News

I dipendenti Rai e gli scontrini falsi, una fonte: «Fatture gonfiate in ristoranti e hotel durante il Giro d’Italia»

I dipendenti Rai e gli scontrini falsi, una fonte: «Fatture gonfiate in ristoranti e hotel durante il Giro d’Italia»

I dipendenti Rai e gli scontrini falsi, una fonte: «Fatture gonfiate in ristoranti e hotel durante il Giro d’Italia»

Nuovo appuntamento per “Rai Scoglio 24” (il canale di Striscia “dedicato” alla Rai): stasera Pinuccio indaga sugli scontrini gonfiati chiesti dai dipendenti Rai durante il Giro d’Italia.
Una fonte di Rai Scoglio 24 spiega: «Mi sono ritrovato a lavorare con loro (i dipendenti Rai, ndr). Quando arrivava il momento del conto domandavano sempre lo scontrino con indicato il massimo del rimborso che potevano ricevere dalla Rai. Anche se la loro spesa era molto inferiore, a volte pari a un terzo».
Nell’intervista si parla anche di un quaderno nero in mano ai dipendenti di viale Mazzini. «Un libretto dove sono annotati ristoranti e alberghi dove avere questo trattamento di favore». La fonte racconta di un ristoratore che si rifiutò di emettere una fattura gonfiata: «I dipendenti Rai si infastidirono e cancellarono il nome del locale dalla lista».
Striscia la notizia si è già occupata degli scontrini gonfiati a Sanremo. Diversi dipendenti della tv di Stato sono indagati per il reato di truffa nel periodo tra il 2013 e il 2015.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Varato il

Varato il "Decreto Fuortes", un'altra poltrona per l'ad Rai

A Rai Scoglio24, Pinuccio indaga su quello che sarà ricordato come il “Decreto Fuortes”: l’attuale amministratore delegato Rai Carlo Fuortes potrebbe prendere la direzione a Napoli, del Teatro San Carlo. «Peccato che il San Carlo un sovrintendente ce l’abbia già: Stephane Lissner», spiega Pinuccio. Che aggiunge: «Il Consiglio dei Ministri ha varato un decreto che prevede il pensionamento dei sovrintendenti lirici stranieri (prima valeva solo per gli italiani) che hanno superato i 70 anni di età». Una norma che “taglierebbe” fuori proprio il 70enne Lissner.

Troppi debiti e spese per gli esterni, sciopero Rai il 26 maggio

Troppi debiti e spese per gli esterni, sciopero Rai il 26 maggio

Pinuccio di Rai Scoglio24 ci aggiorna sugli ultimi sviluppi del caso Rai: i sindacati hanno indetto uno sciopero generale di tutti i dipendenti per protestare contro la gestione della Tv di Stato, che ha accumulato più di mezzo miliardo di debiti. Sotto accusa, i tanti appalti esterni. Ci sono programmi, come "Non sono una signora", lo show delle drag queen con Alba Parietti, che sono costati parecchio e non vanno neppure in onda.

La Rai denunciata:

La Rai denunciata: "Non riconosce i diritti ai musicisti"

Pinuccio di Rai Scoglio24 racconta un clamoroso sviluppo della questione diritti connessi (quelli derivanti dallo sfruttamento dell'opera musicale per le emissioni radiofoniche, televisive e in streaming): l'Associazione fonografici italiani (Afi) ha annunciato che denuncerà la Rai per truffa aggravata, per non averli pagati. Interviene anche Beppe Vessicchio, che racconta di essere stato "boicottato" dall'ufficio scritture Rai in seguito alla sua denuncia.

Sprechi Rai, il logo di Sanremo lo fa una società esterna

Sprechi Rai, il logo di Sanremo lo fa una società esterna

A Rai Scoglio24 Pinuccio torna a indagare sugli sprechi (e non solo) della tivù di Stato e a pochi giorni dal Festival di Sanremo rivela un curioso retroscena sul logo della kermesse: nonostante regista e direttore artistico (Amadeus) avessero gradito le grafiche proposte dalla Rai, il direttore della Comunicazione e il direttore Intrattenimento Stefano Coletta hanno deciso di far rifare il lavoro a una società esterna. Perché?