News

Rajae Bezzaz aggredita a Roma durante la realizzazione di un servizio per Striscia la notizia

Rajae Bezzaz aggredita a Roma durante la realizzazione di un servizio per Striscia la notizia

Rajae Bezzaz aggredita a Roma durante la realizzazione di un servizio per Striscia la notizia

Ennesimo episodio di violenza nei confronti di un inviato di Striscia la notizia: si tratta di Rajae Bezzaz, aggredita in via Tiburtina a Roma con la sua troupe mentre filmava un nuovo capitolo dell’inchiesta su blocco degli sfratti e morosità.
 
«In Italia è stato prolungato a causa del Covid il blocco degli sfratti – racconta Rajae – che però non tutela i proprietari e permette invece ad alcuni affittuari di “approfittarsene”». È il caso di un cittadino che, nonostante gestisca diverse pizzerie, non paga da più di un anno l’affitto. Esasperato da questa situazione, il proprietario dell’appartamento in zona San Basilio si è rivolto a Striscia, ma l’accoglienza riservata a Rajae dall’inquilino moroso è stata tutt’altro che conciliante: «Inizialmente è scappato – continua l’inviata di Striscia –, noi gli siamo stati dietro e poco dopo sono sbucati fuori due suoi amici: ci hanno sorpreso, hanno distrutto telecamera e microfono e tirato un pugno in faccia a un operatore». Verrà sporta denuncia per i danni subìti.


Il servizio andrà in onda stasera su Canale 5 (ore 20.35).

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?