Rajae intervista Sergio Vessicchio

Rajae Bezzaz intervista Sergio Vessicchio, il giornalista dell’emittente locale CanaleCinqueTv che durante la telecronaca della partita di calcio Agropoli-Sant’Agnello (campionato di Eccellenza Campania), si è scagliato contro l’assistente arbitrale Annalisa Moccia, dicendo: «Prego la regia di seguire l’assistente donna. È una cosa inguardabile! È uno schifo vedere le donne che vengono a fare gli arbitri in un campionato dove le società spendono centinaia di migliaia di euro...». Il giornalista, intercettato ad Agropoli dall’inviata di Striscia ammette: «Ho sbagliato e ho chiesto scusa alla donna». Ma sottolinea: «La mia idea è fissa e bloccata: le donne devono arbitrare le donne, gli uomini devono arbitrare gli uomini». Rajae ribatte: «Ma questa è un’idea un po’ sessista...». E il telecronista: «Non mi accusi di sessismo perché non gliela faccio passare. Il sessista è Marcello Nicchi (presidente Aia, ndr) che non le fa arbitrare in Serie A. Vada da Nicchi». Inoltre aggiunge: «Si deve dimettere il presidente. Le manda al macello e al massacro sui campi di periferia».

Rajae Bezzaz intervista Sergio Vessicchio, il giornalista dell’emittente locale CanaleCinqueTv che durante la telecronaca della partita di calcio Agropoli-Sant’Agnello (campionato di Eccellenza Campania), si è scagliato contro l’assistente arbitrale Annalisa Moccia, dicendo: «Prego la regia di seguire l’assistente donna. È una cosa inguardabile! È uno schifo vedere le donne che vengono a fare gli arbitri in un campionato dove le società spendono centinaia di migliaia di euro...». Il giornalista, intercettato ad Agropoli dall’inviata di Striscia ammette: «Ho sbagliato e ho chiesto scusa alla donna». Ma sottolinea: «La mia idea è fissa e bloccata: le donne devono arbitrare le donne, gli uomini devono arbitrare gli uomini». Rajae ribatte: «Ma questa è un’idea un po’ sessista...». E il telecronista: «Non mi accusi di sessismo perché non gliela faccio passare. Il sessista è Marcello Nicchi (presidente Aia, ndr) che non le fa arbitrare in Serie A. Vada da Nicchi». Inoltre aggiunge: «Si deve dimettere il presidente. Le manda al macello e al massacro sui campi di periferia».

27/03/2019

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Esclusivo: sedativi e gabbie nel CPR di Palazzo San Gervasio

Esclusivo: sedativi e gabbie nel CPR di Palazzo San Gervasio

Rajae Bezzaz è a Palazzo San Gervasio, in provincia di Potenza, in uno dei dieci CPR (Centri di permanenza per il rimpatrio) d'Italia. È difficilissimo entrarci o anche solo avere immagini di questi luoghi, che in teoria non sono prigioni: qui vengono identificati e rimpatriati gli immigrati irregolari. Striscia però è venuta in possesso di immagini e informazioni che suscitano molti interrogativi, e non può tacere.

Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Aboubakar Soumahoro dice in tv che nessuno parla degli incendi nei ghetti, ma Rajae Bezzaz non fa altro da otto anni: a Striscia la notizia ha raccontato quelli di Boreano in Basilicata, nel gran ghetto di Rignano, a Rosarno, in Calabria, ancora a Rignano, e al ghetto dei bulgari vicino a Borgo Mezzanone. Poi, due anni dopo, a Rosarno, sull'isola di Lesbo, in Grecia, a Borgo Mezzanone. Onorevole, in questi anni non ha mai acceso la tv?

Capodanno globale: come festeggia il mondo che abbiamo in casa

Capodanno globale: come festeggia il mondo che abbiamo in casa

Rajae Bezzaz è a Torino, in uno dei luoghi più multiculturali d'Italia, per indagare sui tanti modi diversi in cui Capodanno si festeggia nelle varie culture che convivono oggi nel nostro Paese: scopriamo così che anche per i cinesi d'Italia esiste un doppio Capodanno e che - attenzione! - il 2023 sarà l'anno della tigre. I marocchini salutano il 1444 e non il 2023. E i bengalesi ballano tanto, ma poi si riposano anche per due giorni.

Gli interpreti afghani abbandonati dall'Italia: la storia di Sayed

Gli interpreti afghani abbandonati dall'Italia: la storia di ...

Da ormai un anno Striscia si occupa di accendere i riflettori sugli interpreti afghani abbandonati dal contingente italiano, dopo la precipitosa fuga in seguito alla presa del potere dei talebani. Rajae ci racconta la storia di un papà ridotto a stare per strada con la sua famiglia. Grazie all'intervento di Striscia la situazione sembra essersi risolta, almeno per moglie e figli, anche se non sono mancati gli intoppi e i depistaggi

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?

Afghanistan: il pericolo non è finito, ma l'Italia ha la memoria corta

Afghanistan: il pericolo non è finito, ma l'Italia ha la memoria ...

Da quando i talebani hanno preso il controllo dell'Afghanistan lo scorso agosto, il destino di coloro che hanno collaborato con il governo italiano è appeso a un filo. Rajae questa volta ci racconta la storia di Hanif, profugo fuggito in Iran che ha rischiato la vita con ben due sequestri da parte della tratta di esseri umani e che ora cerca di ricongiungersi con lo zio che ha cittadinanza italiana. Ma la burocrazia è una rete difficile da sbrogliare

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata

Top 10 Video

tutti i video
Petyx aggredita a Campobello di Mazara, ultimo covo di Messina Denaro

Petyx aggredita a Campobello di Mazara, ultimo covo di Messina ...

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) in esclusiva le primissime immagini dell'aggressione subita da Stefania Petyx a Campobello di Mazara, ultimo covo del boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro. L'inviata del tg satirico, in missione per chiedere ai cittadini un selfie contro la mafia, invece di ricevere solidarietà è stata insultata, minacciata e poi quasi investita da un motorino. Il servizio integrale andrà in onda nella puntata del 27 gennaio.

La metro di Milano invasa dalle borseggiatrici. E scoppia il far west

La metro di Milano invasa dalle borseggiatrici. E scoppia il ...

Anche grazie all'impunità garantita dalla riforma Cartabia, le "zanza" borseggiatrici sembrano aumentare a vista d'occhio nella metropolitana di Milano. Valerio Staffelli e le ragazze antiborseggio ne segue alcune e spintoni, insulti e dito medio. La situazione situazione esplosiva, come dimostra un video sconcertante girato da alcuni passeggeri, con scene di ordinaria violenza urbana: un uomo di origine araba blocca e immobilizza la borseggiatrice che ha appena derubato una ...

Chi è davvero il gran capo di BagniStar?

Chi è davvero il gran capo di BagniStar?

Max Laudadio torna a indagare su Bagni Star, la società che promette di ristrutturare i bagni in una settimana e che poi conclude i lavori dopo mesi oppure - come molti segnalatori hanno fatto sapere a Striscia - consegna lavori che presentano diversi problemi. L'inviato non riesce ad avere una risposta chiara su chi sia il boss della società: Roberto Guerra dice di essere solo il capo degli installatori, ma poi gira con un'auto da 300 mila euro e abita con sua moglie, che sarebbe solo una ...

use DateTime;