Tapiro d’oro a Jovanotti

Jovanotti riceve il Tapiro d’oro per la polemica con Reinhold Messner per il suo concerto a Plan de Corones (Bolzano-Alto Adige). Intercettato nel suo studio di registrazione a Cortona (Arezzo) da Valerio Staffelli, il cantante commenta: «Quando mi hanno proposto di fare il concerto in montagna ho pensato fosse un fuoriprogramma rispetto al tour nelle spiagge che abbiamo organizzato. Io non conosco Plan de Corones, però so che ci hanno fatto il Giro d’Italia, che ci hanno fatto un sacco di concerti, che ci arrivano migliaia di persone tutti gli anni. Quando ho letto l’intervista di Messner sono rimasto un po’ stupito. Secondo me è un equivoco. Andremo su tra l’altro con una struttura a impatto limitatissimo e con il WWF». A questo punto fa incontrare il Tapiro e il Panda del WWF e propone: «Mettiamoli insieme! Se nasce il Pandiro potrebbe diventare il Tapiro ecologico. Se uno fa danni ecologici gli si dà il Pandiro». Jovanotti poi racconta un suo incontro con l’alpinista in Pakistan nel 2000: «Sono andato lì per stringere la mano a una leggenda. Non ha neanche alzato lo sguardo e mi ha detto: “Non vedi che sto lavorando?”. Forse era immerso nei pensieri impegnativi di quello che lo aspettava, però in quel momento mi ha addirittura un po’ impaurito». Poi saluta Staffelli con una versione rivisitata della canzone Ragazzo fortunato dedicata a Striscia.

Jovanotti riceve il Tapiro d’oro per la polemica con Reinhold Messner per il suo concerto a Plan de Corones (Bolzano-Alto Adige). Intercettato nel suo studio di registrazione a Cortona (Arezzo) da Valerio Staffelli, il cantante commenta: «Quando mi hanno proposto di fare il concerto in montagna ho pensato fosse un fuoriprogramma rispetto al tour nelle spiagge che abbiamo organizzato. Io non conosco Plan de Corones, però so che ci hanno fatto il Giro d’Italia, che ci hanno fatto un sacco di concerti, che ci arrivano migliaia di persone tutti gli anni. Quando ho letto l’intervista di Messner sono rimasto un po’ stupito. Secondo me è un equivoco. Andremo su tra l’altro con una struttura a impatto limitatissimo e con il WWF». A questo punto fa incontrare il Tapiro e il Panda del WWF e propone: «Mettiamoli insieme! Se nasce il Pandiro potrebbe diventare il Tapiro ecologico. Se uno fa danni ecologici gli si dà il Pandiro». Jovanotti poi racconta un suo incontro con l’alpinista in Pakistan nel 2000: «Sono andato lì per stringere la mano a una leggenda. Non ha neanche alzato lo sguardo e mi ha detto: “Non vedi che sto lavorando?”. Forse era immerso nei pensieri impegnativi di quello che lo aspettava, però in quel momento mi ha addirittura un po’ impaurito». Poi saluta Staffelli con una versione rivisitata della canzone Ragazzo fortunato dedicata a Striscia.

15/04/2019

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Staffelli torna a occuparsi del problema dei furti sui treni e tra i binari di Milano Centrale. Una ragazza punta un anziano in procinto di salire sul treno con la scusa di aiutarlo. Una borseggiatrice camaleontica, già beccata più volte, rivolge all'inviato frasi volgari davanti ad alcuni bambini. Un'altra per sfuggire a Staffelli si infila addirittura negli uffici della Polfer, che le notifica il Daspo. Lei però torna di nuovo in azione superando i tornelli con gran disinvoltura...

Alla stazione centrale di Milano vietato l'ingresso a Striscia

Alla stazione centrale di Milano vietato l'ingresso a Striscia

Una collaboratrice di Valerio Staffelli, impegnata nella realizzazione di un servizio sui borseggi alla Stazione Centrale di Milano e munita di regolare biglietto, è stata bloccata ai varchi d'ingresso ai binari dal personale di sicurezza delle Ferrovie. Di fatto è stato così impedito al tg satirico di proseguire l'inchiesta sui furti nei treni. Nel frattempo le borseggiatrici passavano tranquillamente e senza titolo di viaggio dai tornelli di uscita lì accanto

Arresto in stazione: Staffelli sventa il furto di una valigia

Arresto in stazione: Staffelli sventa il furto di una valigia

L'inviato di Striscia torna alla stazione di Milano Centrale per mostrarci come sia agevole per i malintenzionati superare le barriere, visto che si passa senza biglietto. Un ladro può fingersi passeggero, prendere bagagli posizionati vicino alle uscite e portarli giù dal treno. Come fa un uomo che segue una turista inglese e, al momento opportuno, le ruba il trolley già sul convoglio: ma Staffelli lo segue e non lo molla, riesce a fermarlo e a quel punto scatta pure l'arresto

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata

Top 10 Video

tutti i video
Alla stazione centrale di Milano vietato l’ingresso a Striscia

Alla stazione centrale di Milano vietato l’ingresso a Striscia

Una collaboratrice di Valerio Staffelli, impegnata nella realizzazione di un servizio sui borseggi alla Stazione Centrale di Milano e munita di regolare biglietto, è stata bloccata ai varchi d'ingresso ai binari dal personale di sicurezza delle Ferrovie. Di fatto è stato così impedito al tg satirico di proseguire l'inchiesta sui furti nei treni. Nel frattempo le borseggiatrici passavano tranquillamente e senza titolo di viaggio dai tornelli di uscita lì accanto

Papa Francesco guarda l’ora e si aggiudica I nuovi mostri

Papa Francesco guarda l’ora e si aggiudica I nuovi mostri

Re Carlo è tra i protagonisti di questa puntata della rubrica di Striscia sulle mostruosità televisive. Il terzo posto è invece di Francesco Paolantoni nei panni di uno chef un po'pasticcione. Il secondo gradino se lo aggiudica il pretendente Fabio di Uomini e donne che pretende di avere ragione e viene sgridato da Maria De Filippi. Il primo posto è infine del Papa che assiste con entusiasmo e trasporto all'esibizione di Luciano Ligabue

Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Staffelli torna a occuparsi del problema dei furti sui treni e tra i binari di Milano Centrale. Una ragazza punta un anziano in procinto di salire sul treno con la scusa di aiutarlo. Una borseggiatrice camaleontica, già beccata più volte, rivolge all'inviato frasi volgari davanti ad alcuni bambini. Un'altra per sfuggire a Staffelli si infila addirittura negli uffici della Polfer, che le notifica il Daspo. Lei però torna di nuovo in azione superando i tornelli con gran disinvoltura...

use DateTime;