News

Blitz antidroga al Parco Verde di Caivano, arrestato spacciatore immortalato da Striscia

Blitz antidroga al Parco Verde di Caivano, arrestato spacciatore immortalato da Striscia

Blitz antidroga al Parco Verde di Caivano, arrestato spacciatore immortalato da Striscia

Il business della droga continua inesorabile a Caivano, comune di Napoli diventato una delle piazze di spaccio più grandi d’Europa. Ma oggi i carabinieri hanno messo a segno un altro colpo con l’arresto di Patrizio Vitale, 50enne finito in manette in seguito all’operazione che già tre settimane fa aveva portato all’arresto di un altro spacciatore.

La disposizione è arrivata dopo le indagini condotte dall’Arma in quest’ultimo periodo. Vitale è stato arrestato e trasferito presso la casa circondariale di Poggioreale a Napoli, dove resterà a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Il suo volto è già noto alle forze dell’ordine. Ma non solo. Nel gennaio 2018 Vitale era stato inquadrato dalle telecamere nascoste del nostro gancio che aveva mostrato come avviene lo spaccio nella zona, prima dell’arrivo di Vittorio Brumotti, che con megafono e telecamere aveva cercato di dare una scossa alla gente del luogo affinché si ribellasse.
Per tutta risposta uomini incappucciati avevano aggredito l’auto della troupe per impedire le riprese e intimidire il nostro inviato.

Ecco cosa era successo.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Nettuno, nessuna traccia della piscina e del teatro

Nettuno, nessuna traccia della piscina e del teatro

Vittorio Brumotti in provincia di Roma ci conduce all'interno di quella che sarebbe dovuta diventare una piscina e poi in un teatro comunale mai realizzato: due strutture finanziate con denaro pubblico. I lavori per la prima sono partiti circa 20 anni fa, ma sono stati interrotti per un contenzioso tra la ditta e il Comune. Mentre la nascita del secondo risale a 15 anni fa: per costruirlo la Regione ha stanziato 4 milioni, cui si aggiungono i 400 mila di un privato

Le ragazze mute per finta e la falsa associazione di disabili

Le ragazze mute per finta e la falsa associazione di disabili

Vittorio Brumotti non può stare tranquillo neppure mentre si trova a Senigallia per una manifestazione. Incrocia un gruppo di cinque ragazze che, mostrando una cartelletta con il logo di un'associazione fittizia di disabili, avvicinano la gente. Lo scopo è estorcere soldi: queste donne, che sfruttano la sensibilità di alcune persone sull'argomento, gesticolano come se fossero mute ma l'inviato scopre voci e linguaggi inaspettati…

Ad Albisola Superiore una

Ad Albisola Superiore una "piscina" colma di sprechi

Vittorio Brumotti in sella alla sua bicicletta ci mostra la struttura incompiuta di Albisola Superiore nel Savonese che sarebbe dovuta diventare una piscina comunale e che invece per ora è soprattutto un deposito di materiale edile. La realizzazione si è fermata per motivi tecnici e il tetto non ha passato i collaudi. Di sicuro per gli abitanti si tratta di un "ecoschifo", per il quale il Comune deve pagare un mucchio di denaro

Brumotti derubato mentre libera i parcheggi per disabili

Brumotti derubato mentre libera i parcheggi per disabili

L'inviato alle prese con il popolo dei "solo 5 minuti": molti di coloro che parcheggiano scorrettamente negli stalli per disabili si giustificano dicendo di voler sostare per poco tempo. C'è chi accetta le parole di Brumotti e chi invece ha reazioni scomposte. Alla fine l'autore di tante inchieste per Striscia torna al parcheggio de La Rinascente e trova la brutta sorpresa: van scassinato e computer, telecamere e bici trafugati