U-Mask, ritirato anche il modello 2.1: cosa è successo

Dopo il servizio di Striscia della scorsa settimana sul nuovo modello di U-Mask 2.1 che registrava buoni livelli di filtrabilità ma non aveva passato il test di respirabilità, il ministero della Salute ha bloccato la vendita perché ha ritenuto che anche questa volta non ci sia stato un regolare processo valutatitvo in termini di sicurezza ed efficacia del dispositivo. Moreno Morello ci spiega cosa è successo

Dopo il servizio di Striscia della scorsa settimana sul nuovo modello di U-Mask 2.1 che registrava buoni livelli di filtrabilità ma non aveva passato il test di respirabilità, il ministero della Salute ha bloccato la vendita perché ha ritenuto che anche questa volta non ci sia stato un regolare processo valutatitvo in termini di sicurezza ed efficacia del dispositivo. Moreno Morello ci spiega cosa è successo

29/03/2021

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Morello e le aziende che spremono i nostri dati

Morello e le aziende che spremono i nostri dati

Ignari cittadini come agrumi da spremere? Una lunga filiera di aziende arraffa informazioni utili da liste dettagliate dei nostri dati personali, a nostra insaputa, per venderci prodotti di ogni tipo. Moreno Morello ci mostra un esperimento fatto a Padova. La società di Frosinone di cui si parla nel servizio può contare su 21 milioni di dati anagrafici, praticamente mezza Italia, per procurare appuntamenti nel settore immobiliare e in altri ambiti

Ministero Salute, mancato indennizzo per sacche di sangue infetto

Ministero Salute, mancato indennizzo per sacche di sangue infetto

Moreno Morello ci racconta come il dicastero della Sanità possa sabotare la qualità della vita di un cittadino, che fu operato a soli 6 anni per una patologia cardiaca, subendo trasfusioni con sacche di sangue infetto. Nel 2011 l'uomo scoprì di essere affetto da epatite C ma la richiesta di indennizzo fu negata: per il Ministero era passato troppo tempo dal fatto. Arturo ha così avviato una lunga battaglia legale

Cantieri non finiti dopo i pagamenti anticipati

Cantieri non finiti dopo i pagamenti anticipati

Morello esamina tante infelici esperienze in ambito di ristrutturazioni edilizie. L'inviato raccoglie le testimonianze di alcuni clienti di imprese che hanno preteso versamenti in anticipo per lavori eseguiti solo parzialmente. Tra gli intervistati anche Rocco Casalino che, a fronte del pagamento di 42mila euro dei 45mila pattuti, si è trovato con il 60% delle opere non portate a termine. E gli impresari? Dicono di non avere avuto a che fare con lui e con gli altri committenti...

Gli squali dei contratti di luce e gas pt. 2. Bugie e insulti agli anziani

Gli squali dei contratti di luce e gas pt. 2. Bugie e insulti ...

Moreno Morello continua l'inchiesta sull'agenzia attiva tra Lazio e Piemonte che, presentandosi come partner di Acea Energia, avrebbe raggirato gli utenti che avevano appena cambiato fornitore, tentando di farli tornare sui proprio passi sostenendo che ci fossero (false) anomalie nelle bollette, risolvibili con un intervento tecnico. In realtà lo scopo era fargli firmare un nuovo contratto. L'inviato intervista Giuseppe Lauretti, l'avvocato dell'agenzia

Acquisti, investimenti? Ma no, si trattava di donazioni o contributi associativi

Acquisti, investimenti? Ma no, si trattava di donazioni o contributi ...

Moreno Morello continua l'indagine sul "promotore" che avrebbe facilitato il trasferimento all'estero di circa un milione di euro di tanti cittadini attraverso la piattaforma Venice Swap. L'ideatore dei gettoni che tante persone ricevevano a seguito dei versamenti in euro è l'indipendentista veneto Gianluca Busato, che dice: questi "token", o gettoni digitali, non erano una forma di investimento, ma un sostegno a un club di imprenditori

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata

Top 10 Video

tutti i video
Alla stazione centrale di Milano vietato l’ingresso a Striscia

Alla stazione centrale di Milano vietato l’ingresso a Striscia

Una collaboratrice di Valerio Staffelli, impegnata nella realizzazione di un servizio sui borseggi alla Stazione Centrale di Milano e munita di regolare biglietto, è stata bloccata ai varchi d'ingresso ai binari dal personale di sicurezza delle Ferrovie. Di fatto è stato così impedito al tg satirico di proseguire l'inchiesta sui furti nei treni. Nel frattempo le borseggiatrici passavano tranquillamente e senza titolo di viaggio dai tornelli di uscita lì accanto

use DateTime;