News

Orietta Berti: «Mai stata aggredita: è tutto falso».  L’intervista stasera a Striscia

Orietta Berti: «Mai stata aggredita: è tutto falso». L’intervista stasera a Striscia

Orietta Berti: «Mai stata aggredita: è tutto falso».  L’intervista stasera a Striscia

«Non sono mai stata aggredita, non ho mai avuto sfregi in viso e, che io sappia, mio marito non è uno scienziato che crea creme miracolose». Così Orietta Berti in un’intervista esclusiva, rilasciata a Moreno Morello, che sarà trasmessa questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35).

La cantante è stata vittima sul web di un abuso della sua immagine, utilizzata impropriamente per ingannare (e truffare) le persone a scopi commerciali e senza che lei ne fosse a conoscenza: «I truffatori hanno pubblicato fake news che riportavano di un’inesistente aggressione che avrebbe lasciato Berti sfregiata, proponendo a 39 euro una crema curativa prodotta dal marito Osvaldo, spacciato per scienziato», spiega Morello. «Molti miei fan se ne sono accorti e hanno addirittura acquistato la crema: è tutto falso, denuncio», conclude Orietta Berti, cosa che la cantante ha effettivamente fatto subito dopo l’intervista con Striscia.

Il servizio completo stasera a Striscia (Canale 5, ore 20.35).

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Il buono (sconto), il bruto e il cattivo: la truffa delle tessere

Il buono (sconto), il bruto e il cattivo: la truffa delle tessere

Moreno Morello torna a occuparsi di un sistema che punta a ingannare i clienti che credono di accettare una tessera sconto gratuita e che poi, dopo essere stati convinti a firmare frettolosamente una ricevuta, si scoprono vincolati per anni a spese di migliaia di euro. La tecnica - in tre fasi - è stata ribattezzata dall'inviato: il buono (sconto), il bruto (il sedicente avvocato che contatta le vittime) e il cattivo, il responsabile che minaccia azioni legali in caso di mancato pagamento.

Tre mesi fermo per un errore sul libretto di circolazione

Tre mesi fermo per un errore sul libretto di circolazione

Moreno Morello racconta la storia di un automobilista di Firenze che grazie al suo gommista ha scoperto che il tipo di pneumatici da montare sulla sua vettura non era previsto sui documenti ufficiali. Ora il costruttore è intervenuto presso il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: i libretti di alcuni modelli prodotti tra settembre 2022 e marzo 2023 andranno corretti. Non sarà un grande problema per quasi tutti i proprietari, ma la famiglia di Firenze ha dovuto rinunciare ...