News

Rai e MN Italia, sarà viale Mazzini a gestire internamente l’ufficio stampa di Sanremo 2020

Rai e MN Italia, sarà viale Mazzini a gestire internamente l’ufficio stampa di Sanremo 2020

Rai e MN Italia, sarà viale Mazzini a gestire internamente l’ufficio stampa di Sanremo 2020

Alla fine la Rai ha annullato tutto e ha deciso di curare internamente la comunicazione del Festival di Sanremo 2020.

La decisione dell’amministratore delegato Fabrizio Salini arriva dopo una settimana movimentata, tra interrogazione parlamentare e commissione di vigilanza.

Tutto nasce quando Striscia inizia a farsi delle domande sulle strane coincidenze che riguardano il legame tra la scelta di nominare come Direttore della Comunicazione Marcello Giannotti, che dal 2005 al 2018 ha lavorato per MN Italia, e quello di affidare a quest’ultima la gestione dell’ufficio stampa di alcune trasmissioni di punta del servizio pubblico.

In particolare, per quanto riguarda Sanremo, in seguito al primo servizio di Pinuccio, è stata la stessa MN Italia a darci notizia dei contatti avviati con la Rai per il Festival.

«Per quanto riguarda Sanremo, è vero che siamo stati chiamati per supportare la comunicazione, ma è falso che la richiesta sia partita dalla Direzione Comunicazione RAI. Ci ha chiamato lo staff del direttore Artistico per la nostra competenza e per aver già seguito assieme il Festival condotto da Paolo Bonolis», si legge sul comunicato dell’agenzia di comunicazione. Contatti in un primo momento persino smentiti da Viale Mazzini.

A noi di Striscia, però risulta che le cose stiano diversamente e che Amadeus in realtà in un primo momento avesse chiesto – come nelle sue possibilità di direttore artistico – un altro ufficio stampa.

In questo ginepraio di rivelazioni e smentite a poco è servita la commissione di vigilanza, dalla quale non è emerso granché. Motivo per cui il nostro inviato ha più volte provato a chiedere un’intervista con Salini per dare la possibilità alla Rai di chiarire una volta per tutte la situazione, ma ci è stato risposto che l’Ad non parla, perlomeno con noi.

Ieri sera poi l’annuncio: per Sanremo la Comunicazione Rai farà da sé.

«Viene fuori che se non vi era un conflitto di interessi, sicuramente vi era uno spreco tanto è vero che grazie alla vostra denuncia l’appalto non viene concesso», ha commentato Michele Anzaldi, segretario della Commissione Vigilanza.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Associazioni per l'integrazione contro Soumahoro: fare chiarezza

Associazioni per l'integrazione contro Soumahoro: fare chiarezza

Pinuccio torna a occuparsi dell'onorevole con gli stivali Abubakar Soumahoro per raccogliere l'appello di altre associazioni di africani che reclamano spiegazioni sul suo operato. «Vogliamo sapere dove siano finite quelle risorse e chiediamo che la magistratura faccia chiarezza», dice Ablaye Seye dell'associazione Teranga A.I.P, che svela a Pinuccio che, da quando è scoppiato il caso che lo vede coinvolto, Soumahoro nei ghetti di Foggia non si farebbe più vedere.

Milano-Cortina 2026, le Olimpiadi dei figli, nipoti, amici di…

Milano-Cortina 2026, le Olimpiadi dei figli, nipoti, amici di…

Pinuccio si occupa dei giochi olimpici invernali assegnati all'Italia nel 2026: nella Fondazione che li organizza ci sono molti che hanno cognomi noti e tanti che hanno un passato in politica: a destra, a sinistra o al centro. Qualche esempio? Lorenzo La Russa, figlio di Ignazio La Russa, Antonio Marano, ex presidente di Rai Pubblicità ed ex sottosegretario, e Marco Francia, candidato in passato con Forza Italia. E anche Livia Draghi, nipote dell'ex premier Mario Draghi. Interpellata, la ...

Boccia rivela: «Mazzarano non entrerà nella Direzione PD»

Boccia rivela: «Mazzarano non entrerà nella Direzione PD»

Pinuccio torna a occuparsi del consigliere regionale pugliese Michele Mazzarano che, nonostante una condanna per corruzione elettorale, è appena stato nominato nella Direzione nazionale del Partito democratico. Pinuccio è andato a chiedere ai nuovi vertici se il codice etico del PD permette una nomina come questa e il senatore Francesco Boccia gli rivela, in esclusiva, che Mazzarano non entrerà in Direzione perché «ha preferito anche lui attendere il terzo grado di giudizio».

Via libera alla multa alla Rai per la pubblicità occulta a Sanremo

Via libera alla multa alla Rai per la pubblicità occulta a Sanremo

Pinuccio è davanti alla sede dell'Agcom nel giorno in cui l'agenza decide che multerà la Rai per un importo che potrebbe arrivare fino a 250.000 euro. Multa che tanto pagheremo noi contribuenti con i soldi del canone. Nello specifico, l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha deciso di sanzionare Rai1 per 12 episodi di pubblicità non segnalata e per l'utilizzo di Instagram in occasione della scorsa edizione del Festival della canzone italiana.

Pinuccio e la missione impossibile del mutuo alla Soumahoro

Pinuccio e la missione impossibile del mutuo alla Soumahoro

Pinuccio torna a occuparsi dell'onorevole Aboubakar Soumahoro e del mutuo di 270mila euro erogato all'ex sindacalista a fronte di un reddito lordo di circa 9mila euro dichiarati nel 2022 e circa 24mila l'anno precedente. Ma è possibile ottenere un mutuo di questo genere con un reddito così basso? Pinuccio ha mandato un attore nella stessa banca dell'ex sindacalista ma non ce l'ha fatta. Come avranno fatto Aboubakar e la moglie?

I dubbi di Pinuccio su Sanremo finiscono in Parlamento

I dubbi di Pinuccio su Sanremo finiscono in Parlamento

L'inviato di "Rai Scoglio 24" torna a occuparsi delle polemiche post Sanremo, sul contratto (c'è o non c'è? Chi l'ha visto?) tra Chiara Ferragni e la Rai, sull'utilizzo delle immagini del backstage del Festivale e sulla possibile pubblicità occulta a Instagram da parte di Amadeus. Il senatore Maurizio Gasparri alle telecamere di Striscia dice di aver presentato un'interrogazione al Ministro delle Imprese e del Made in Italy per avere chiarimenti. Che succederà?

Un'altra offerta non Rai per organizzare il Festival di Sanremo

Un'altra offerta non Rai per organizzare il Festival di Sanremo

Pinuccio di Rai Scoglio 24 torna a occuparsi del festival della canzone italiana per lanciare la notizia di una seconda offerta per il Festival: l'ipotesi bando da parte del Comune diventa sempre più probabile. Arriva da StaGe!, coordinamento nazionale delle imprese, lavoratori, artisti, musicisti, tecnici ed operatori del settore spettacolo indipendente. Intanto, un sondaggio del sito Money.it conferma: il 67% dei votanti è favorevole a togliere il Festival di Sanremo alla Rai.