News

(Suor) Cristina ai tempi del Tapiro

(Suor) Cristina ai tempi del Tapiro

(Suor) Cristina ai tempi del Tapiro

Lei è in nomination sull'Isola dei Famosi ormai senza il velo. Il pubblico di Striscia la notizia però non ha dimenticato quando nel 2014 si è guadagnata il trofeo del tg satirico.

In pochi forse si aspettavano la nomination a Cristina Scuccia sull’Isola dei Famosi. Eppure la coppia leader formata da Alessandro Cecchi Paone e Simone Antolini si è fatta pochi scrupoli e l’ha spedita al televoto per spronarla a dimostrare qualcosa in più e a far uscire la sua vera personalità. Certo l’ex suora non si fa abbattere dalle critiche. O forse si è abituata. Nel 2014 era infatti finita nell’occhio del ciclone per il suo remake di Like a Virgin, controversa hit di Madonna. A puntare il dito contro l’allora religiosa erano stati i vescovi italiani. Motivo per il quale Cristina Scuccia aveva ricevuto un Tapiro d’oro.

Le critiche della CEI all’allora Suor Cristina Scuccia

«Un’operazione commerciale spericolata e furbetta», così il Servizio Informazione Religiosa, ovvero l’agenzia di stampa che fa riferimento alla Conferenza Episcopale Italiana (CEI), aveva bollato la decisione di Suor Cristina di lanciare il suo primo disco con la rivisitazione del brano di Madonna. Valerio Staffelli aveva intercettato, quindi, l’aspirante pop star all’Aeroporto di Milano-Linate con lo storico premio di Striscia la notizia. La religiosa, ha spiegato all’inviato come la sua intenzione fosse quella di restituire alla canzone un significato ecclesiastico e di farla diventare quasi una preghiera e un messaggio d’amore attraverso un linguaggio vicino ai giovani e alle persone comuni. E con lo scopo di raccogliere soldi da donare in beneficienza.

 

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Be careful, sciùra: Staffelli e il suo team tra sputi e botte

Be careful, sciùra: Staffelli e il suo team tra sputi e botte

Attenzione borseggiatrici, pickpockets, carteristas: a Milano cambia il modo di chiamarle, a seconda delle lingue dei turisti, ma non cambiano le abitudini di chi cerca di rubare portafogli o telefoni, in metro e in stazione Centrale. «Be careful, sciùra»: Valerio Staffelli e il suo team di interdizione mettono in guardia il maggior numero possibile di passeggeri, destreggiandosi tra sputi, insulti e getti d'acqua sulle telecamere. E uno dei ganci viene anche picchiato

Il salto del tornello, a Milano la seconda edizione

Il salto del tornello, a Milano la seconda edizione

Valerio Staffelli "presenta" una sfida appassionante alle regole di convivenza civica: il salto del tornello della metropolitana di Milano. C'è chi scavalla la barriera con poca grazia, chi salta come un canguro e poi c'è la rappresentante delle quote rosa che appoggia la borsetta e passa sotto. Molti dei partecipanti si fanno poi convincere dall'inviato a pagare regolarmente il biglietto. Ma qualcuno non ci sente, qualcuno insulta e qualcun altro scappa...

Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Staffelli torna a occuparsi del problema dei furti sui treni e tra i binari di Milano Centrale. Una ragazza punta un anziano in procinto di salire sul treno con la scusa di aiutarlo. Una borseggiatrice camaleontica, già beccata più volte, rivolge all'inviato frasi volgari davanti ad alcuni bambini. Un'altra per sfuggire a Staffelli si infila addirittura negli uffici della Polfer, che le notifica il Daspo. Lei però torna di nuovo in azione superando i tornelli con gran disinvoltura...

Alla stazione centrale di Milano vietato l'ingresso a Striscia

Alla stazione centrale di Milano vietato l'ingresso a Striscia

Una collaboratrice di Valerio Staffelli, impegnata nella realizzazione di un servizio sui borseggi alla Stazione Centrale di Milano e munita di regolare biglietto, è stata bloccata ai varchi d'ingresso ai binari dal personale di sicurezza delle Ferrovie. Di fatto è stato così impedito al tg satirico di proseguire l'inchiesta sui furti nei treni. Nel frattempo le borseggiatrici passavano tranquillamente e senza titolo di viaggio dai tornelli di uscita lì accanto

Arresto in stazione: Staffelli sventa il furto di una valigia

Arresto in stazione: Staffelli sventa il furto di una valigia

L'inviato di Striscia torna alla stazione di Milano Centrale per mostrarci come sia agevole per i malintenzionati superare le barriere, visto che si passa senza biglietto. Un ladro può fingersi passeggero, prendere bagagli posizionati vicino alle uscite e portarli giù dal treno. Come fa un uomo che segue una turista inglese e, al momento opportuno, le ruba il trolley già sul convoglio: ma Staffelli lo segue e non lo molla, riesce a fermarlo e a quel punto scatta pure l'arresto