I problemi risolti grazie a Striscia

Stefania Petyx continua ad aggiornarci sulle storie che grazie a Striscia hanno trovato una soluzione. Questa volta si parla dello strampalato acquisto dei suv da parte del comune di Agrigento, della promessa di inizio lavori allo svincolo di Brancaccio a Palermo, della riduzione della cartella esattoriale che gravava sulle spalle di una vittima di estorsione

Stefania Petyx continua ad aggiornarci sulle storie che grazie a Striscia hanno trovato una soluzione. Questa volta si parla dello strampalato acquisto dei suv da parte del comune di Agrigento, della promessa di inizio lavori allo svincolo di Brancaccio a Palermo, della riduzione della cartella esattoriale che gravava sulle spalle di una vittima di estorsione

10/06/2022

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Stefania Petyx si trova a Palermo per parlarci di un problema "pubblico". Nel capoluogo siciliano, infatti, i vespasiani sono perlopiù chiusi o lasciati al più completo degrado. Una questione che riguarda non solo i palermitani, ma soprattutto i tanti turisti che ormai affollano la città. La nostra inviata è andata a sondare il terreno con le guide e i baristi costretti a sopperire alla mancanza del Comune ed è riuscita a strappare una promessa al sindaco Lagalla

Ciss di Enna, tutto tace (ancora)

Ciss di Enna, tutto tace (ancora)

Stefania Petyx si trova a Pergusa (Enna), per vedere a che punto si trovi il CISS, centro costruito negli anni Cinquanta che potrebbe ospitare 150 posti letto e per cui sono già state spese decine di migliaia di euro in lavori di recupero. Ad oggi, però, dopo 17 anni, è ancora tutto fermo e la vicenda è stata messa nelle mani dell'ingegnere Tuccio D'Urso, a capo della struttura commissariale per l'emergenza Covid, ma la fine lavori è tutta ancora da definire

Cinisi, l'assurda storia del casolare sequestrato ai Badalamenti

Cinisi, l'assurda storia del casolare sequestrato ai Badalamenti

Stefania Petyx si trova a Cinisi per parlarci nuovamente del casolare confiscato alla famiglia del boss mafioso Badalamenti e occupato abusivamente dal figlio, ricercato in Brasile per traffico di droga. Purtroppo, infatti, a causa di un errore burocratico nel processo di confisca, il casolare a breve tornerà nelle mani della famiglia Badalamenti nonostante lo Stato abbia speso più di 400mila euro per ristrutturarlo. Così, Jimmy Ghione ha incontrato a Roma il Presidente della Commissione ...

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata

Top 10 Video

tutti i video
use DateTime;