News

Viadotto Himera, Anas nella bufera per i ritardi: apertura slitta a settembre

Viadotto Himera, Anas nella bufera per i ritardi: apertura slitta a settembre

Viadotto Himera, Anas nella bufera per i ritardi: apertura slitta a settembre

Il viadotto Himera non s’ha da fare. Non nei tempi previsti perlomeno. L’apertura prevista per luglio, già in ritardo sul primo prospetto, slittata infatti a settembre.

Ma andiamo con ordine. 

Nel 2015 il ponte sulla Palermo-Catania crolla a causa di una frana, dando il via a un vero e proprio calvario per automobilisti e autotrasportatori, costretti a utilizzare strade alternative spesso impervie. 

Per tamponare si ricorre a una costosa bretella, dalla percorrenza non proprio rapida.

Tutto questo in attesa della riapertura del viadotto. Ma fino al 2018 non si muove nulla. La totale assenza di lavori è stata anche documentata da Stefania Petyx in uno dei suoi servizi sul caso.

Nel maggio 2018 finalmente la buona notizia: Anas dà il via ai lavori, la cui chiusura è prevista per settembre 2019.

Peccato che a gennaio 2020, quando Stefania Petyx si è recata nuovamente sul luogo, la situazione era ancora piuttosto avvilente.

Ecco cosa ci aveva mostrato la nostra inviata solo pochi mesi fa.


Da quelle immagini era già abbastanza evidente che i lavori fossero parecchio indietro

E infatti proprio in questi giorni ha iniziato a girare la notizia dell’ennesimo rinvio, da luglio (prima si era detto maggio) a settembre, che ha mandato su tutte le furie l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone. 
 

Le dichiarazioni dell’assessore Falcone su Anas

“Stamane dobbiamo prendere atto di un’amara realtà: i lavori al viadotto Himera subiranno l’ennesimo rinvio di un altro mese e mezzo rispetto all’ultima data indicata dall’Anas per la consegna dell’opera, cioè luglio – ha detto Falcone – Dinanzi ai continui ritardi sulla costruzione di meno di 300 metri di autostrada, un cantiere diventato un’agonia lunga cinque anni, le date e le promesse lasciano il tempo che trovano. Oggi chiediamo al Ministero delle Infrastrutture di intervenire una volta per tutte: si rescinda il contratto con l’impresa appaltatrice e si sollevi l’Anas dalla responsabilità dell’opera”.

“Ai ritardi dovuti all’emergenza coronavirus – spiega l’assessore – su cui siamo stati naturalmente comprensivi – prosegue l’esponente del Governo Musumeci – si sommano ulteriori rallentamenti che trovano giustificazione solo nell’incapacità di Anas a far rispettare tempi e scadenze. Il Ministero delle Infrastrutture, adesso, è chiamato a sanare la ferita di un’Italia a due velocità sul piano infrastrutturale”, prosegue Falcone, facendo riferimento alla rapidità con cui è stata trovata una soluzione per il Ponte Morandi di Genova, diversamente da quanto accaduto in Sicilia, in cui a distanza di cinque anni ancora non si vede un termine.

“Chiediamo – conclude Falcone – che l’impresa e l’Anas lascino il viadotto Himera e che il ministro Paola De Micheli affidi alla Regione il commissariamento dell’opera con poteri sul modello attuato a Genova per il ponte Morandi”.
 

L’ira dei sindacati

Anche i sindacati sono intervenuti sulla questione, invocando l’intervento del governo. In una nota firmata dal segretario generale della Filca Cisl, Paolo D’Anca e dai segretari della Feneal Uil e Fillea Cgil, Francesco Di Martino e Mario Ridulfo si legge: “Non è  piu’ tollerabile l’ennesimo rinvio dei lavori del viadotto Himera. È necessario che intervenga urgentemente il governo nazionale e si convochi un incontro con la Regione e l’Anas per trovare una soluzione immediata e mettere fine a questa telenovela ridicola, che pesa come un macigno sul destino dei siciliani. Basta rimpalli e stop, è arrivato il momento delle responsabilità, ognuno faccia la sua parte. Riteniamo che sia improcrastinabile la convocazione di un tavolo tecnico con tutti gli interlocutori interessati per discutere del viadotto Himera e di tutte le altre opere incompiute perche’ non è piu’ tempo dello scarica barile, e degli spot ma bisogna passare una volta per tutte delle parole ai fatti”.
 

La versione di Anas sui ritardi per la riapertura del viadotto Himera

Netta la replica dell’azienda: “In merito ai tempi di realizzazione del nuovo viadotto Imera sull’autostrada A19 Palermo-Catania, Anas chiarisce che l’ulteriore slittamento della data di ultimazione è imputabile esclusivamente all’emergenza Covid-19. Tale evento – come è noto a tutti – ha impattato negativamente sull’intera filiera produttiva, dilatando i cronoprogrammi di tutti i cantieri in corso”.

“Nel caso specifico – si legge in una nota dell’Anas – l’impresa fornitrice del nord Italia è stata costretta a rallentare fortemente la produzione e, quindi, la successiva fornitura degli appoggi in acciaio dell’impalcato del viadotto. Al di là di ogni valutazione sul rispetto dei tempi da parte dell’impresa appaltatrice, in generale la rescissione di un contratto in fase avanzata o, come nel caso dell’Imera, in via di completamento, comporta una forte dilatazione dei tempi di esecuzione complessivi. Le sole procedure per espletare una nuova gara d’appalto sarebbero infatti, anche nel caso dell’Imera, di gran lunga superiori al tempo necessario per portare a compimento l’opera. Anas prosegue, pertanto, il suo impegno nel seguire i lavori e portarli a termine limitando i ritardi”.“

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Petyx aggredita a Campobello di Mazara, ultimo covo di Messina Denaro

Petyx aggredita a Campobello di Mazara, ultimo covo di Messina ...

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) in esclusiva le primissime immagini dell'aggressione subita da Stefania Petyx a Campobello di Mazara, ultimo covo del boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro. L'inviata del tg satirico, in missione per chiedere ai cittadini un selfie contro la mafia, invece di ricevere solidarietà è stata insultata, minacciata e poi quasi investita da un motorino. Il servizio integrale andrà in onda nella puntata del 27 gennaio.

Pernacchie per i progetti di edilizia popolare a Palermo

Pernacchie per i progetti di edilizia popolare a Palermo

Stefania Petyx si occupa dell'occupazione abusiva: a Palermo un bene sequestrato alla mafia è occupato da 10 anni da 41 famiglie con circa 80 bambini. Negata la possibilità di affittare casa in mancanza di contratti lavorativi e garanti, ora che hanno ricevuto un avviso di sfratto, queste famiglie dove finiranno? È l'annoso problema dell'edilizia popolare di Palermo, che ha perso la possibilità di accedere al Pnrr, qui diventato Prrr!

Nel 2023 siamo tutti più buoni: ecco

Nel 2023 siamo tutti più buoni: ecco "Good news" dalla Sicilia

Dopo i servizi di Striscia molti problemi vengono risolti: ecco alcune "Good News". Stefania Petyx ci racconta che al porticciolo di Marinella di Selinunte in provincia di Trapani finalmente i lavori per liberare il porto sono arrivati a una svolta. Anche per il cantiere sulla circonvallazione di Palermo (che si allagava a ogni nubifragio) ora c'è una soluzione. Infine, sempre a Palermo, si stanno risolvendo le difficoltà relative al rinnovo della carta d'identità.

I bambini dello Zen meritano un regalo speciale: un giardino senza immondizia

I bambini dello Zen meritano un regalo speciale: un giardino ...

Stefania Petyx torna in un luogo che è un mondo a parte, una Palermo dentro Palermo: il quartiere Zen, dove i bambini hanno un desiderio diverso da quello di tutti gli altri. Vorrebbero una piazza! Sì, perché i due piccoli polmoni verdi sono ridotti a immondezzai: Striscia la notizia si era fatto promettere dagli assessori regionali competenti che sarebbero intervenuti, ma non è ancora successo niente. Abbiamo fatto un nodo al fazzoletto.

Movida selvaggia a Palermo, la vendita di alcol ai minori

Movida selvaggia a Palermo, la vendita di alcol ai minori

Stefania Petyx torna a occuparsi del problema della movida selvaggia a Palermo. Dopo averci mostrato come alla Vucciria circolino droga e alcol fino a tarda notte, la nostra inviata ha fatto un giro anche per altri quartieri del capoluogo e ha scoperto che sono diverse le zone dove la situazione non è poi così diversa. In molti locali, infatti, si vendono alcolici ai minorenni. L'assessore alle attività produttive del Comune di Palermo Giuliano Forzinetti, però, promette di prendere ...

La movida a Palermo tra musica, droga e alcol per le strade

La movida a Palermo tra musica, droga e alcol per le strade

Stefania Petyx ha raccolto le testimonianze dei residenti del quartiere la Vucciria di Palermo, esausti ed esasperati dalla movida notturna. Nonostante le diverse lamentele, il Comune per ora sembra non voler prendere provvedimenti, ma la nostra inviata, grazie a una complice, ci mostra le immagini di quello che avviene per le strade, tra banchetti abusivi che vendono alcolici e pusher che sono veri e proprio minimarket della droga che avvicinano i giovani nottamboli cercando di vendere ...