News

Incendi in Sicilia, arrestati tre piromani nel palermitano

Incendi in Sicilia, arrestati tre piromani nel palermitano

Incendi in Sicilia, arrestati tre piromani nel palermitano

Non si ferma la piaga degli incendi in Sicilia, dove i roghi di origine dolosa continuano a imperversare.

Nelle ultime ore solo nel palermitano sono state sottoposte a misure cautelari tre persone in due operazioni distinte.

La prima lungo la Statale 120, dove i Carabinieri di Cerda sono intervenuti a seguito delle segnalazioni di tre incendi, individuando e arrestando l’autore, un 67enne già noto alle forze dell’ordine per reati analoghi.

Il piromane è stato fermato nei pressi dei roghi, in tasca aveva ancora con sé un accendino e diversi tovaglioli che erano serviti proprio per appiccare il fuoco alle sterpaglie.

I vigili del fuoco sono riusciti a domare le fiamme, che nel frattempo si erano estese a circa 200 metri di vegetazione. L’uomo è stato successivamente sottoposto agli arresti domiciliari. 

Altra operazione quella eseguita invece dai Carabinieri di Trabia, che hanno arrestato due persone di Bagheria perché sorprese a bruciare una grossa quantità di rifiuti di varia natura all’interno di un terreno privato.

Dagli accertamenti dei militari è emerso che uno di loro già era stato segnalato per reati dello stesso tipo. Anche loro sono statti posti ai domiciliari dalla Procura di Termini Imerese in attesa di convalida.

Del problema degli incendi in Sicilia Striscia si è occupata proprio recentemente. Secondo i dati diffusi dall’Assessorato regionale del Territorio e dell’Ambiente, da gennaio a settembre 2020, su 1089 incendi ben 706 sarebbero di origine dolosa.

Ecco cosa aveva scoperto la nostra Stefania Petyx.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Per gli imprenditori processati e assolti c'è la condanna al fallimento

Per gli imprenditori processati e assolti c'è la condanna al ...

Stefania Petyx incontra Pietro Cavallotti, che ha visto l’azienda di famiglia crollare dopo due processi che hanno coinvolto lui, suo padre, i suoi zii e cugini, processi poi entrambi finiti con un’assoluzione. Alla fine dell’odissea nei tribunali Cavallotti è tornato in possesso dell’azienda, che però non valeva più niente: la gestione dello Stato è stata fallimentare. Il bello è che tutto è avvenuto nel pieno rispetto della legge, che forse andrebbe cambiata, come spiega a Jimmy Ghione il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Siracusano.

La burocrazia contro chi vive (per scelta senza) fissa dimora

La burocrazia contro chi vive (per scelta senza) fissa dimora

Stefania Petyx è a Partinico, in provincia di Palermo, per raccontare la storia di Alessandro, che per scelta e non per necessità, vive in un camper ed è dunque senza fissa dimora. Ma il comune di Partinico si rifiuta di assegnare lo speciale tipo di residenza, previsto dalla legge. Perché? Probabilmente perché la norma è antica e ambigua e ogni comune la interpreta in modo diverso. Riusciranno Stefania Petyx e il bassotto a risolvere questo caso?

I deputati siciliani la notte si sono aumentati lo stipendio

I deputati siciliani la notte si sono aumentati lo stipendio

I consiglieri della regione Sicilia, detti deputati, hanno deciso di combattere l'inflazione e si sono garantiti quasi 900 euro al mese in più. Ora ne guadagnano più di 12.000, mentre un deputato al parlamento nazionale supera di poco i 10.000. Stefania Petyx va a chiedere ai deputati se confermeranno la decisione o no: alcuni dicono che voteranno contro, altri che diranno ancora di sì. E molti scappano senza rispondere.

Petyx aggredita a Campobello di Mazara, ultimo covo di Messina Denaro

Petyx aggredita a Campobello di Mazara, ultimo covo di Messina ...

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) in esclusiva le primissime immagini dell'aggressione subita da Stefania Petyx a Campobello di Mazara, ultimo covo del boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro. L'inviata del tg satirico, in missione per chiedere ai cittadini un selfie contro la mafia, invece di ricevere solidarietà è stata insultata, minacciata e poi quasi investita da un motorino. Il servizio integrale andrà in onda nella puntata del 27 gennaio.