News

Prigionieri da 100 giorni, il silenzio del Governo sulla trattativa per liberare i pescatori di Mazara del Vallo sequestrati in Libia

Prigionieri da 100 giorni, il silenzio del Governo sulla trattativa per liberare i pescatori di Mazara del Vallo sequestrati in Libia

Prigionieri da 100 giorni, il silenzio del Governo sulla trattativa per liberare i pescatori di Mazara del Vallo sequestrati in Libia

Rajae Bezzaz torna a dar voce alle famiglie dei 18 pescatori di Mazara del Vallo (TP) sequestrati dalle milizie del generale Haftar nell’ottobre scorso, perché accusati di essere entrati illegalmente nelle acque territoriali libiche.

Le famiglie dei marinai protestano e chiedono spiegazioni al Governo, che sembra aver congelato ogni contatto. Bengasi, va ricordato, in cambio del rilascio dei marinai italiani chiedeva la liberazione di 4 scafisti libici condannati a 30 anni nel nostro Paese.

A oggi, nonostante il ministro degli Affari Esteri Luigi Di Maio abbia a più riprese promesso la scarcerazione dei pescatori, lo stallo sembra evidente. Dopo oltre 100 giorni di prigionia in Libia e di manifestazioni in Italia, e a pochi giorni dal Natale, le speranze delle mogli, dei figli e dei parenti dei 18 pescatori si fanno sempre più flebili e si contornano di rabbia per il silenzio della autorità.

In attesa di vedere il servizio in onda questa sera, ecco lo sfogo dei familiari durante il primo servizio della nostra inviata.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?