Napoli, prosegue il contrabbando di sigarette

Luca Abete è tornato a far visita a una delle venditrici di sigarette di contrabbando, che non solo prosegue con il suo business, ma ne ha trovato anche un altro: il commercio di mascherine. Ma la signora non è l'unica a vendere sigarette in modo irregolare e per di più di marchi banditi in Europa perché particolarmente pericolose per la salute

Luca Abete è tornato a far visita a una delle venditrici di sigarette di contrabbando, che non solo prosegue con il suo business, ma ne ha trovato anche un altro: il commercio di mascherine. Ma la signora non è l'unica a vendere sigarette in modo irregolare e per di più di marchi banditi in Europa perché particolarmente pericolose per la salute

05/05/2020

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Trattamenti estetici, un caso che scotta fino a bruciare la pelle

Trattamenti estetici, un caso che scotta fino a bruciare la pelle

Entriamo con Luca Abete in un cento estetico in cui vengono praticati trattamenti al setto nasale e "blefaroplasma", tecnica attraverso la quale il laser brucia la pelle in eccesso della palpebra. L'inviato chiede il parere di un esperto, perché blefaroplastica e rinoplastica sono illegali quando non praticate da un medico: potrebbero infatti creare ustioni alla cornea e ai tessuti profondi oppure necrosi con danni irreversibili"

Mafia e cantanti neomelodici, una nota stonata della nostra terra

Mafia e cantanti neomelodici, una nota stonata della nostra terra

Luca Abete ci parla di alcuni artisti neomelodici che si associano alla criminalità organizzata, arrivando anche a inneggiare alla Camorra e ai suoi capiclan. I messaggi espliciti a sostegno della malavita trovano spazio anche sui social. L'inviato incontra un influencer che comunica concetti discutibili sulle sue pagine e quando l'inviato gli chiede spiegazioni, l'organizzazione criminale sembra non esistere più

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata

Top 10 Video

tutti i video
Alla stazione centrale di Milano vietato l’ingresso a Striscia

Alla stazione centrale di Milano vietato l’ingresso a Striscia

Una collaboratrice di Valerio Staffelli, impegnata nella realizzazione di un servizio sui borseggi alla Stazione Centrale di Milano e munita di regolare biglietto, è stata bloccata ai varchi d'ingresso ai binari dal personale di sicurezza delle Ferrovie. Di fatto è stato così impedito al tg satirico di proseguire l'inchiesta sui furti nei treni. Nel frattempo le borseggiatrici passavano tranquillamente e senza titolo di viaggio dai tornelli di uscita lì accanto

use DateTime;