Estate in Calabria sì, ma senza attraversare i binari

In Calabria da anni turisti e persone del luogo, pur di arrivare in spiaggia nel minor tempo possibile, attraversano i binari noncuranti del pericolo. Luca Galtieri ha cercato di trovare una soluzione al problema insieme a uno degli amministratori locali, grazie anche all'appello della Polizia ferroviaria

In Calabria da anni turisti e persone del luogo, pur di arrivare in spiaggia nel minor tempo possibile, attraversano i binari noncuranti del pericolo. Luca Galtieri ha cercato di trovare una soluzione al problema insieme a uno degli amministratori locali, grazie anche all'appello della Polizia ferroviaria

27/06/2020

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Baccalà su crema di finocchietto: il piatto anti-spreco è servito

Baccalà su crema di finocchietto: il piatto anti-spreco è servito

Luca Galtieri è a Paola, il più grande borgo del cosentino: in visita nell'Istituto alberghiero "San Francesco", dedicato al santo nato in città, patrono della Calabria: il piatto anti-spreco del giorno è una sfera con baccalà avanzato del giorno prima, bucce di formaggio e cipolla, pane raffermo, parte esterna del finocchio e foglie e per finire liquido di baccalà. E per recuperare, dai residui di caffè si creano anche saponi."

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata
Assicurazioni sulla casa, le scuse per non pagare in caso di danni

Assicurazioni sulla casa, le scuse per non pagare in caso di ...

Moreno Morello torna con un nuovo episodio di "Ti assicuro che non pago", la rubrica dedicata alle mille scuse utilizzate dalle compagnie assicurative per evitare di risarcire i clienti al momento del bisogno. Il nostro inviato questa volta ci racconta la storia di un mancato rimborso in seguito al crollo di un'abitazione dovuto a un'esplosione. Nonostante il cliente avesse stipulato una polizza rischi casa e famiglia e sia stata esclusa la presenza di ordigni, la compagnia assicurativa si rifiuta ancora di pagare

Top 10 Video

tutti i video
Concorso per la Polizia di Stato, beffati gli idonei del 2020

Concorso per la Polizia di Stato, beffati gli idonei del 2020

Ottocento aspiranti poliziotti superarono la prima prova scritta di un concorso a gennaio 2020 e poi vennero dimenticati. Non c'è stato scorrimento di quella graduatoria ma di quelle più recenti uscite da altre due selezioni, con candidati che hanno preso voti inferiori alla più severa soglia del 2020. Alcuni di coloro che ancora aspettano fra un po' raggiungeranno il limite di età e si sentono beffati. Chiara Squaglia ha chiesto spiegazioni alla Polizia e al ministero dell'Interno

use DateTime;