News

Addio a Philippe Daverio, lo storico dell'arte e inviato di Striscia la notizia

È morto questa notte all'Istituto dei tumori di Milano Philippe Daverio, storico dell'arte, saggista e inviato di Striscia la notizia. 

A darne notizia la regista e direttrice del Franco Parenti Andree Ruth Shammah.

"Mi ha scritto suo fratello stamattina per dirmi che Philippe è mancato stanotte" ha detto Shammah all'Ansa.

Nato a Mulhouse, in Alsazia, nel 1949, da padre italiano, si è trasferito a Milano verso la fine degli anni Sessanta. Qui ha aperto una galleria a suo nome che ha contribuito a ridefinire e rivalutare l'arte italiana del Novecento (compresa quella di epoca fascista) e che è divenuta un punto di riferimento per la città.

Nel 2013 ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Italiana il Cavalierato delle Arti e delle Lettere e la Medaglia d'Oro di benemerenza del Ministro per i Beni Culturali; sempre nel 2013 è stato insignito dal Presidente della Repubblica Francese della Légion d'Honneur.

Il suo gusto e soprattutto la sua vena comunicativa, schietta e diretta, hanno fatto di lui uno dei divulgatori più apprezzati e celebri del settore. Questo nonostante sul suo curriculum non comparisse nessuna laurea, cosa che lui ammetteva con disinvoltura: "Io non sono dottore perché non mi sono laureato, ero iscritto alla Bocconi nel 1968-1969, in quegli anni si andava all'università per studiare e non per laurearsi", diceva

Dalla sua, comunque, anni di studi e di approfondimenti, di idee e provocazioni, lanciate dalle pagine di giornali o dai programmi televisivi con quel suo look ormai inconfondibile, con l'immancabile papillon - che lui chiamava "cravatta" -  divenuto una sua prerogativa.

La scorsa stagione ha avuto inizio la sua collaborazione con Striscia la notizia con la rubrica "Muagg - Il museo aggratis", con cui ha raccontato a modo suo la storia e gli aneddoti che si celano dietro alcuni dei luoghi più belli d'Italia e d'Europa visitabili gratuitamente.

 

Qui il suo ultimo servizio per il tg satirico. Ciao, Philippe.