News

Cuccioli, dopo i servizi di Striscia il puppy yoga è illegale

Cuccioli, dopo i servizi di Striscia il puppy yoga è illegale

Cuccioli, dopo i servizi di Striscia il puppy yoga è illegale

Durante la sua 36esima edizione Striscia si è occupata di questa pratica scorretta: una sessione di yoga dedicata all’esercizio fisico e al contatto con cuccioli di cane di varie razze. Chiara Squaglia ha documentato il trattamento di questi piccoli animali, trasportati anche in condizioni quantomeno anomale (cassette di frutta e verdura) e costretti a rimanere senza acqua durante le sedute.

Una sessione di yoga dedicata all’esercizio fisico e al contatto con cuccioli di cane di varie razze: durante la sua 36esima edizione Striscia la notizia si è occupata di questa pratica chiamata “puppy yoga“. Un allenamento oggi in voga, lanciato con la motivazione che l’attività svolta in compagnia di cani (di pochi mesi o, addirittura, di poche settimane) migliorerebbe lo stato di salute fisica mentale di chi lo pratica. Ma l’attività descritta attraverso questi nobili propositi rischia di rivelarsi dannosa per i cuccioli, che nel caso preso in esame sono stati ammassati in cassette di frutta e verdura per essere portati al centro yoga e lasciati in condizioni di disidratazione. Di questo filone si è occupata per il tg satirico Chiara Squaglia e, dopo un mese dal primo servizio, il Ministero della Salute ha stabilito che le sedute di puppy yoga con cuccioli di cane sono illegali.

Cuccioli di cane tenuti senza acqua (e forse né cibo)

Il primo servizio risale al 28 marzo 2024, quando l’inviata ha mostrato alcune immagini girate all’interno di un centro yoga a Milano. Immagini che immortalavano i cuccioli tenuti in piccoli recinti e senza ciotole da cui dissetarsi. «Sono spesso tenuti per molto tempo senza acqua e a volte forse anche senza cibo, per evitare che durante le sessioni di yoga possano fare i propri bisogni» spiegava nel servizio la dottoressa Manuela Molteni, consulente e formatrice di zooantropologia applicata, che ha aggiunto: «Teniamo presente che questi cuccioli hanno pochissime settimane, pertanto sono molto vulnerabili e anche se vaccinati possono comunque contrarre malattie». L’inviata si è dunque recata nel centro per chiedere spiegazioni, ma non ha trovato dipendenti molto collaborativi.

La denuncia dell’associazione LNDC Animal Protection

In totale Striscia la notizia ha dedicato quattro servizi all’inchiesta, il secondo dei quali è datato 15 aprile 2024. Quel giorno Chiara Squaglia ha scoperto altri retroscena di questa vicenda. Dopo la sua precedente visita al centro è arrivata in redazione a Striscia una segnalazione di una ragazza, che spiegava come la stessa domenica del servizio si fosse trovata a fare una lezione con cuccioli che si addormentavano spesso enon sembravano in gran forma. Dopo l’intervento di Striscia – proprio secondo quanto documentato in questo secondo servizio – le sessioni sembrano essere riprese come se nulla fosse, a parte qualche accorgimento: finestre oscurate e animali accompagnati tramite trasportini invece che dentro le cassette della frutta. L’inviata si è allora confrontata con Adriano Disabella Ricci, portavoce dell’associazione LNDC Animal Protection che ha riferito a Striscia di aver depositato una denuncia in Procura.

Il terzo servizio di Striscia e la chiusura del centro milanese dove si praticava il puppy yoga 

Il terzo servizio del tg satirico è andato invece in onda il 22 aprile 2024, data in cui è avvenuta la chiusura dello studio milanese al centro delle inchieste. In quell’occasione Chiara Squaglia ha anche incontrato la giornalista, biologa e cinofila Dunia Rahwan. La donna, con l’aiuto dei suoi collaboratori, è riuscita a far analizzare gli escrementi dei cuccioli, arrivando così a scoprire che i cagnolini erano portatori di parassiti intestinali come giardiaascaridi e coccidi. Come ha spiegato poi Manuela Molteni, molti di questi parassiti possono «contagiare l’essere umano con conseguenze anche gravi».   

Il puppy yoga è illegale. La nota del Ministero della Salute dopo i servizi di Striscia

Vittoria di Striscia: nel servizio dell’8 maggio 2024 Chiara Squaglia ha infatti annunciato che il puppy yoga è ufficialmente illegale. Con una nota istituzionale il Ministero della Salute ha dichiarato che «tale attività rientra nell’ambito delle attività assistite con gli animali». E l’accordo in vigore su questa materia stabilisce in modo chiaro «che gli animali coinvolti siano soggetti adulti»; diversamente è da considerarsi illegale.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Concorso per la Polizia di Stato, beffati gli idonei del 2020

Concorso per la Polizia di Stato, beffati gli idonei del 2020

Ottocento aspiranti poliziotti superarono la prima prova scritta di un concorso a gennaio 2020 e poi vennero dimenticati. Non c'è stato scorrimento di quella graduatoria ma di quelle più recenti uscite da altre due selezioni, con candidati che hanno preso voti inferiori alla più severa soglia del 2020. Alcuni di coloro che ancora aspettano fra un po' raggiungeranno il limite di età e si sentono beffati. Chiara Squaglia ha chiesto spiegazioni alla Polizia e al ministero dell'Interno

Auto mai consegnate, a Torino nessun rimborso all'orizzonte

Auto mai consegnate, a Torino nessun rimborso all'orizzonte

Andiamo con Chiara Squaglia a Torino dove un rivenditore di auto avrebbe venduto, in pronta consegna, vetture mai consegnate. Uno dei clienti avrebbe sborsato 20mila euro, sostenuto spese legali e comprato un altro mezzo per spostarsi. Il paradosso? Il signor Donato, che non l'ha mai rimborsato e che nel frattempo ha allargato il business, gli avrebbe chiesto i "danni morali" se avesse diffuso in Internet il servizio di Striscia!

Rimborsi per gli alluvionati della Romagna ancora impantanati nella burocrazia

Rimborsi per gli alluvionati della Romagna ancora impantanati ...

Chiara Squaglia torna nel Ravennate da dove l'anno scorso raccontò la disperazione di chi abbandonò casa o azienda per l'alluvione, vedendosi rimborsare dallo Stato appena tremila euro dei circa centomila necessari. Il problema era la "pretesa" che i cittadini prima pagassero i cantieri e solo poi venissero risarciti. Ora è possibile il rimborso dei danni subiti al 50%. Tutto a posto? No, perché la piattaforma per le richieste è un imbuto: solo pochi riescono a compilarle

Alcol ai minori a Montecatini Terme

Alcol ai minori a Montecatini Terme

Chiara Squaglia è in provincia di Pistoia: secondo alcune segnalazioni molti locali venderebbero alcolici a chi ha meno di 18 anni. La testimonianza di una mamma sul passaparola tra giovanissimi: «Fa imbestialire che nelle chat si parli apertamente di una discoteca, in cui viene promesso alcol illimitato ai ragazzini: tutti lo sanno e nessuno fa niente». E così un "gancio" maggiorenne di Striscia, che però si dichiara minorenne, fa un giro di prova

Tumori, le tante bugie della sedicente guaritrice

Tumori, le tante bugie della sedicente guaritrice

Chiara Squaglia ci racconta cosa ha scoperto di nuovo sulla sedicente sciamana che promette di guarire i tumori, convincendo le persone ad abbandonare le cure ufficiali. L'inviata scopre che molte informazioni del suo curriculum non sono corrette, dal corso di psiconeuroendocrinoimmunologia mai conseguito al titolo di docente del Master online in Scienze Quantistiche e della Salute che non risulta, fino alla collaborazione con l'Associazione Ippocrate, smentita dai suoi stessi vertici

La sedicente guaritrice di tumori si difende: «Non è mia la colpa della morte»

La sedicente guaritrice di tumori si difende: «Non è mia la ...

Chiara Squaglia si occupa ancora della sciamana che sostiene di saper curare questi brutti mali. Dopo aver avuto il coraggio di chiedere alla madre di Massimo, malato di cancro e poi morto, di farle pubblicamente le scuse, la donna di Rimini ha raccontato la sua versione a un giornale locale. E non si è neanche trattenuta dal negare l'evidenza, sostenendo di non possedere i macchinari di cui si era vantata nei precedenti servizi di Striscia

L'inchiesta sulla sedicente guaritrice di tumori continua

L'inchiesta sulla sedicente guaritrice di tumori continua

Chiara Squaglia torna a occuparsi della sciamana che dice di poter curare il cancro con un macchinario, a suo dire, miracoloso. Dopo i servizi di Striscia la donna ha inviato dei messaggi intimidatori alla mamma di Massimo, deceduto dopo aver rifiutato le cure mediche. Ecco i vocali che l'uomo aveva inviato ai suoi amici quando si era affidato a lei e la testimonianza del dottor Francesco De Rosa, oncologo dell'istituto romagnolo per lo studio dei tumori