News

Scuole a rischio per maltempo: da Chieti a Gela è allarme sicurezza

Scuole a rischio per maltempo: da Chieti a Gela è allarme sicurezza

Scuole a rischio per maltempo: da Chieti a Gela è allarme sicurezza

Non c’è pace per le scuole italiane e il maltempo che ha colpito varie parti dell’Italia negli ultimi giorni di certo non aiuta.

Sabato nell’Istituto tecnico industriale Luigi di Savoia di Chieti è crollato un altro pezzo di intonaco che ha colpito un alunno durante una lezione. Non è la prima volta, anzi. E per questo gli studenti hanno deciso di scioperare oggi per richiedere gli interventi di cui si parla da anni.

In realtà i soldi per i lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza ci sarebbero anche. Un primo finanziamento risale addirittura al 2015 con un primo finanziamento da 5 milioni e 236mila euro disponibili nelle casse della provincia, proprietaria dell’istituto. Ma dei lavori ancora neanche l’ombra.

«La progettazione non è facile», risponde Mario Pupillo, presidente della Provincia a Il Centro.

«Stavamo aspettando altri fondi, che adesso sono arrivati, per ampliare la disponibilità economica. Ci sono state varie ipotesi da percorrere: bisognava decidere anche la modalità di intervento con i vari presidi che si sono susseguiti», prosegue.

Un secondo finanziamento statale è arrivato la scorsa estate, questa volta da 10 milioni e 475mila euro, con l’obiettivo di eseguire opere di «miglioramento sismico su edificio non adeguabile per vincolo di interesse culturale».

Intanto i 1500 studenti che frequentano l’Itis sono stufi di aspettare mentre la scuola crolla loro addosso. A loro il Presidente della Provincia assicura: «faremo i sopralluoghi e un’analisi preventiva su vaste porzioni di solaio per prevenire altri distacchi».

Già due anni fa la stessa scuola era finita in cima alla lista nera degli istituti meno sicuri d’Abruzzo (che in generale come regione a livello di sicurezza scolastica è messa piuttosto male). Del caso si era occupato il nostro Pinuccio, da allora però poco o nulla è cambiato.

Il maltempo che ha imperversato in diverse regioni nei giorni scorsi ha fatto emergere diverse situazioni critiche in giro per l’Italia. In particolare gli studenti dell’Istituto Tecnico Luigi Sturzo di Gela ci hanno inviato foto che documentano la situazione di degrado della scuola, con infiltrazioni di umidità e calcinacci che continuano a cadere.

Nelle scorse settimane gli alunni si sono messi in marcia, direzione Caltanissetta per chiedere al Libero consorzio interventi urgenti di manutenzione negli edifici scolastici. Due settimane fa, a causa di alcune infiltrazioni i vigili del fuoco hanno interdetto tre aule, creando non pochi disagi.

Alla protesta si sono associati anche i compagni del liceo Vittorini. Nove aule di quest’ultima scuola, infatti, sono ospitate allo Sturzo da due anni perché l’ex provincia non ha trovato altre soluzioni.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della Caritas di San Severo

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della ...

Pinuccio torna sul caso di Aboubakar Soumahoro, autosospesosi da deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, con la prima e unica intervista televisiva a don Andrea Pupilla, direttore della Caritas Diocesana di San Severo. Soumahoro in passato aveva raccolto 16mila euro per fare dei regali ai bambini del ghetto di San Severo, annunciando con gran risalto l'iniziativa vestito da Babbo Natale in un video. Peccato che, come rivela don Andrea Pupilla, «nel ghetto di Torretta Antonacci bambini non ...

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Pinuccio trova a Barletta per parlarci del canale Tittadegna, che dovrebbe raccogliere acque piovane ma che in realtà è un covo di rifiuti. L'inquinamento riguarda non solo il canale, visto che il corso d'acqua sversa nel fiume Ofanto e in seguito in mare. E la questione è ancora più grave se si considera che tra i rifiuti ce ne sono alcuni che destano particolari preoccupazioni. Il nostro inviato ha chiesto spiegazioni all'assessore all'Ambiente del Comune di Barletta, Anna Maria Riefolo

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo