Unicef e Associazione Zenzero, la verità su Samira

Dopo la crisi in Afghanistan chi è rimasto bloccato lì, soprattutto donne e bambini, ha potuto salvarsi e scappare grazie alle associazioni umanitarie. Tra queste c'è Samira, che è stata evacuata grazie all'impegno dell'Associazione Zenzero. Peccato che la sua storia sia stata "presa in prestito" come testimonianza dall'Unicef. Rajae prova a capire cosa è successo

Dopo la crisi in Afghanistan chi è rimasto bloccato lì, soprattutto donne e bambini, ha potuto salvarsi e scappare grazie alle associazioni umanitarie. Tra queste c'è Samira, che è stata evacuata grazie all'impegno dell'Associazione Zenzero. Peccato che la sua storia sia stata "presa in prestito" come testimonianza dall'Unicef. Rajae prova a capire cosa è successo

20/11/2021

Potrebbero interessarti anche

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?

Afghanistan: il pericolo non è finito, ma l'Italia ha la memoria corta

Afghanistan: il pericolo non è finito, ma l'Italia ha la memoria ...

Da quando i talebani hanno preso il controllo dell'Afghanistan lo scorso agosto, il destino di coloro che hanno collaborato con il governo italiano è appeso a un filo. Rajae questa volta ci racconta la storia di Hanif, profugo fuggito in Iran che ha rischiato la vita con ben due sequestri da parte della tratta di esseri umani e che ora cerca di ricongiungersi con lo zio che ha cittadinanza italiana. Ma la burocrazia è una rete difficile da sbrogliare

Le insidie di TikTok

Le insidie di TikTok

Rajae si occupa del social network che spopola tra i ragazzini, soprattutto minorenni, perché qui si trovano contenuti che inneggiano alla violenza e alle discriminazioni, senza che la piattaforma faccia nulla. Un esempio eclatante coinvolge proprio Striscia: nelle ultime settimane, infatti, è diventata virale su TikTok una canzone il cui testo dice "27 zoppi gay vanno in giro a picchiare Brumotti" e prosegue con termini peggiori. Peccato che per TikTok questo e altri contenuti non violino ...

Nella stessa puntata

tutti i servizi della puntata
Frecciabianca Catania-Palermo, una questione di facciata

Frecciabianca Catania-Palermo, una questione di facciata

Stefania Petyx ci parla del nuovo Frecciabianca che collega Catania e Palermo, inaugurato da Trenitalia da pochissimo e già fermo. Non solo: la nostra inviata ha scoperto che in realtà non si tratta di un treno ad alta velocità, dato che la Sicilia non dispone della rete ferroviaria adatta a sostenerla. E infatti, pur costando quasi il doppio del solito regionale, il Frecciabianca nel giorno dell'inaugurazione ha impiegato appena due minuti in meno

Top 10 Video

tutti i video
use DateTime;