News

Le ultime parole famose dell’ad dell’aeroporto di Palermo: «Aeroporto bruttino, ma sicuro!»

Le ultime parole famose dell’ad dell’aeroporto di Palermo: «Aeroporto bruttino, ma sicuro!»

Le ultime parole famose dell’ad dell’aeroporto di Palermo: «Aeroporto bruttino, ma sicuro!»

«Ora l’aeroporto è un po’ bruttino, però è sicuro!». Così Giovanni Scalia, amministratore delegato di GES.A.P. (società che gestisce l’aeroporto di Palermo), aveva tentato di rassicurare Stefania Petyx sulla sicurezza del “Falcone e Borsellino”, i cui lavori di restauro paiono interminabili. Le “ultime parole famose”: poche ore dopo, infatti, all’interno dello scalo siciliano crolla una parete in cartongesso e parte del soffitto, generando il panico tra i turisti.

Fili elettrici esposti, luci appese per miracolo e tanto altro: non proprio un bel biglietto da visita per i viaggiatori in arrivo a Palermo, costretti a divincolarsi in un vero e proprio percorso a ostacoli. «I lavori stanno andando avanti e si faranno: ora faremo anche mettere dei cartelli con scritto che ci scusiamo per il disagio e che stiamo lavorando per dare ai turisti l’aeroporto dei sogni», aveva dichiarato lo stesso Scalia nell’intervista di poco antecedente al crollo. Per ora, in attesa dei sogni, ai passeggeri è toccato vivere un vero e proprio incubo.

Il servizio sarà trasmesso questa sera all’interno di Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35).

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Catania-Palermo, l'autostrada impossibile: cantieri infiniti e gincane tra corsie e carreggiate

Catania-Palermo, l'autostrada impossibile: cantieri infiniti ...

Stefania Petyx si occupa di una piaga autostradale nota come la Catania-Palermo, un percorso di 200 km che ora è diventato il tratto per un'avventura di 5 ore. Infatti, dopo 40 anni, sono iniziati per l'autostrada (ormai anziana), i lavori per riqualificarla e renderla più funzionale. Peccato che siano iniziati improvvisamente e tutti insieme, così da far diventare la tratta ormai impercorribile, un videogame dalle mille deviazioni con problematiche come allagamenti e lunghe code

Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Stefania Petyx si trova a Palermo per parlarci di un problema "pubblico". Nel capoluogo siciliano, infatti, i vespasiani sono perlopiù chiusi o lasciati al più completo degrado. Una questione che riguarda non solo i palermitani, ma soprattutto i tanti turisti che ormai affollano la città. La nostra inviata è andata a sondare il terreno con le guide e i baristi costretti a sopperire alla mancanza del Comune ed è riuscita a strappare una promessa al sindaco Lagalla