News

Sistema Ambiente: se per l’azienda il cantiere era in regola, perché hanno ripulito tutto?

Sistema Ambiente: se per l’azienda il cantiere era in regola, perché hanno ripulito tutto?

Sistema Ambiente: se per l’azienda il cantiere era in regola, perché hanno ripulito tutto?

Stasera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) continua l’inchiesta di Chiara Squaglia su Sistema Ambiente, l’azienda responsabile dello smaltimento dei rifiuti di Lucca che fino a pochi giorni fa scaricava e compattava rifiuti in un capannone in costruzione, privo di misure di sicurezza per i lavoratori e con rischi concreti di inquinamento ambientale.

I vertici di Sistema Ambiente, dopo i servizi del tg satirico, hanno prima tentato di negare l’evidenza, sostenendo che tutto era in regola e che non vi era alcun pericolo per i lavoratori. Poi, contraddicendo loro stessi, hanno in fretta e furia svuotato il capannone, sospeso le lavorazioni, messo ai cancelli catene e cartelli di proprietà privata. Hanno spianato il terreno con una ruspa, poi fatta velocemente sparire, e sono addirittura comparsi degli estintori nuovi di zecca, nonostante la dirigente di Sistema Ambiente Caterina Susini sostenesse che «non sono richiesti presidi» e che di fatto bastavano gli estintori a bordo dei mezzi.


«Forse hanno ripulito tutto in previsione dell’arrivo dei Carabinieri?» si chiede Squaglia, che, dopo il terzo servizio di Striscia, ha registrato un nuovo sopralluogo delle forze dell’ordine per prelevare un campione di terreno. Molte famiglie della zona, infatti, si sono rivolte al tg satirico preoccupate che un eventuale inquinamento ambientale potesse aver contaminato i pozzi e di conseguenza l’acqua dei rubinetti che usano per mangiare e lavarsi.

Il servizio completo sarà trasmesso stasera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35), nel frattempo Chiara Squaglia continuerà a vigilare. 

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Una strada dalle mille irregolarità segnaletiche

Una strada dalle mille irregolarità segnaletiche

Chiara Squaglia si reca a Milano per un nuovo caso di psicosegnaletica: una strada caratterizzata da molte problematiche. Infatti, per il transito di biciclette, il tratto che dovrebbe essere a doppio senso con una corsia ciclabile e una riservata al flusso normale non è abbastanza largo per permetterli entrambi. Inoltre, la segnaletica a terra è scomparsa e l'assenza di illuminazione la notte ne rende la viabilità molto pericolosa. Ma i problemi esistono anche per le auto, che si ...