News

Stromboli: dopo l'incendio, la produzione tv chiede di tornare sull'isola

Il 25 maggio l’isola di Stromboli è stata devastata da un vasto incendio divampato sul set della fiction Rai “Protezione Civile”, diretta da Marco Pontecorvo e con protagonista Ambra Angiolini.

Circa tre mesi dopo, i rappresentanti della “11 Marzo film”, la società produttrice del lavoro, hanno avanzato, in via informale, la richiesta di tornare sull’isola per girare le scene mancanti e concludere le riprese.

La notizia è stata comunicata direttamente dal sindaco, Riccardo Gullo, durante un incontro con gli abitanti dell’isola. Proprio in questa occasione il primo cittadino ha precisato come la decisione sul da farsi verrà presa di comune accordo con tutti gli isolani.

Il 12 agosto l’isola è stata anche colpita da una alluvione che ha causato ingenti danni. Un fiume inarrestabile di fango ha deteriorato abitazioni e strade di Stromboli. A favorire il disastro è stata anche la scarsa presenza di vegetazione, distrutta dall’incendio. La macchia mediterranea che caratterizza l’isola avrebbe potuto, in questo caso, arginare la forza dell’acqua.

In entrambe le occasioni l’aiuto della popolazione nelle operazioni di soccorso è stato fondamentale: giorni di mobilitazione e lavoro a mani nude, da parte di cittadini e turisti, ha reso più veloce le fasi di spegnimento delle fiamme ed eliminazione dei detriti.
Ed è proprio per questo motivo che la decisione sul futuro delle riprese della fiction spetterà soprattutto ai cittadini che, dal canto loro, si oppongono fortemente al ritorno della troupe a meno che, come precisa Rosaria Cincotta sulle pagine della Repubblica: “I proventi della fiction non vengano interamente devoluti per l’isola di Stromboli e per una necessaria e definitiva messa in sicurezza.Questo potrebbe essere l’unico compromesso”.

Striscia la Notizia aveva da subito messo l’accento su quanto accaduto, denunciando alcune irregolarità avvenute sul set in un servizio di Pinuccio. L’incendio infatti sembrerebbe essere stato causato da una vera e propria leggerezza della produzione che aveva deciso di simulare un rogo, senza le dovute precauzioni, per soddisfare le esigenze di copione. Proprio da questo rogo sembrerebbero essere partite le prime fiamme che, a causa del vento, si sarebbero estese velocemente sulla montagna di Stromboli.


Intanto sull’isola si è recato il capo della Protezione civile nazionale, Fabrizio Curcio, per osservare con i propri occhi i danni causati dall’alluvione.