News

Camila Giorgi sul caso falsi Green Pass: «Sono vaccinata»

Camila Giorgi sul caso falsi Green Pass: «Sono vaccinata»

Qualche settimana fa è esploso il caso dei presunti falsi green pass e su uno studio medico di Vicenza che sarebbe stato il centro di questa truffa. Tra i 23 indagati, insieme alla cantante Madame, c’è anche la tennista Camila Giorgi, che agli Australian Open, superato il primo incontro, ha risposto alle domande che le sono state poste nel corso della conferenza stampa, anche su questa vicenda e sulle accuse di falso ideologico.

Striscia la notizia è attiva dall’inizio della Pandemia per smascherare i trucchi escogitati adoperati per ottenere il certificato di vaccinazione Covid. Rajae Bezzaz si è occupata di un “tamponificio” anche nl marzo 2022.

Australian Open, Camila Giorgi risponde alle accuse sul falso green pass: «Non sono nei guai, altrimenti non sarei qui»

Nella giornata di oggi, 17 gennaio 2023, la tennista marchigiana Camila Giorgi si è qualificata al secondo turno degli Australian Open 2023 dopo essersi imposta sulla russa Anastasija Pavlyuchenkova. E si è detta pronta a tornare in campo, ancor più grintosa, giovedì 19 gennaio per sfidare la slovacca Anna Karolina Schmiedlova. Dopo il match, Giorgi ha colto l’occasione per rispondere alle accuse a lei rivolte.

«Sono tranquilla, altrimenti non avrei potuto giocare», ha detto la tennista durante la conferenza stampa. «C’è chi ha parlato prima di conoscere la situazione. Ci sono indagini in corso sulla dottoressa, il problema è suo, non mio».

È chiaro il riferimento alla dottoressa Daniela Grillone Tecioiu, di Vicenza, sotto accusa per traffico illecito di false vaccinazioni Covid. Tra i trecento nomi della sua lista di “pazienti”, hanno fatto scalpore quelli di Camila Giorgi e Madame. Per la cantante si è addirittura parlato di una possibile esclusione dal Festival di Sanremo, ma la sua partecipazione è stata confermata da Amadeus: «Io la valuto come cantante e non anticipo le decisioni della magistratura», ha sottolineato il conduttore/direttore artistico, «quando ci sarà la sentenza si vedrà».

In Australia, a Camila Giorgi è stato chiesto anche quali fossero i suoi rapporti con la dottoressa Grillone, in quanto risultano indagati insieme a lei anche il padre, la madre e i due fratelli. La tennista ha risposto che non sapeva nulla dei suoi problemi con la legge: «L’ho saputo poco prima di venire qui, quando ha fatto il mio nome nelle indagini. Ci sono più di trecento persone nella lista da lei consegnata agli inquirenti. L’unica verità è che ho fatto una sola vaccinazione con lei, le altre dosi le ho fatte con altri medici, quindi, sono in pace con me stessa».

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti

"Ho lavorato nel CPR di Milano e ho visto un girone infernale"

Rajae Bezzaz torna a occuparsi dei Centri di permanenza per i rimpatri, in particolare del CPR di via Corelli a Milano: un membro delle forze dell'ordine ha voluto dare la sua testimonianza sulle condizioni che lui definisce "disumane" in cui vivono gli ospiti della struttura, con la somministrazione di sedativi da parte di sedicenti dottori. Si tratta - dice - di "un sistema da terzo mondo" che non risolve il problema degli immigrati irregolari, anzi, ne crea di nuovi.

Matrimoni misti: se la sposa è musulmana non arrivano all'altare

Matrimoni misti: se la sposa è musulmana non arrivano all'altare

Rajae Bezzaz indaga sulla complessa realtà delle coppie formate da credenti di religioni diverse, l'unico tipo di unione in crescita in Italia che spesso però incontra molte difficoltà. Se la donna è musulmana e l'uomo è cristiano o ebreo e non ha intenzione di convertirsi, l'Islam è nettamente contrario. E pochi superano questo ostacolo in nome dell'amore. L'inviata raccoglie le opinioni di diversi stranieri che vivono in Italia.

Cittadinanza a punti, l'Italia è pronta per il sistema cinese?

Cittadinanza a punti, l'Italia è pronta per il sistema cinese?

Rajae Bezzaz indaga sul sistema di "credito sociale" inventato la Cina: ogni abitante, controllato ovunque dalle videocamere di riconoscimento facciale, ottiene un punteggio in base al suo comportamento pubblico e privato e così viene premiato o penalizzato. Funziona? Chi è appena tornato dal grande Paese asiatico racconta, altri preferiscono non esprimersi. È possibile importare quel metodo in Italia? Molti ne dubitano.