News

Camila Giorgi sul caso falsi Green Pass: «Sono vaccinata»

Camila Giorgi sul caso falsi Green Pass: «Sono vaccinata»

Qualche settimana fa è esploso il caso dei presunti falsi green pass e su uno studio medico di Vicenza che sarebbe stato il centro di questa truffa. Tra i 23 indagati, insieme alla cantante Madame, c’è anche la tennista Camila Giorgi, che agli Australian Open, superato il primo incontro, ha risposto alle domande che le sono state poste nel corso della conferenza stampa, anche su questa vicenda e sulle accuse di falso ideologico.

Striscia la notizia è attiva dall’inizio della Pandemia per smascherare i trucchi escogitati adoperati per ottenere il certificato di vaccinazione Covid. Rajae Bezzaz si è occupata di un “tamponificio” anche nl marzo 2022.

Australian Open, Camila Giorgi risponde alle accuse sul falso green pass: «Non sono nei guai, altrimenti non sarei qui»

Nella giornata di oggi, 17 gennaio 2023, la tennista marchigiana Camila Giorgi si è qualificata al secondo turno degli Australian Open 2023 dopo essersi imposta sulla russa Anastasija Pavlyuchenkova. E si è detta pronta a tornare in campo, ancor più grintosa, giovedì 19 gennaio per sfidare la slovacca Anna Karolina Schmiedlova. Dopo il match, Giorgi ha colto l’occasione per rispondere alle accuse a lei rivolte.

«Sono tranquilla, altrimenti non avrei potuto giocare», ha detto la tennista durante la conferenza stampa. «C’è chi ha parlato prima di conoscere la situazione. Ci sono indagini in corso sulla dottoressa, il problema è suo, non mio».

È chiaro il riferimento alla dottoressa Daniela Grillone Tecioiu, di Vicenza, sotto accusa per traffico illecito di false vaccinazioni Covid. Tra i trecento nomi della sua lista di “pazienti”, hanno fatto scalpore quelli di Camila Giorgi e Madame. Per la cantante si è addirittura parlato di una possibile esclusione dal Festival di Sanremo, ma la sua partecipazione è stata confermata da Amadeus: «Io la valuto come cantante e non anticipo le decisioni della magistratura», ha sottolineato il conduttore/direttore artistico, «quando ci sarà la sentenza si vedrà».

In Australia, a Camila Giorgi è stato chiesto anche quali fossero i suoi rapporti con la dottoressa Grillone, in quanto risultano indagati insieme a lei anche il padre, la madre e i due fratelli. La tennista ha risposto che non sapeva nulla dei suoi problemi con la legge: «L’ho saputo poco prima di venire qui, quando ha fatto il mio nome nelle indagini. Ci sono più di trecento persone nella lista da lei consegnata agli inquirenti. L’unica verità è che ho fatto una sola vaccinazione con lei, le altre dosi le ho fatte con altri medici, quindi, sono in pace con me stessa».

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Esclusivo: sedativi e gabbie nel CPR di Palazzo San Gervasio

Esclusivo: sedativi e gabbie nel CPR di Palazzo San Gervasio

Rajae Bezzaz è a Palazzo San Gervasio, in provincia di Potenza, in uno dei dieci CPR (Centri di permanenza per il rimpatrio) d'Italia. È difficilissimo entrarci o anche solo avere immagini di questi luoghi, che in teoria non sono prigioni: qui vengono identificati e rimpatriati gli immigrati irregolari. Striscia però è venuta in possesso di immagini e informazioni che suscitano molti interrogativi, e non può tacere.

Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Aboubakar Soumahoro dice in tv che nessuno parla degli incendi nei ghetti, ma Rajae Bezzaz non fa altro da otto anni: a Striscia la notizia ha raccontato quelli di Boreano in Basilicata, nel gran ghetto di Rignano, a Rosarno, in Calabria, ancora a Rignano, e al ghetto dei bulgari vicino a Borgo Mezzanone. Poi, due anni dopo, a Rosarno, sull'isola di Lesbo, in Grecia, a Borgo Mezzanone. Onorevole, in questi anni non ha mai acceso la tv?

Capodanno globale: come festeggia il mondo che abbiamo in casa

Capodanno globale: come festeggia il mondo che abbiamo in casa

Rajae Bezzaz è a Torino, in uno dei luoghi più multiculturali d'Italia, per indagare sui tanti modi diversi in cui Capodanno si festeggia nelle varie culture che convivono oggi nel nostro Paese: scopriamo così che anche per i cinesi d'Italia esiste un doppio Capodanno e che - attenzione! - il 2023 sarà l'anno della tigre. I marocchini salutano il 1444 e non il 2023. E i bengalesi ballano tanto, ma poi si riposano anche per due giorni.

Gli interpreti afghani abbandonati dall'Italia: la storia di Sayed

Gli interpreti afghani abbandonati dall'Italia: la storia di ...

Da ormai un anno Striscia si occupa di accendere i riflettori sugli interpreti afghani abbandonati dal contingente italiano, dopo la precipitosa fuga in seguito alla presa del potere dei talebani. Rajae ci racconta la storia di un papà ridotto a stare per strada con la sua famiglia. Grazie all'intervento di Striscia la situazione sembra essersi risolta, almeno per moglie e figli, anche se non sono mancati gli intoppi e i depistaggi