News

Abusi professionali, l’AIDIPro ringrazia Striscia la notizia

Abusi professionali, l’AIDIPro ringrazia Striscia la notizia

Abusi professionali, l’AIDIPro ringrazia Striscia la notizia

Dopo il servizio di Striscia la notizia in cui Rajae mostrava l’attività di una ragazza italo-marocchina che effettua sbancamento dentale facendosi pagare in nero e senza avere il titolo né di odontoiatra né di igienista dentale, abbiamo ricevuto una lettera dal Dott. Domenico Pignataro, Segretario Nazionale del Sindacato degli igienisti Dentali AIDIPro, che ringrazia il tg satirico “per la funzione pubblicistica che il vostro programma ha nella lotta agli abusi professionali e nella fattispecie della nostra professione”.

In particolare, durante la puntata del 20 ottobre, Rajae, osserva Pignataro, “ha dato un contributo importante alla divulgazione e conoscenza della nostra categoria professionale”. Il Segretario di AIDIPro aggiunge poi che l’igienista dentale, secondo la legge 2/2018 “è un professionista sanitario che per esercitare la professione deve essere in possesso di una laurea di primo livello (o titoli equivalenti) con obbligo di iscrizione all’ordine”.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Immagini shock dal CPR di Milano: proteste, violenze e tentativi di suicidio

Immagini shock dal CPR di Milano: proteste, violenze e tentativi ...

Rajae Bezzaz torna a indagare sulle condizioni disumane all'interno di molti CPR, dove vengono trattenuti gli stranieri non in regola con i documenti. In particolare, di quello di Milano, con immagini inedite realizzate con gli smartphone all'interno della struttura di via Corelli. Immagini che, pur mostrando solo un lato della medaglia, testimoniano una realtà di estremo disagio: continue proteste, l'ennesimo incendio, episodi di autolesionismo e anche tentativi di suicidio.

"Al CPR psicofarmaci in continuazione per tenerli tranquilli"

Continua l'inchiesta di Rajae Bezzaz sui Centri di Permanenza per il Rimpatrio (CPR): dopo Palazzo San Gervasio (Potenza), l'inviata si occupa del CPR di Milano e parla con Ismail Maher, ex operatore in via Corelli: «Vedevamo ogni giorno ospiti a cui iniettavano psicofarmaci per un mal di testa, di pancia o un'influenza». Maher ha segnalato il problema al medico della struttura, che gli ha risposto: «Tanto sono animali».