News

Festa dei camici bianchi, in cosa consiste la proposta per celebrare gli operatori sanitari

Una giornata in onore dei camici bianchi, per ringraziarli per l'impegno profuso durante l'emergenza sanitaria. È questa la proposta avanzata da Ferzan Özpetek, che ha trovato il sostegno della Siae con cui è stata lanciata una petizione da rivolgere alle istituzioni. 

L'idea è quella di stabilire un giorno per onorare il lavoro e il sacrificio di medici, infermieri e oss che non si sono risparmiati nel fronteggiare la pandemia di Covid-19.

"Sarà anche una giornata di ricordo per quelli che hanno perso la vita, ma soprattutto di festa e ringraziamento per tutti coloro che lavorano negli ospedali. Persone che non possiamo, non vogliamo, non dobbiamo dimenticare quando questa emergenza sarà finita".

La data proposta, su suggerimento di Luciana Littizzetto, è quella del 20 febbraio, cioè il giorno in cui Annalisa Malara, anestesista dell'Ospedale di Codogno, ha scoperto che il 38enne identificato come "paziente Uno", aveva contratto il Coronavirus.

L'appello è stato subito accolto dal presidente della Siae Mogol, che ha avviato quindi la petizione aperta non solo agli associati, ma anche a tutti gli altri artisti e ai cittadini. 

Questa la lettera indirizzata dal compositore al Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati: "Siamo certamente consapevoli che le leggi di iniziativa popolare, nel nostro ordinamento richiedono 50 mila firme (che comunque sono certo raggiungeremo in poco tempo), e tuttavia chiedo a Lei e al Signor Presidente della Camera dei Deputati - cui la presente è indirizzata per doverosa conoscenza - di avviare l'iter normativo necessario per istituire il 20 febbraio la Festa dei Camici Bianchi. Vorremmo infatti, anche tra dieci anni, poter dire ai nostri figli, nipoti, ai bambini nati in questi drammatici giorni, che il 20 febbraio ricordiamo ma anche ringraziamo tutti quelli che lavorano ogni giorno, non solo nelle emergenze, per tutelare il bene primario di tutti che è la Salute".

Per firmare la petizione basta andare sul sito appositamente creato

Intanto, a esporsi è stato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: "Desidero manifestare il mio apprezzamento per l'intento dell'iniziativa - ha commentato - Al Parlamento e al Governo spetta assumere iniziative sul piano legislativo. Ho preso atto che il vostro appello è stato indirizzato anche ai Presidenti delle Camere, che potranno quindi valutare ed eventualmente sollecitare proposte. Ad essi farò pervenire copia di questa mia lettera".