News

Migranti, traffico di esseri umani: due arresti

Migranti, traffico di esseri umani: due arresti

Migranti, traffico di esseri umani: due arresti

Due bengalesi, poco più che trent’anni uno e l’altro poco più di venti, sono stati sottoposti a stato di fermo – convalidato anche dal gip – con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di tortura, sequestro di persona a scopo di estorsione e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Uno è stato fermato ad Agrigento, l’altro a Gorizia (dove nel frattempo era stato trasferito).

L’operazione della Squadra Mobile e le condizioni degli hotspot 

I poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento sono arrivati a identificare i due dopo aver sentito dei bengalesi che, nonostante avessero trovato all’hotspot i loro vessatori, sono riusciti a raccontare quanto avevano vissuto.

Dall’inchiesta, coordinata dalla Dda di Palermo, è emerso che in bengalesi arrivavano a pagare fino a 10mila euro per il viaggio dal Bangladesh.

Pare stiano cambiando i flussi migratori – a Lampedusa non arrivano soltanto libici o egiziani, ma anche uomini e donne bengalesi – e così mutano anche le nazionalità degli aguzzini nei campi di detenzione. Sempre la Squadra Mobile di Agrigento è riuscita a rinvenire che: i proprietari dei campi di dentizione si affidano a connazionali di chi è in fuga, per far sì che venga garantita la vigilanza e per portare a termine le estorsioni di denaro, naturalmente pattuite prima della partenza. Questi campi di detezione riescono a contenere anche 2500 persone, tutte ammassate.

Le torture e la prigionia affinché saldassero il conto 

All’hotspot di Lampedusa i due erano arrivati a fine settembre. Stavano su un barcone differente rispetto a quello dove erano stati imbarcati i connazionali; i quali, secondo le inchieste, erano stati tenuti prigionieri e torturati in modo che pagassero o saldassero le somme stabilite all’inizio del viaggio dal Bangladesh.

La tratta di esseri umani, purtroppo, non è un argomento nuovo al pubblico di Striscia. La nostra Rajae, allo scoppio della guerra in Ucraina, aveva documentato come al confine con la Polonia c’era chi si approfittava della situazione per agire nell’ombra e alimentare la tratta.


La tratta di essere umani purtroppo è un fenomeno che si è spostato anche online, i criminali ora si sono trasferiti sui social o sulle app di dating come ci aveva raccontato il nostro Marco Camisani Calzolari.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?