News

Costa: “Più inquinato di così si muore”, ma la situazione del Lagrimaro non cambia

Costa: “Più inquinato di così si muore”, ma la situazione del Lagrimaro non cambia

Costa: “Più inquinato di così si muore”, ma la situazione del Lagrimaro non cambia

Che il Canale Lagrimaro sia inquinato non ci sono più dubbi. Ad ammetterlo in fondo è stato lo stesso ministro per l’Ambiente Sergio Costa, che in risposta all’interrogazione parlamentare presentata dal deputato Cinque Stelle Giorgio Lovecchio ha detto: «È stato eseguito un sopralluogo presso il canale Lagrimaro i cui esiti analitici non sono stati ancora ultimati.  Dalla relazione di sopralluogo si evincono una serie di fattori concomitanti che generano lo stato di criticità del canale dovuto non solo a sversamenti incontrollati ma anche ad un forte fenomeno di abbandono di rifiuti. Dal campionamento effettuato, le acque del canale sono apparse più simili ad un refluo che a un corso d’acqua. II liquido ha presentato una colorazione scura con evidenti fenomeni di putrescenza che danno origine a miasmi persistenti. Già a livello visivo – aggiunge Costa – il canale è da ritenere a forte stato di degrado ambientale e igienico-sanitario. La presenza di rifiuti, oltre che di folta vegetazione, ha reso prevedibile una verosimile assenza di regolare manutenzione del canale. In alcuni tratti non si è riscontrato il decorso delle acque che sono risultate stantie, con un ulteriore aggravio della già precaria condizione ambientale-sanitaria».

Eppure da luglio nulla è cambiato, come spiega l’associazione CittadinanzAttiva a L’Attacco: «Vogliamo vedere un’azione decisa del ministro Costa affinché prenda in mano la situazione, obbligando chi di dovere a bonificare il canalone. L’Arpa ha effettuato un campionamento dell’acqua rilevando la presenza di metalli pesanti e un eccesso, di molto superiore alla norma, di cloruro di sodio. Non abbiamo più detto niente perché si ha l’impressione che nessuno si prenda la briga di voler realmente risolvere la problematica».

Del Canale Lagrimaro ci eravamo occupati lo scorso aprile con un servizio del nostro Pinuccio nel quale vi mostravamo come il canale sembrasse ricoperto di cemento, tanto era scura la sostanza che vi scorreva.


Dopo i servizi di Striscia, nell’ambito di una indagine coordinata dalla Procura di Foggia, i Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Bari hanno posto sotto sequestro preventivo l’intero canale Lagrimaro, che corre nelle campagne di Cerignola per circa 2 km.

Ora, come documenta L’Attacco, l’intera zona sembra sospesa nel tempo, tanto è il silenzio attorno e lo stato di abbandono.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Caso Soumahoro, il presunto accordo tra Lega Braccianti e Patronato di Bari

Caso Soumahoro, il presunto accordo tra Lega Braccianti e Patronato ...

Pinuccio torna a occuparsi del caso Soumahoro. L'ex sindacalista, infatti, ha risposto a un servizio di Striscia tramite Ansa, sostenendo che la Lega Braccianti «non ha mai preso alcun rimborso in merito al reddito d'emergenza», confermando però l'esistenza di un accordo con il Patronato di Bari. Ma lil nostro inviato è andato a controllare e ha scoperto che non esisterebbe un accordo con il patronato di Bari. A confermarlo è Vitomarino Verzillo, legale dell'Inpal di Bari

Caso Soumahoro, i dubbi sulle raccolte fondi per la

Caso Soumahoro, i dubbi sulle raccolte fondi per la "Casa dei ...

Continua l'inchiesta di Pinuccio sulle raccolte fondi lanciate dalla Lega Braccianti di Aboubakar Soumahoro. Il nostro inviato si concentra questa volta su quelle organizzate dall'ex deputato direttamente dal suo account Facebook. Alcuni dovrebbero essere stati utilizzati per la costruzione della "Casa dei diritti" del ghetto di Rignano, inaugurata a gennaio 2022 alla presenza del conduttore Flavio Insinna. Immobile che però da gennaio a oggi è rimasto chiuso

Caso Soumahoro, le raccolte fondi online e il mistero della salma

Caso Soumahoro, le raccolte fondi online e il mistero della salma

Pinuccio indaga sulle raccolte fondi lanciate online dalla Lega Braccianti di Soumahoro con lo scopo dichiarato di aiutare chi vive nei ghetti. Sulla piattaforma di raccolta fondi GoFundMe si trovano tre campagne dell'associazione di Sumahoro: una per l'acquisto di cibo durante la pandemia, una per i regali di Natale ai bambini del Ghetto (dove non ci sono bambini) e la terza per organizzare uno sciopero. In tutto, sono stati raccolti così 280.000 euro. Peccato che i conti non tornino

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della Caritas di San Severo

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della ...

Pinuccio torna sul caso di Aboubakar Soumahoro, autosospesosi da deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, con la prima e unica intervista televisiva a don Andrea Pupilla, direttore della Caritas Diocesana di San Severo. Soumahoro in passato aveva raccolto 16mila euro per fare dei regali ai bambini del ghetto di San Severo, annunciando con gran risalto l'iniziativa vestito da Babbo Natale in un video. Peccato che, come rivela don Andrea Pupilla, «nel ghetto di Torretta Antonacci bambini non ...