News

Barletta, lo Stadio Puttilli sarà ufficialmente riaperto

Barletta, lo Stadio Puttilli sarà ufficialmente riaperto

Barletta, lo Stadio Puttilli sarà ufficialmente riaperto

Dopo varie peripezie, ritardi e promesse non mantenute, lo “Stadio Puttilli”, della città di Barletta, ha ottenuto il certificato di agibilità dalla Commissione di vigilanza. Ci sono voluti sette anni per arrivare a questo traguardo.

Striscia si occupa dal lontano 2016 del caso: Pinuccio era tornato varie volte nella cittadina pugliese per accertarsi che i lavori iniziassero e grazie ai suoi servizi la vicenda acquisì una eco nazionale.


Sono state superate anche le difficoltà degli ultimi mesi come la difformità della recinzione che separa il pubblico dal campo di gioco, la mancanza dei tornelli nelle gradinate, le problematiche che riguardavano le dimensioni del campo da gioco e una seconda uscita di emergenza, che nel progetto iniziale – datato 2011 – non era prevista.

La presentazione del progetto di ristrutturazione risale – appunto – al 2011 e fu subito accolta con fierezza dall’allora sindaco Nicola Maffei, dal presidente del Barletta Roberto Tarò e dal delegato Coni Isidoro Alvisi; ma da subito emersero le prime difficoltà, come la mancata aggiudicazione dell’appalto a causa dell’insufficienza di requisiti economici da parte delle aziende partecipanti alla gara. L’assegnazione dell’appalto è arrivata solo nel 2013 e la cantierizzazione nel 2015. Poi nel 2017, grazie all’intervento del Coni, sono stati ultimati i lavori di ristrutturazione della pista di atletica dello stadio, ma l’impianto è rimasto inagibile.

Non solo: dopo i servizi del nostro tg satirico, ci si è chiesti come mai i nuovi spalti siano stati costruiti su quelli vecchi, ormai inagibili e pericolanti?

L’ultimo step che ancora rimane da completare è l’installazione dei tornelli in gradinata, situazione che non ostacolerà l’apertura degli altri settori dell’impianto, che, ricordiamo, può ospitare quasi 5mila spettatori.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della Caritas di San Severo

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della ...

Pinuccio torna sul caso di Aboubakar Soumahoro, autosospesosi da deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, con la prima e unica intervista televisiva a don Andrea Pupilla, direttore della Caritas Diocesana di San Severo. Soumahoro in passato aveva raccolto 16mila euro per fare dei regali ai bambini del ghetto di San Severo, annunciando con gran risalto l'iniziativa vestito da Babbo Natale in un video. Peccato che, come rivela don Andrea Pupilla, «nel ghetto di Torretta Antonacci bambini non ...

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Pinuccio trova a Barletta per parlarci del canale Tittadegna, che dovrebbe raccogliere acque piovane ma che in realtà è un covo di rifiuti. L'inquinamento riguarda non solo il canale, visto che il corso d'acqua sversa nel fiume Ofanto e in seguito in mare. E la questione è ancora più grave se si considera che tra i rifiuti ce ne sono alcuni che destano particolari preoccupazioni. Il nostro inviato ha chiesto spiegazioni all'assessore all'Ambiente del Comune di Barletta, Anna Maria Riefolo

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo