Tutorial educativo

Rajae torna oggi a parlarci di un argomento che ci sta molto a cuore e che ormai è sempre più d'attualità: l’uso della lingua dei segni in tutti gli ambiti della vita quotidiana. La nostra inviata è di nuovo in compagnia di Carola ed Emilio Insolera, che parlano tra loro la lingua dei segni inglese, che secondo il “New York Times” è la quarta lingua più studiata nelle università americane, più dell’italiano. Lei è una top model norvegese che fino all’età di otto anni pensava che il mondo fosse popolato da persone sorde, poiché tutta la sua famiglia lo è. Emilio, suo marito, è un attore e regista italo-argentino, anche egli sordo, con cui la modella ha avuto una figlia non udente. Con il loro lavoro di attori e modelli, Carola ed Emilio dimostrano a tutti che la sordità non è affatto un limite, ma può essere una ricchezza. In particolare, oggi proveranno a darci dei consigli su come evitare alcune situazioni di imbarazzo che si possono verificare quando ci si trova a parlare con una persona sorda.

Rajae torna oggi a parlarci di un argomento che ci sta molto a cuore e che ormai è sempre più d'attualità: l’uso della lingua dei segni in tutti gli ambiti della vita quotidiana. La nostra inviata è di nuovo in compagnia di Carola ed Emilio Insolera, che parlano tra loro la lingua dei segni inglese, che secondo il “New York Times” è la quarta lingua più studiata nelle università americane, più dell’italiano. Lei è una top model norvegese che fino all’età di otto anni pensava che il mondo fosse popolato da persone sorde, poiché tutta la sua famiglia lo è. Emilio, suo marito, è un attore e regista italo-argentino, anche egli sordo, con cui la modella ha avuto una figlia non udente. Con il loro lavoro di attori e modelli, Carola ed Emilio dimostrano a tutti che la sordità non è affatto un limite, ma può essere una ricchezza. In particolare, oggi proveranno a darci dei consigli su come evitare alcune situazioni di imbarazzo che si possono verificare quando ci si trova a parlare con una persona sorda.

15/05/2019

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Rajae incontra Vannacci: «Del mio libro cambierei solo la punteggiatura»

Rajae incontra Vannacci: «Del mio libro cambierei solo la punteggiatura»

Rajae Bezzaz è a Lucca dove Aldo Grandi, direttore della Gazzetta di Lucca, già sospeso per tre mesi dall'Ordine dei Giornalisti dopo aver augurato "un male incurabile" a Laura Boldrini, presenta tra le contestazioni il libro "Il mondo al contrario" del generale Vannacci. «Non ce l'ho con gli immigrati e con i neri - assicura lui - e non cambierei nulla di quello che ho scritto. Forse la punteggiatura».

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata

Top 10 Video

tutti i video
use DateTime;