News

Canone Rai, altro che tablet e smartphone: all’appello mancano 15 milioni di euro

Canone Rai, altro che tablet e smartphone: all’appello mancano 15 milioni di euro

Canone Rai, altro che tablet e smartphone: all’appello mancano 15 milioni di euro

Stasera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) torna la rubrica “Rai Scoglio 24” dedicata agli sprechi della tv di Stato. L’ad Rai Carlo Fuortes ha dichiarato che il canone è incongruo: in Italia si paga troppo poco. Proposta: chiedere il canone anche a chi guarda la tivù su smartphone e tablet.

Ma, si chiede l’inviato Pinuccio, iniziare a recuperare quei 15 milioni di euro, in parte già nelle casse delle compagnie elettriche, no?

Molti italiani pagano il canone in bolletta. Spesso però questi soldi restano bloccati nelle casse delle società elettriche, che ci guadagnano pure sugli interessi. Così, alla Rai devono ancora arrivare 15 milioni di euro, tra quelli di chi non paga proprio e quelli invece già versati dai contribuenti ma non ancora girati alla tv di Stato.
Come, del resto, aveva già ribadito l’ex direttore canone e beni artistici della tv pubblica Nicola Sinisi nell’audizione in Vigilanza del 22 giugno 2021: «Se la Rai non guarda alle aziende elettriche commette un errore micidiale. Parliamo di cifre importanti in cui i ritardi di riversamento sono sistemici».

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo

Stalking al Tg1, il problema delle flatulenze

Stalking al Tg1, il problema delle flatulenze

Pinuccio e Rai Scoglio 24 esprimono il loro sostegno a Dania Mondini, conduttrice del Tg1 e vittima di stalking a Viale Mazzini. Il nostro collega si chiede come mai l'Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai, sempre molto combattivo quando si tratta di tagli di tg regionali, non si sia fatto sentire altrettanto vigorosamente sul caso di Mondini, costretta a una coabitazione punitiva con un collega con problemi di flatulenze & affini

I misteri di Saxa Rubra, gli sprechi Rai non finiscono mai

I misteri di Saxa Rubra, gli sprechi Rai non finiscono mai

A Rai Scoglio 24 Pinuccio raccoglie la testimonianza di un dipendente della tv di Stato andato da poco in pensione che a Pinuccio svela alcune stranezze che accadono nel centro di produzione Rai di Saxa Rubra. Dalle auto aziendali utilizzate per scopi privati ai dipendenti che continuano a percepire le maggiorazioni di stipendio per i turni notturni che in realtà sono coperti da esterni: i misteri senza risposta di Saxa Rubra

La Rai dei freelance e degli ex fidanzati, a spese nostre

La Rai dei freelance e degli ex fidanzati, a spese nostre

Pinuccio si fa portavoce delle lamentele dei dipendenti Rai, contrariati per l'eccessivo ricorso a collaboratori esterni da parte dell'azienda, come accaduto per le elezioni presidenziali francesi. Poi c'è il caso del giornalista freelance Gian Micalessin, ex fidanzato della direttrice del Tg1 Monica Maggioni, apparso nei servizi del Tg1 in Ucraina e più volte nella trasmissione di Raiuno Settestorie, sempre condotta da Maggioni. ?Insomma, nonostante le tante risorse Rai disposte a ...