News

Non solo Flavia Vento e il pallavolista Cazzaniga: in tanti sono stati raggirati da finti vip innamorati

Non solo Flavia Vento e il pallavolista Cazzaniga: in tanti sono stati raggirati da finti vip innamorati

Non solo Flavia Vento e il pallavolista Cazzaniga: in tanti sono stati raggirati da finti vip innamorati

Striscia la notizia era arrivata a Savona due anni fa, nel giugno 2020, quando l’inviato Moreno Morello aveva seguito il denaro che dalla Toscana una ragazza aveva versato a un falso Umberto Tozzi che invece era solo un truffatore, un richiedente asilo di origine nigeriana. Due anni dopo, il Tribunale di Savona ha guidato un’operazione, condotta dai Carabinieri del Comando provinciale di Savona, che in tutta Italia ha coinvolto 29 persone, di cui 19 sottoposte a misure cautelari, accusate di aver portato a termine truffe online per un giro di denaro che sfiora i sei milioni di euro.
 
Si tratta di due tipi di truffe online, la truffa informatica detta “Man in the middle”, e quella “sentimentale”, che utilizza i falsi profili di personaggi famosi (oltre al falso Tozzi, c’è il falso Keanu Reeves, il falso Tiziano Ferro, il falso medico che opera ad Aleppo, in Siria) per attirare l’attenzione di utenti, spesso donne, anche con la scusa di finte opere di beneficenza: nell’indagine sono state individuate 433 vittime di questo tipo di raggiro.
 
Naturalmente le indagini proseguono: il consiglio dell’inviato di Striscia è di non vergognarsi mai di denunciare, e di fare attenzione a chi si incontra in Rete e soprattutto a chi chiede denaro.
 
Il servizio completo questa sera a Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Integratori online e testimonial inventati: ora arrivano anche i finti sconti

Integratori online e testimonial inventati: ora arrivano anche ...

Moreno Morello torna con un altro episodio di Malattie aberranti per mostrarci come i furbetti che vendono online integratori di ogni tipo continuino a utilizzare l'immagine di personaggi celebri e medici a sproposito e senza la loro autorizzazione, promuovendo i prodotti in modo sleale e scorretto. Non solo: ora il nostro inviato ha scoperto che per attirare ulteriormente l'attenzione degli utenti, negli articoli e negli annunci pubblicitari si incentiva ad acquistare proponendo giochi ...

2000 euro di cauzione, ma dei lavori con l'ecobonus non c'è ancora traccia

2000 euro di cauzione, ma dei lavori con l'ecobonus non c'è ...

Moreno Morello torna a parlarci del superbonus 110%. Pare infatti che un'azienda di Rimini, La Ngc, chiedesse una cauzione di 2000 euro ai cittadini che volevano aderire all'ecobonus affidandosi a dei professionisti per la parte amministrativa e quella edilizia (cauzione che poi doveva essere restituita). Peccato che ad essersi affidati alla Ngc siano stati in molti e che sia passato parecchio tempo senza alcun avvio dei lavori nella maggior parte dei casi