News

Costa: “Più inquinato di così si muore”, ma la situazione del Lagrimaro non cambia

Costa: “Più inquinato di così si muore”, ma la situazione del Lagrimaro non cambia

Costa: “Più inquinato di così si muore”, ma la situazione del Lagrimaro non cambia

Che il Canale Lagrimaro sia inquinato non ci sono più dubbi. Ad ammetterlo in fondo è stato lo stesso ministro per l’Ambiente Sergio Costa, che in risposta all’interrogazione parlamentare presentata dal deputato Cinque Stelle Giorgio Lovecchio ha detto: «È stato eseguito un sopralluogo presso il canale Lagrimaro i cui esiti analitici non sono stati ancora ultimati.  Dalla relazione di sopralluogo si evincono una serie di fattori concomitanti che generano lo stato di criticità del canale dovuto non solo a sversamenti incontrollati ma anche ad un forte fenomeno di abbandono di rifiuti. Dal campionamento effettuato, le acque del canale sono apparse più simili ad un refluo che a un corso d’acqua. II liquido ha presentato una colorazione scura con evidenti fenomeni di putrescenza che danno origine a miasmi persistenti. Già a livello visivo – aggiunge Costa – il canale è da ritenere a forte stato di degrado ambientale e igienico-sanitario. La presenza di rifiuti, oltre che di folta vegetazione, ha reso prevedibile una verosimile assenza di regolare manutenzione del canale. In alcuni tratti non si è riscontrato il decorso delle acque che sono risultate stantie, con un ulteriore aggravio della già precaria condizione ambientale-sanitaria».

Eppure da luglio nulla è cambiato, come spiega l’associazione CittadinanzAttiva a L’Attacco: «Vogliamo vedere un’azione decisa del ministro Costa affinché prenda in mano la situazione, obbligando chi di dovere a bonificare il canalone. L’Arpa ha effettuato un campionamento dell’acqua rilevando la presenza di metalli pesanti e un eccesso, di molto superiore alla norma, di cloruro di sodio. Non abbiamo più detto niente perché si ha l’impressione che nessuno si prenda la briga di voler realmente risolvere la problematica».

Del Canale Lagrimaro ci eravamo occupati lo scorso aprile con un servizio del nostro Pinuccio nel quale vi mostravamo come il canale sembrasse ricoperto di cemento, tanto era scura la sostanza che vi scorreva.


Dopo i servizi di Striscia, nell’ambito di una indagine coordinata dalla Procura di Foggia, i Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Bari hanno posto sotto sequestro preventivo l’intero canale Lagrimaro, che corre nelle campagne di Cerignola per circa 2 km.

Ora, come documenta L’Attacco, l’intera zona sembra sospesa nel tempo, tanto è il silenzio attorno e lo stato di abbandono.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Basilicata, gli espropri mai avvenuti e la diga da abbattere

Basilicata, gli espropri mai avvenuti e la diga da abbattere

Pinuccio racconta una storia paradossale riguardante terreni privati mai espropriati, su cui sono state costruite la diga Camastra e opere accessorie, la sentenza che dispone il loro abbattimento, il ripristino dello stato dei luoghi e un risarcimento ai proprietari, che però l'ente condannato è impossibilitato a pagare. Tuttavia, l'Agenzia delle Entrate chiede ai proprietari il 3% della somma che non hanno ancora ricevuto

Rai, caos televoto e caso Travolta agitano la Vigilanza

Rai, caos televoto e caso Travolta agitano la Vigilanza

Pinuccio nonostante lo sciopero (quello dei pullman, non quello dei giornalisti) arriva a Palazzo San Macuto, dove si riunisce la vigilanza Rai. Sui 7 milioni presunti di televoti non conteggiati a Sanremo servirà un supplemento d'indagine con Tim, seppur tardivo. E sullo "spot" delle scarpe? Per l'ad Roberto Sergio l'attore americano ha compiuto una violazione. E Amadeus? Non ha pronunciato la frase che è lo spot della marca?