News

Arrestato a Conversano il presidente dell’UNAC, Striscia si era occupata di lui

Arrestato a Conversano il presidente dell’UNAC, Striscia si era occupata di lui

Arrestato a Conversano il presidente dell’UNAC, Striscia si era occupata di lui

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari e della Sezione di P.G. hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di Antonio Savino, presidente dell’UNAC (Unione Nazionale Arma Carabinieri), una vecchia conoscenza di Striscia la notizia e in particolare di Valerio Staffelli.

L’UNAC, infatti, è un’associazione autodefinitasi sindacato e mai riconosciuta come tale dal Ministero della Difesa, non riconducibile in alcun modo dunque all’Arma dei Carabinieri. Lo scorso maggio ci eravamo occupati di una delle sue attività, cioè la pubblicazione di un giornale, La rivista dell’Arma, che utilizza colori e icone riconducibili all’Arma ma che non è riconosciuta dall’Arma dei Carabinieri.

Ora il GIP del Tribunale di Bari, su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo pugliese ha emesso l’ordinanza e Savino risulta indagato per “violenza o minaccia a un pubblico ufficiale” e “calunnia”.

Il provvedimento arriva al termine dell’attività di indagine che ha riscontrato come, proprio pochi giorni dopo il nostro servizio, durante una manifestazione dell’UNAC tenuta sotto la sede del Palazzo di Giustizia, prima, e del Comando Legione Carabinieri, dopo, Savino avrebbe commesso i reati a lui imputati. Nel corso della manifestazione, infatti, il Presidente dell’UNAC avrebbe accusato l’Arma dei Carabinieri di “corruzione”, “associazione per delinquere” e “truffa” (citando l’esistenza di un cerchia di generali corrotti che avrebbe truffato lo Stato, attraverso l’indizione di una gara di appalto truccata, finalizzata all’assegnazione di veicoli dell’Arma dei Carabinieri, in cambio di tangenti) nonché di “simulazione di reato” (per aver redatto delle note con cui erano state evidenziate violazioni di diverse norme del codice penale da parte di Savino).

Per il giudice, l’indagato nutrirebbe sentimenti di “acredine in conseguenza di personali vicende giudiziarie, anche legate al proprio precedente status di carabiniere, decaduto a seguito della “perdita del grado” e alla sua cancellazione dal ruolo d’onore dei sottufficiali”.
 

 

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Milano, dopo il Daspo mattutino la borseggiatrice torna in azione

Staffelli torna a occuparsi del problema dei furti sui treni e tra i binari di Milano Centrale. Una ragazza punta un anziano in procinto di salire sul treno con la scusa di aiutarlo. Una borseggiatrice camaleontica, già beccata più volte, rivolge all'inviato frasi volgari davanti ad alcuni bambini. Un'altra per sfuggire a Staffelli si infila addirittura negli uffici della Polfer, che le notifica il Daspo. Lei però torna di nuovo in azione superando i tornelli con gran disinvoltura...

Alla stazione centrale di Milano vietato l'ingresso a Striscia

Alla stazione centrale di Milano vietato l'ingresso a Striscia

Una collaboratrice di Valerio Staffelli, impegnata nella realizzazione di un servizio sui borseggi alla Stazione Centrale di Milano e munita di regolare biglietto, è stata bloccata ai varchi d'ingresso ai binari dal personale di sicurezza delle Ferrovie. Di fatto è stato così impedito al tg satirico di proseguire l'inchiesta sui furti nei treni. Nel frattempo le borseggiatrici passavano tranquillamente e senza titolo di viaggio dai tornelli di uscita lì accanto

Arresto in stazione: Staffelli sventa il furto di una valigia

Arresto in stazione: Staffelli sventa il furto di una valigia

L'inviato di Striscia torna alla stazione di Milano Centrale per mostrarci come sia agevole per i malintenzionati superare le barriere, visto che si passa senza biglietto. Un ladro può fingersi passeggero, prendere bagagli posizionati vicino alle uscite e portarli giù dal treno. Come fa un uomo che segue una turista inglese e, al momento opportuno, le ruba il trolley già sul convoglio: ma Staffelli lo segue e non lo molla, riesce a fermarlo e a quel punto scatta pure l'arresto