News

Il futuro dell’ambiente nelle mani dei “ciovani”

L’aggravarsi della crisi climatica è un tema molto caro alle giovani generazioni che sempre più spesso si mobilitano per parlare della necessità di interventi strutturali per arginare i cambiamenti climatici. Sono sempre loro che, grazie ad una sensibilità sempre maggiore, si ingegnano ogni giorno per cercare alternative sostenibili.
 
Non sorprende, dunque, che Samuel Aboagye, di soli 17 anni e che frequenta una scuola professionale in Ghana, nonostante i pochi mezzi a sua disposizione, sia riuscito nell’impresa di creare da zero uno scooter funzionante a energia solare, con l’unico scopo di: “non voler inquinare”.
 
Per la costruzione di questo mezzo elettrico, Samuel ha utilizzato parti di vecchie bici e del legno, mentre il motore è stato creato con una vecchia macchina da cucire della madre. Il tutto è alimentato da un unico pannello fotovoltaico.
 
Secondo quanto riportato dal sito ohga, il ragazzo avrebbe dichiarato che l’idea è partita poiché dove è nato: “C’è una grande disponibilità di legno, così ho pensato che invece di bruciarlo lo potevo utilizzare per costruirci qualcosa”.
 
L’idea del riciclo è dunque alla base di questo progetto. Ma Samuel è solo uno dei giovani talentuosi che riesce, grazie alle sue conoscenze, a costruire qualcosa di utile e sostenibile.
 
Se ne è accorta da anni Striscia la Notizia che ha deciso di promuovere il talento dei giovanissimi attraverso la rubrica “Ambiente Ciovani”. Lo scopo principale in ogni puntata è rendere note, attraverso le voci dei giovanissimi, alcune notizie riguardanti l’ambiente e la sostenibilità.
 
I ragazzi vestono i panni di veri e propri divulgatori scientifici che discutono di argomenti in materia ambientale, utili per la collettività.
 
E così, molto spesso si sono occupati di transizione energetica, parlando e riflettendo su quelli che sono i temi più caldi che infiammano le discussioni, come la posizione dei pannelli fotovoltaici:


O ancora, i nostri ciovani, si sono occupati dell’importanza di proteggere la natura intorno a noi, parlando di progetti nati con questo scopo, come il WOW NATURE, sito creato da una società collegata all'Università di Padova, dove si può contribuire a piantare e proteggere foreste già esistenti: