U-Mask, ritirato anche il modello 2.1: cosa è successo

Dopo il servizio di Striscia della scorsa settimana sul nuovo modello di U-Mask 2.1 che registrava buoni livelli di filtrabilità ma non aveva passato il test di respirabilità, il ministero della Salute ha bloccato la vendita perché ha ritenuto che anche questa volta non ci sia stato un regolare processo valutatitvo in termini di sicurezza ed efficacia del dispositivo. Moreno Morello ci spiega cosa è successo

Dopo il servizio di Striscia della scorsa settimana sul nuovo modello di U-Mask 2.1 che registrava buoni livelli di filtrabilità ma non aveva passato il test di respirabilità, il ministero della Salute ha bloccato la vendita perché ha ritenuto che anche questa volta non ci sia stato un regolare processo valutatitvo in termini di sicurezza ed efficacia del dispositivo. Moreno Morello ci spiega cosa è successo

29/03/2021

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Intolleranze alimentari: i test servono a qualcosa?

Intolleranze alimentari: i test servono a qualcosa?

Moreno Morello prova a fare chiarezza sui test detti spesso IgG, o igG4, quelli che dovrebbero misurare le intolleranze alimentari e che talvolta spingono a cambiare le proprie abitudini. Si tratta di esami molto costosi per la collettività, che secondo gli allergologi hanno scarsissimo valore scientifico (tranne quelli per l'intolleranza al lattosio e al glutine, a quanto pare). Attenzione, allora: meglio informarsi bene prima di prendere decisioni drastiche.

Reef Immobiliare: dopo l'anticipo, nulla. E ora il fallimento

Reef Immobiliare: dopo l'anticipo, nulla. E ora il fallimento

Moreno Morello torna a occuparsi di una società immobiliare che aveva destato molti interrogativi. La Reef Immobiliare si faceva versare caparre per case e appartamenti che in molti casi non venivano poi davvero consegnati. E l'anticipo non veniva restituito al doppio del valore, come stabilisce la legge. Ora si scopre che la società originaria, che nel frattempo ha cambiato nome, è fallita. Che cosa accadrà ai clienti?

Stragi in mare: chi paga per le vittime di barche non assicurate?

Stragi in mare: chi paga per le vittime di barche non assicurate?

«I parenti dei migranti deceduti in mare in territorio italiano potrebbero essere risarciti dallo Stato», dice l'esperto di assicurazioni a Moreno Morello. Si parla del Fondo di garanzia per le Vittime della Strada (FGVS), che garantisce un risarcimento alle persone trasportate e danneggiate in tutti i casi in cui un veicolo o un natante, anche stranieri, siano sprovvisti di assicurazione o non identificati. Possibile che non ci abbia mai pensato nessuno?

Prodotti per animali venduti e mai consegnati: chiusi due siti

Prodotti per animali venduti e mai consegnati: chiusi due siti

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha chiuso i portali Bancodellasalute.it e Officinalia.com, che erano stati oggetto dei servizi di Moreno Morello dopo le molte segnalazioni di disservizi giunte a Striscia la notizia. I prodotti per animali ordinati e pagati spesso non venivano consegnati - spiega l'AGCM nella sua ordinanza. Tutto a posto ora? Chissà! L'unica certezza è che l'inviato continuerà a vigilare sulla vicenda.

Watly, accuse di truffa: l'acqua potabilizzata veniva dal supermercato

Watly, accuse di truffa: l'acqua potabilizzata veniva dal supermercato

Moreno Morello ne parla dal novembre 2020, quando cominciò l'inchiesta di Striscia la notizia su Watly, l'avveniristico "computer termodinamico" che, secondo il suo inventore Marco Attisani, poteva rendere potabile anche l'acqua più inquinata. Ci credevano anche Luigi Di Maio e il Parlamento europeo. Ma ora la Guardia di Finanza di Udine ha disposto il sequestro di 1.581.009,75 euro e ipotizza il reato di truffa aggravata. Questa è la storia.

Per un centesimo di troppo una multa da 52.000 euro

Per un centesimo di troppo una multa da 52.000 euro

Moreno Morello indaga su un caso che ha dell'incredibile: un cittadino è stato multato per aver emesso fatture a clienti che pagavano in contanti per 2.000 euro quando il limite di legge era 1.999,99. Per quel centesimo in più, un errore ripetuto 13 volte, ora rischia 52.000 euro di multa. Una storia istruttiva: ora che il limite all'impiego del contante si è alzato, non fate lo stesso errore, la cifra da non superare è 4.999,99 euro.

Integratori online e testimonial inventati: ora arrivano anche i finti sconti

Integratori online e testimonial inventati: ora arrivano anche ...

Moreno Morello torna con un altro episodio di Malattie aberranti per mostrarci come i furbetti che vendono online integratori di ogni tipo continuino a utilizzare l'immagine di personaggi celebri e medici a sproposito e senza la loro autorizzazione, promuovendo i prodotti in modo sleale e scorretto. Non solo: ora il nostro inviato ha scoperto che per attirare ulteriormente l'attenzione degli utenti, negli articoli e negli annunci pubblicitari si incentiva ad acquistare proponendo giochi ...

2000 euro di cauzione, ma dei lavori con l'ecobonus non c'è ancora traccia

2000 euro di cauzione, ma dei lavori con l'ecobonus non c'è ...

Moreno Morello torna a parlarci del superbonus 110%. Pare infatti che un'azienda di Rimini, La Ngc, chiedesse una cauzione di 2000 euro ai cittadini che volevano aderire all'ecobonus affidandosi a dei professionisti per la parte amministrativa e quella edilizia (cauzione che poi doveva essere restituita). Peccato che ad essersi affidati alla Ngc siano stati in molti e che sia passato parecchio tempo senza alcun avvio dei lavori nella maggior parte dei casi

Finti integratori online, come aggirano la legge italiana

Finti integratori online, come aggirano la legge italiana

Moreno Morello torna con una nuova puntata di "Malattie aberranti" per aiutarci a capire come funziona il sistema legato alla vendita online di integratori "miracolosi" per qualsiasi patologia. Attraverso un vero e proprio labirinto di siti internet che vengono riempiti di informazioni commerciali, anche millantando efficacia inesistente e rubando l'immagine di personaggi famosi. Il problema è che cliccando per acquistare i loro prodotti si viene indirizzati su altri ...

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata

Top 10 Video

tutti i video
Il bar dell’Agenzia delle entrate non fa scontrini: per Ghione e la troupe botte, minacce e spintoni

Il bar dell’Agenzia delle entrate non fa scontrini: per ...

Jimmy Ghione si era già occupato nel 2018 del bar sito all'interno della sede dell'Agenzia delle entrate Eur 6 Torrino, a Roma, che incredibilmente - pur trovandosi in ufficio che si occupa proprio di tasse - non faceva gli scontrini ai clienti. Ci è tornato per vedere se qualcosa fosse cambiato e questa volta è andata pure peggio: scontrini zero, o quasi, e in compenso botte, spintoni e minacce: "Prendo il coltello e vi ammazzo" è la frase rivolta a Ghione e alla sua squadra dal ...

Strage all’Agenzia delle Entrate? La denuncia del dipendente a Jimmy Ghione

Strage all’Agenzia delle Entrate? La denuncia del dipendente ...

«Dovreste ringraziarmi che mi sono messo in mezzo, ho evitato una strage». È così che un dipendente (da oltre 40 anni) dell'Agenzia delle Entrate di Roma 6 (Eur Torrino) parla del barista-aggressore che aveva minacciato di "prendere un coltello e ammazzare" Jimmy Ghione e il suo cameraman. L'inviato è tornato sul luogo del misfatto per vendere (per finta) caffè "nero" e stampare fotocopie in bianco e "nero" ai dipendenti in entrata.

Il “cimitero” di documenti e carte di credito delle borseggiatrici di Milano

Il “cimitero” di documenti e carte di credito delle ...

Tessere sanitarie, patenti, carte d'identità, portafogli (svuotati), abbonamenti Atm: è il "tesoretto" ritrovato da Valerio Staffelli in diverse stazioni della metropolitana di Milano. L'inviato ha consegnato tutto alla Polizia, per permettere alle forze dell'ordine di rintracciare i proprietari. Finisce con le botte e gli insulti a Staffelli e a sua collaboratrice, prima innaffiata di tè freddo e poi spinta a forza giù dal treno.

use DateTime;