News

Abusi professionali, l’AIDIPro ringrazia Striscia la notizia

Abusi professionali, l’AIDIPro ringrazia Striscia la notizia

Abusi professionali, l’AIDIPro ringrazia Striscia la notizia

Dopo il servizio di Striscia la notizia in cui Rajae mostrava l’attività di una ragazza italo-marocchina che effettua sbancamento dentale facendosi pagare in nero e senza avere il titolo né di odontoiatra né di igienista dentale, abbiamo ricevuto una lettera dal Dott. Domenico Pignataro, Segretario Nazionale del Sindacato degli igienisti Dentali AIDIPro, che ringrazia il tg satirico “per la funzione pubblicistica che il vostro programma ha nella lotta agli abusi professionali e nella fattispecie della nostra professione”.

In particolare, durante la puntata del 20 ottobre, Rajae, osserva Pignataro, “ha dato un contributo importante alla divulgazione e conoscenza della nostra categoria professionale”. Il Segretario di AIDIPro aggiunge poi che l’igienista dentale, secondo la legge 2/2018 “è un professionista sanitario che per esercitare la professione deve essere in possesso di una laurea di primo livello (o titoli equivalenti) con obbligo di iscrizione all’ordine”.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?