene per stare con lui?

Enrico Lucci è a Roma e ci spiega che in Italia si conferiscono migliaia di premi all'anno. E con l'arrivo dell'estate questi aumentano. L'inviato si reca quindi a un evento in Campidoglio e si congratula con chi è lì per ricevere un riconoscimento. Incontra Carolina Marconi, Tony Papa, il dj Claudio De Tullio, Drusilla Foer, Chiara Boni, Sara Lazzaro (ex moglie di Luca Argentero), Tosca, Massimo Gramellini accompagnato dalla bellissima consorte, Valeria Solarino, Giovanni Veronesi

«Salvini fai Pen», si dice così in Francia?

«Salvini fai Pen», si dice così in Francia?

Matteo Salvini, interpretato da Dario Ballantini, è con la finta Marine Le Pen per fare il giro di Roma in sella a uno scooter. Il vicepremier vorrebbe guidare, ma la deputata francese non glielo lascia fare perché vuole essere lei al comando dell'Europa. E tra i selfie davanti al Colosseo e le passeggiate tra i monumenti, i due sugellano il loro amore su un lucchetto. Poi il ministro dei Trasporti esprime un desiderio: essere sempre legato a Marine. E lei lo accontenta

Corruzione tra i vip? C'è chi accetta anelli e bracciali

Corruzione tra i vip? C'è chi accetta anelli e bracciali

Ogni giorno in Italia, tra scandali e tangenti, c'è qualcuno che fa regali e qualcun altro che in cambio fa piaceri. Aggirandosi per uno dei tanti eventi dell'estate romana, Enrico Lucci chiede ad attrici, produttori e giornalisti se qualcuno abbia mai cercato di corromperli. Tra gli altri rispondono Nadia Bengala, Demetra Hampton, Arianna Cigni (che risponde affermativamente), Veronica Ursida, Valerio Scanu, Simona Izzo e Ricky Tognazzi

I politici di nuovo bimbi tra cacchine, pannolini e palloncini

I politici di nuovo bimbi tra cacchine, pannolini e palloncini

«Sarebbe bello tornare bambini per un giorno», riflette il leader del Movimento 5 Stelle. Lo seguono a ruota Matteo Salvini, Matteo Renzi, Carlo Calenda, Giorgia Meloni ed Elly Schlein in questa canzone nostalgica. C'è chi vorrebbe gonfiare di nuovo i palloncini, chi stare tutto il tempo sul passeggino, chi tornare a parlare con la T e la lingua davanti. E altro ancora. Highlander Dj rivela a tempo di musica i loro inconfessabili desideri

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata
Tapiro gigante per il direttore Giannini che censura le repliche

Tapiro gigante per il direttore Giannini che censura le repliche

Valerio Staffelli è a Roma, allo spazio Europa per recapitare un Tapiro d'oro gigante - accompagnato da uno striscione con la scritta: «No alla "legge" bavaglio di Giannini» - al direttore del quotidiano La Stampa Massimo Giannini, tra i premiati - come Naomi Campbell - alla decima edizione del "Premio La Moda Veste la Pace" per la sua «sensibilità sociale». Avrà sensibilità sociale, ma è insensibile alla libertà di parola: a più di tre mesi dalla pubblicazione su La ...

Associazioni per l'integrazione contro Soumahoro: fare chiarezza

Associazioni per l'integrazione contro Soumahoro: fare chiarezza

Pinuccio torna a occuparsi dell'onorevole con gli stivali Abubakar Soumahoro per raccogliere l'appello di altre associazioni di africani che reclamano spiegazioni sul suo operato. «Vogliamo sapere dove siano finite quelle risorse e chiediamo che la magistratura faccia chiarezza», dice Ablaye Seye dell'associazione Teranga A.I.P, che svela a Pinuccio che, da quando è scoppiato il caso che lo vede coinvolto, Soumahoro nei ghetti di Foggia non si farebbe più vedere.

Il bar dell'Agenzia delle entrate non fa scontrini: per Ghione e la troupe botte, minacce e spintoni

Il bar dell'Agenzia delle entrate non fa scontrini: per Ghione ...

Jimmy Ghione si era già occupato nel 2018 del bar sito all'interno della sede dell'Agenzia delle entrate Eur 6 Torrino, a Roma, che incredibilmente - pur trovandosi in ufficio che si occupa proprio di tasse - non faceva gli scontrini ai clienti. Ci è tornato per vedere se qualcosa fosse cambiato e questa volta è andata pure peggio: scontrini zero, o quasi, e in compenso botte, spintoni e minacce: "Prendo il coltello e vi ammazzo" è la frase rivolta a Ghione e alla sua squadra dal ...

Top 10 Video

tutti i video
Concorso per la Polizia di Stato, beffati gli idonei del 2020

Concorso per la Polizia di Stato, beffati gli idonei del 2020

Ottocento aspiranti poliziotti superarono la prima prova scritta di un concorso a gennaio 2020 e poi vennero dimenticati. Non c'è stato scorrimento di quella graduatoria ma di quelle più recenti uscite da altre due selezioni, con candidati che hanno preso voti inferiori alla più severa soglia del 2020. Alcuni di coloro che ancora aspettano fra un po' raggiungeranno il limite di età e si sentono beffati. Chiara Squaglia ha chiesto spiegazioni alla Polizia e al ministero dell'Interno

use DateTime;