News

I fratelli Antonini rinviati a giudizio: i re delle auto accusati di bancarotta fraudolenta

I fratelli Antonini rinviati a giudizio: i re delle auto accusati di bancarotta fraudolenta

I fratelli Antonini rinviati a giudizio: i re delle auto accusati di bancarotta fraudolenta

Erano stati arrestati il 17 gennaio scorso con l’accusa di bancarotta fraudolenta per il fallimento della “World car srl”. Ora per i fratelli Giuseppe e Mauro Antonini, eredi dello storico commerciante multimarche di auto, è arrivata la richiesta di rinvio a giudizio. I due sono stati invitati a presentarsi il 10 ottobre per l’udienza preliminare davanti al giudice del Tribunale di Monza Federica Centonze.

In seguito a un interrogatorio con gli inquirenti, Mauro Antonini aveva ottenuto gli arresti domiciliari, mentre il fratello Giuseppe era rimasto diversi mesi dietro le sbarre prima di ottenere a sua volta gli arresti domiciliari. 

Le indagini della Guardia di Finanza della Compagnia di Seveso erano iniziate nel 2017. Secondo l’accusa, i due, amministratori di fatto di una concessionaria di auto plurimarca, hanno trasferito l’intera azienda a favore di una nuova società, la “A2 car srl”, in cui sarebbero confluite somme di denaro pari a circa un milione di euro.

I fratelli Antonini sono inoltre accusati di aver intascato 400mila euro circa attraverso i conti correnti della società, giustificando i passaggi come pagamenti per attività di consulenza ritenute dagli inquirenti inesistenti.

In un nulla di fatto, per ora, le denunce dei clienti dell’autosalone che si erano rivolti a Striscia per riavere i soldi spesi per le automobili pagate e mai consegnate. Le indagini sono, infatti, ancora in corso per via dell’alto numero di persone che si sono rivolte alle autorità competenti che ora dovranno analizzare una a una le varie posizioni.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Gallarate, lo sgombero del condominio dichiarato inagibile

Gallarate, lo sgombero del condominio dichiarato inagibile

Max Laudadio torna a occuparsi del palazzo in provincia di Varese dove non sono mai stati realizzati i lavori di manutenzione. L'8 maggio verrà sgomberato, lasciando in mezzo alla strada decine di famiglie. Il 90% dell'immobile è di proprietà di una sola persona che non avrebbe pagato circa 600 mila euro di spese condominiali e che, secondo molti inquilini, avrebbe intascato affitti e caparre senza mai depositare i contratti

Concorsi pubblici a pagamento? Laudadio indaga e scopre che...

Concorsi pubblici a pagamento? Laudadio indaga e scopre che...

Come è possibile che nell'albo pretorio di alcuni Comuni emerga dalla ricerca un bando per funzionari di categoria C1, per partecipare al quale serve pagare 1.464 euro? Le amministrazioni pubbliche non chiedono soldi per l'accesso a un concorso, spiega il responsabile della Protezione civile di Varese. Ma quello è un bando o un semplice corso di formazione? Max Laudadio raggiunge la società dell'annuncio e scopre che non c'è traccia delle convenzioni con i Comuni