News

Superbonus 110%, le difficoltà e le insidie per i cittadini

Superbonus 110%, le difficoltà e le insidie per i cittadini

Superbonus 110%, le difficoltà e le insidie per i cittadini

Il Superbonus 110% è una misura che nelle intenzioni avrebbe dovuto rilanciare l’economia, favorendo la ripartenza del settore dell’edilizia e rendendo al contempo più efficienti e sicure le nostre case. Questo perlomeno era l’obiettivo dichiarato del provvedimento, inserito nel Decreto “Rilancio” del 19 maggio 2020.

Non tutto però è andato come sperato, sia per i ripetuti cambiamenti in corso d’opera, sia per i comportamenti poco corretti di alcune aziende e di alcuni contribuenti. Ma andiamo con ordine.

Come si legge sul sito del governo, “Per poter godere del Super Ecobonus è necessario effettuare almeno un intervento cosiddetto “trainante”. Gli interventi trainanti consistono nell’isolamento termico dell’involucro dell’edificio, che sia plurifamiliare o unifamiliare, nella sostituzione degli impianti termici con impianti centralizzati, nella sostituzione degli impianti termici su edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari site all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno”.

E qui già nascono i primi grattacapi. Per poter migliorare l’efficientamento energetico degli edifici sono nati dei nuovi prodotti nanotecnologici dalle funzionalità apparentemente prodigiose. Peccato, però, che i test effettuati sui prodotti in commercio di alcune aziende risultino dei valori discordanti, come ci ha mostrato Moreno Morello.


Il meccanismo del Superbonus 110%, inoltre, prevede che gli interventi possano essere svolti anche a costo zero per il cittadino.
“Questa misura crea un meccanismo virtuoso di mercato che offre benefici a tutti i soggetti coinvolti: il cittadino può ristrutturare casa gratuitamente, ridurre il costo delle bollette e valorizzare il proprio patrimonio immobiliare; l’impresa può aumentare il proprio fatturato grazie al maggior volume di lavori; lo Stato può rendere più efficienti e più sicure le abitazioni e sostenere l’aumento dell’occupazione e del reddito”, si legge ancora sul sito del governo. Ma a conti fatti, ora che la misura è in scadenza, c’è chi è rimasto a bocca asciutta.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Morello, le criptovalute e le piantumazioni mai avvenute

Morello, le criptovalute e le piantumazioni mai avvenute

L'inviato torna a parlare dei soldi versati al Coemm di Maurizio Sarlo e del progetto naufragato basato sulle criptovalute, legato alla piantumazione di piantine Vetiver e pensato "per ossigenare il mondo"! Fabrizio Bassanesi ha abbandonato il Coemm, di cui era vicepresidente, perché venivano accettate donazioni per scopi non realizzati. Ma i 320mila euro versati dove sono finiti? Morello rinnova l'invito a Sarlo: se ha qualcosa da dire, noi siamo qui

Il mare dei contratti luce e gas è infestato dai pirati

Il mare dei contratti luce e gas è infestato dai pirati

Chi sono i pirati della Penisola del tesoro? Quelli che chiamano da un numero abusivo, quelli che sanno già tutto di noi prima che rispondiamo, che conoscono nome, codice fiscale e Iban e vogliono rifilarci un contratto luce e gas. E la beffa, ci spiega Moreno Morello, è che il fornitore ci avverte pure di difenderci dalle chiamate dei pirati. Ma sarebbe più facile se evitassero di assumerli! In rete, invece, c'è chi offre un intero database con 11 milioni di dati a soli 699 euro

Morello e le aziende che spremono i nostri dati

Morello e le aziende che spremono i nostri dati

Ignari cittadini come agrumi da spremere? Una lunga filiera di aziende arraffa informazioni utili da liste dettagliate dei nostri dati personali, a nostra insaputa, per venderci prodotti di ogni tipo. Moreno Morello ci mostra un esperimento fatto a Padova. La società di Frosinone di cui si parla nel servizio può contare su 21 milioni di dati anagrafici, praticamente mezza Italia, per procurare appuntamenti nel settore immobiliare e in altri ambiti

Ministero Salute, mancato indennizzo per sacche di sangue infetto

Ministero Salute, mancato indennizzo per sacche di sangue infetto

Moreno Morello ci racconta come il dicastero della Sanità possa sabotare la qualità della vita di un cittadino, che fu operato a soli 6 anni per una patologia cardiaca, subendo trasfusioni con sacche di sangue infetto. Nel 2011 l'uomo scoprì di essere affetto da epatite C ma la richiesta di indennizzo fu negata: per il Ministero era passato troppo tempo dal fatto. Arturo ha così avviato una lunga battaglia legale

Cantieri non finiti dopo i pagamenti anticipati

Cantieri non finiti dopo i pagamenti anticipati

Morello esamina tante infelici esperienze in ambito di ristrutturazioni edilizie. L'inviato raccoglie le testimonianze di alcuni clienti di imprese che hanno preteso versamenti in anticipo per lavori eseguiti solo parzialmente. Tra gli intervistati anche Rocco Casalino che, a fronte del pagamento di 42mila euro dei 45mila pattuti, si è trovato con il 60% delle opere non portate a termine. E gli impresari? Dicono di non avere avuto a che fare con lui e con gli altri committenti...

Gli squali dei contratti di luce e gas pt. 2. Bugie e insulti agli anziani

Gli squali dei contratti di luce e gas pt. 2. Bugie e insulti ...

Moreno Morello continua l'inchiesta sull'agenzia attiva tra Lazio e Piemonte che, presentandosi come partner di Acea Energia, avrebbe raggirato gli utenti che avevano appena cambiato fornitore, tentando di farli tornare sui proprio passi sostenendo che ci fossero (false) anomalie nelle bollette, risolvibili con un intervento tecnico. In realtà lo scopo era fargli firmare un nuovo contratto. L'inviato intervista Giuseppe Lauretti, l'avvocato dell'agenzia