News

Migranti, traffico di esseri umani: due arresti

Migranti, traffico di esseri umani: due arresti

Migranti, traffico di esseri umani: due arresti

Due bengalesi, poco più che trent’anni uno e l’altro poco più di venti, sono stati sottoposti a stato di fermo – convalidato anche dal gip – con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di tortura, sequestro di persona a scopo di estorsione e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Uno è stato fermato ad Agrigento, l’altro a Gorizia (dove nel frattempo era stato trasferito).

L’operazione della Squadra Mobile e le condizioni degli hotspot 

I poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento sono arrivati a identificare i due dopo aver sentito dei bengalesi che, nonostante avessero trovato all’hotspot i loro vessatori, sono riusciti a raccontare quanto avevano vissuto.

Dall’inchiesta, coordinata dalla Dda di Palermo, è emerso che in bengalesi arrivavano a pagare fino a 10mila euro per il viaggio dal Bangladesh.

Pare stiano cambiando i flussi migratori – a Lampedusa non arrivano soltanto libici o egiziani, ma anche uomini e donne bengalesi – e così mutano anche le nazionalità degli aguzzini nei campi di detenzione. Sempre la Squadra Mobile di Agrigento è riuscita a rinvenire che: i proprietari dei campi di dentizione si affidano a connazionali di chi è in fuga, per far sì che venga garantita la vigilanza e per portare a termine le estorsioni di denaro, naturalmente pattuite prima della partenza. Questi campi di detezione riescono a contenere anche 2500 persone, tutte ammassate.

Le torture e la prigionia affinché saldassero il conto 

All’hotspot di Lampedusa i due erano arrivati a fine settembre. Stavano su un barcone differente rispetto a quello dove erano stati imbarcati i connazionali; i quali, secondo le inchieste, erano stati tenuti prigionieri e torturati in modo che pagassero o saldassero le somme stabilite all’inizio del viaggio dal Bangladesh.

La tratta di esseri umani, purtroppo, non è un argomento nuovo al pubblico di Striscia. La nostra Rajae, allo scoppio della guerra in Ucraina, aveva documentato come al confine con la Polonia c’era chi si approfittava della situazione per agire nell’ombra e alimentare la tratta.


La tratta di essere umani purtroppo è un fenomeno che si è spostato anche online, i criminali ora si sono trasferiti sui social o sulle app di dating come ci aveva raccontato il nostro Marco Camisani Calzolari.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Il dissenso comodo e il sessismo di Lagioia verso Melissa P

Il dissenso comodo e il sessismo di Lagioia verso Melissa P

Rajae Bezzaz parte dalle contestazioni alla ministra Roccella, ritenute legittime dall'ex direttore del Salone del libro nel 2023. L'inviata ci invita però a tornare al 2022, all'altrettanto legittima protesta di un gruppo di donne contro lo stesso Nicola Lagioia per le sconcertanti parole sessiste da lui scritte su Melissa Panarello. Le pacifiche manifestanti, che Lagioia definì "aggressive", distribuivano volantini: furono identificate dalle forze dell'ordine e allontanate

Cpr di Potenza, come e quando è morto Ozaro Whumang?

Cpr di Potenza, come e quando è morto Ozaro Whumang?

Seconda parte dell'inchiesta di Rajae Bezzaz sulla morte di Ozaro Whumang, rinchiuso tra il 5 e il 6 ottobre 2022 in una cella del Cpr di Palazzo San Gervasio in Basilicata. La mattina dopo l'ingresso nel Cpr l'uomo di origini nigeriane, secondo un testimone in delicate condizioni di salute, sarebbe stato portato via per essere ricoverato all'ospedale di Melfi. Secondo le dichiarazioni dei sanitari sarebbe arrivato però al Pronto Soccorso solo nel pomeriggio del giorno dopo. Perché?

Potenza, morte misteriosa di un uomo trattenuto in un Cpr

Potenza, morte misteriosa di un uomo trattenuto in un Cpr

Questa è la prima parte dell'inchiesta di Rajae Bezzaz sulla morte di Ozaro Whumang, trattenuto nel Cpr di Palazzo San Gervasio in Basilicata. Secondo un compagno di cella il ragazzo stava già male quando è entrato: il giorno dopo sono arrivate le forze dell'ordine e l'uomo sarebbe stato portato via in ambulanza. Ma l'uomo è stato trasportato al Pronto Soccorso? E perché poi in una telefonata partita dal Comune si parla del ritrovamento del suo cadavere nelle campagne di San Nicola?

Volpini di Pomerania, cercasi risposte sui cuccioli

Volpini di Pomerania, cercasi risposte sui cuccioli

Rajae Bezzaz torna a occuparsi del sedicente animalista Antonio Colonna protagonista negli anni di diversi sequestri di cani. Sembra infatti che l'uomo abbia preferito querelare Striscia la notizia piuttosto che rispondere alle domande dell'inviata. Dopo di che ha organizzato una conferenza stampa insieme ai suoi amici. Colonna ha sempre evitato il confronto con i microfoni del tg satirico, ma Rajae rinnova la proposta di un'intervista. Accetterà?

Stalking. Oltre alla denuncia, esiste l'ammonimento

Stalking. Oltre alla denuncia, esiste l'ammonimento

Rajae torna a parlarci del caso di Carmen, vittima di molestie, e si chiede perchè le forze dell'ordine facciano fatica a intervenire in casi del genere. La risposta è nella testimonianza di un'altra donna che invita ad ammonire il proprio aguzzino, intimandogli di non commettere più minacce o intrusioni nella vita altrui. Il vantaggio è che per avviare la domanda di ammonimento non serve assistenza legale e la polizia può agire più rapidamente

L'inquilino approfittatore ridà le chiavi grazie a Striscia

L'inquilino approfittatore ridà le chiavi grazie a Striscia

La famiglia che ha riposto in Striscia le sue speranze è stata ricompensata: dopo aver ricevuto solo due mesi di affitto, in otto anni, dall'affittuario di Montesano Scalo in provincia di Salerno, per Antonio e i suoi cari grazie alla caparbietà di Rajae Bezzaz è arrivato il parziale lieto fine. Appartamento libero, o meglio pieno di rifiuti. Ora si attende il versamento dei 12mila euro mai pagati: se non arriveranno, l'inviata ritornerà

La giornalista Fagnani fa pubblicità a sua insaputa?

La giornalista Fagnani fa pubblicità a sua insaputa?

Le domande di Rajae Bezzaz alla conduttrice di Belve, che sfoggia nel programma Rai vistosi e costosi gioielli di un noto brand, prestandosi a interviste di copertina su riviste che riportano il marchio. Marchio che sui social a sua volta posta le foto della giornalista, cui la Fagnani stessa mette like. «Non ho preso una lira» è l'autodifesa. Ma non cambia il fatto che i giornalisti non possono prestare nome, voce e immagine per iniziative pubblicitarie

Cinisello Balsamo.Perchè nessuno interviene per aiutare Carmen vittima di stalking?

Cinisello Balsamo.Perchè nessuno interviene per aiutare Carmen ...

Rajae Bezzaz torna a occuparsi di questa donna che, dopo svariati tentativi di denunce andate a vuoto, ha chiesto aiuto a Striscia la notizia per proteggere sé stessa e i figli da un persecutore (finora) impunito, che abita di fronte a lei. L'inviata incontra Ida, la sorella del molestatore, che esprime solidarietà per Carmen e che racconta che il fratello, a causa del suo comportamento, cinque anni fa è stato allontanato con codice rosso dalla moglie e dal figlio