Lega in cerca di un nuovo social media manager, tocca a Lipari

Dopo le dimissioni di Luca Morisci, attualmente sotto inchiesta, alla Lega è rimasto un posto vacante di social media manager e Roberto Lipari ha pensato di presentare il curriculum a Matteo Salvini e di proporgli le sue idee

Dopo le dimissioni di Luca Morisci, attualmente sotto inchiesta, alla Lega è rimasto un posto vacante di social media manager e Roberto Lipari ha pensato di presentare il curriculum a Matteo Salvini e di proporgli le sue idee

11/10/2021

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Giuseppe Conte si fa rifare il musetto davanti a tutti

Giuseppe Conte si fa rifare il musetto davanti a tutti

«Scusi Del Debbio, c'è qui la truccatrice davanti. Abbia pazienza, abbia pazienza non ci siamo raccordati, era tutto aperto qui, ero distratto.(...) scusi un attimo, un secondo che mi tolgono un po' di lucido, prego, al volo. Mi perdoni, ma ero distratto da questa gentile presenza», è quanto ha detto Giuseppe Conte a Paolo Del Debbio in un fuorionda durante la sua ospitata a Dritto e rovescio. Tutto questo mentre l'estetista era impegnata a incipriare il viso dell'ex Premier

Ehi fuorisede, ti ricordi ancora come si vota?

Ehi fuorisede, ti ricordi ancora come si vota?

Roberto Lipari è con una cabina elettorale fuori dalla Sapienza di Roma e ci spiega che quest'anno, in occasione delle Europee, è la prima volta che in Italia si può votare anche da fuorisede. L'inviato festeggia e cerca studenti che vengono da altre città, per vedere se hanno svolto l'allenamento corretto per risultare buoni elettori. Voteranno il partito che più li rappresenta, quello suggerito da un parente o quello che fornisce loro 50 euro?

«Salvini fai Pen», si dice così in Francia?

«Salvini fai Pen», si dice così in Francia?

Matteo Salvini, interpretato da Dario Ballantini, è con la finta Marine Le Pen per fare il giro di Roma in sella a uno scooter. Il vicepremier vorrebbe guidare, ma la deputata francese non glielo lascia fare perché vuole essere lei al comando dell'Europa. E tra i selfie davanti al Colosseo e le passeggiate tra i monumenti, i due sugellano il loro amore su un lucchetto. Poi il ministro dei Trasporti esprime un desiderio: essere sempre legato a Marine. E lei lo accontenta

Roma, candidati civetta ne abbiamo?

Roma, candidati civetta ne abbiamo?

Roberto Lipari è davanti a Montecitorio per parlarci in modo satirico di una "truffa" legale, quella del candidato civetta. Un politico famoso che raccoglie tantissimi voti come se dovesse andare lui al Parlamento europeo una volta eletto. Ma al suo posto ci sarà il primo dei non eletti, per molti uno sconosciuto. L'inviato ne scova uno (in realtà un suo collega travestito), mentre tenta di "truffare" i passanti. Poi raccoglie la testimonianza di una sua "vittima"...

I politici di nuovo bimbi tra cacchine, pannolini e palloncini

I politici di nuovo bimbi tra cacchine, pannolini e palloncini

«Sarebbe bello tornare bambini per un giorno», riflette il leader del Movimento 5 Stelle. Lo seguono a ruota Matteo Salvini, Matteo Renzi, Carlo Calenda, Giorgia Meloni ed Elly Schlein in questa canzone nostalgica. C'è chi vorrebbe gonfiare di nuovo i palloncini, chi stare tutto il tempo sul passeggino, chi tornare a parlare con la T e la lingua davanti. E altro ancora. Highlander Dj rivela a tempo di musica i loro inconfessabili desideri

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata
Sprechi Rai, la sede di Pechino è di nuovo vuota

Sprechi Rai, la sede di Pechino è di nuovo vuota

La sede Rai di Pechino è di nuovo priva di un corrispondente, come ci spiega Pinuccio. Giovanna Botteri, infatti, dopo gli "scoop" sulle rose cinesi e i contadini tibetani è tornata in Italia in vacanza, in attesa di un vociferato trasferimento a Parigi. Il sostituto designato Marco Clementi, invece, è bloccato a Roma causa non meglio specificati "problemi di trasferimento". E quindi a occuparsi della riunificazione di Taiwan con la Cina ci pensano da Roma

Top 10 Video

tutti i video
Concorso per la Polizia di Stato, beffati gli idonei del 2020

Concorso per la Polizia di Stato, beffati gli idonei del 2020

Ottocento aspiranti poliziotti superarono la prima prova scritta di un concorso a gennaio 2020 e poi vennero dimenticati. Non c'è stato scorrimento di quella graduatoria ma di quelle più recenti uscite da altre due selezioni, con candidati che hanno preso voti inferiori alla più severa soglia del 2020. Alcuni di coloro che ancora aspettano fra un po' raggiungeranno il limite di età e si sentono beffati. Chiara Squaglia ha chiesto spiegazioni alla Polizia e al ministero dell'Interno

use DateTime;